Nuovi anticoagulanti orali: Apixaban non è associato a un aumento di infarto miocardico


Il sistema di coagulazione contribuisce notevolmente all'evoluzione dell’infarto del miocardio.
L’anticoagulazione può pertanto ridurre l'insorgenza di infarto miocardico in monoterapia o con l'uso concomitante di Acido Acetilsalicilico ( Aspirina ).

Gli antagonisti del fattore X attivato ( anti-Xa ) e gli inibitori diretti della trombina hanno mostrato risultati promettenti in varie indicazioni in studi di non-inferiorità.
Tuttavia, i dati per quanto riguarda la loro sicurezza cardiovascolare sono eterogenei.

E’stata valutata in maniera sistematica il rischio di infarto miocardico e di mortalità nei pazienti trattati con un nuovo anticoagulante anti-Xa, Apixaban ( Eliquis ).

Le misure di efficacia hanno incluso la frequenza dell’infarto miocardico, la mortalità cardiovascolare e la mortalità complessiva.

Nel periodo 2000-2013 sono stati identificati 12 studi clinici randomizzati e controllati ( RCT ) che hanno coinvolto 54.054 pazienti.

Sulla base dei risultati aggregati, non è emerso alcun aumento del rischio di infarto miocardico nei pazienti trattati con Apixaban [ odds ratio ( OR ) 0.90; 95% intervallo di confidenza (IC) 0.77-1.05; p = 0.17 ] rispetto ai diversi controlli.

La mortalità cardiovascolare e la mortalità generale con Apixaban è risultata paragonabile a quella dei gruppi di controllo ( OR = 0.88; 95% CI 0.72-1.06, p = 0.18; OR = 0.89; 95% CI 0.77-1.03, p = 0.11, rispettivamente ).

Il rischio aggregato di sanguinamento maggiore è stato inferiore nei gruppi trattati con Apixaban ( OR = 0.84; 95% CI 0.62-1.12; p = 0.23 ); tuttavia questo ha raggiunto livelli significativi solo nella analisi di sottogruppo degli studi clinici con regimi anticoagulanti nel controllo ( OR = 0.66 ; 95% CI 0.51-0.87; p = 0.003 ).

In conclusione, in un ampio spettro di pazienti, il trattamento con Apixaban non è risultato associato a un aumento di infarto miocardico o di mortalità. ( Xagena2014 )

Tornyos A et al, J Thromb Trombolysis 2014; Epub ahead of print

Cardio2014 Emo2014 Farma2014


Indietro

Altri articoli

Rispetto alla popolazione generale, i pazienti con malattia renale cronica avanzata hanno un carico di fibrillazione atriale di 10 volte...


Le lineeguida mettono in guardia contro l'uso di anticoagulanti orali non-antagonisti della vitamina K in pazienti con peso corporeo estremamente...


Ondexxya è un medicinale usato per fermare il sanguinamento potenzialmente fatale o incontrollato negli adulti che assumono i medicinali anticoagulanti...


Apixaban ( Eliquis ) e Rivaroxaban ( Xarelto ), entrambi anticoagulanti orali ad azione diretta, vengono sempre più utilizzati nella...


Sono stati valutati l'uso e gli esiti della terapia antipiastrinica in pazienti sottoposti a intervento coronarico percutaneo ( PCI )...


I pazienti con malattia renale allo stadio terminale in dialisi sono stati esclusi dagli studi clinici sugli anticoagulanti orali diretti...


Apixaban è risultato superiore a due altri nuovi anticoagulanti orali non-antagonisti-della-vitamina K ( NOAC ) in un'ampia analisi di dati...


I pazienti con precedente ictus sono a maggior rischio di eventi cardiovascolari ricorrenti post-sindromi coronariche acute ( ACS ) e...


Dallo studio EMANATE è emerso che i pazienti con fibrillazione atriale che hanno ricevuto Apixaban ( Eliquis ) prima della...


Nello studio ARISTOTLE ( Apixaban for Reduction of Stroke and Other Thromboembolic Complications in Atrial Fibrillation ), la dose standard...