Aterosclerosi in 4000 anni di storia dell’uomo


L’aterosclerosi è ritenuta una malattia dell’uomo moderno, legata agli stili di vita contemporanei. Tuttavia, la sua prevalenza precedente all’età moderna non è nota.

È stato condotto uno studio per valutare la aterosclerosi nelle popolazioni preindustriali.

Sono state ottenute scansioni dell’intero corpo di 137 mummie provenienti da 4 diverse regioni geografiche o popolazioni, coprendo un periodo di oltre 4000 anni.

Sono stati sottoposti all’analisi individui provenienti dall’antico Egitto, dall’antico Perù, i Pueblos ancestrali dell’America del sud-ovest e gli Unangan delle isole Aleutine.

Si è parlato di aterosclerosi definita se veniva osservata una placca calcificata nella parete di un’arteria e di aterosclerosi probabile se le calcificazioni erano state osservate lungo il percorso atteso di un’arteria.

L’aterosclerosi probabile o definita è stata osservata in 47 ( 34% ) delle 137 mummie e in tutte e 4 le popolazioni geografiche: 29 ( 38% ) delle 76 mummie dell’antico Egitto, 13 ( 25% ) dei 51 antichi Peruviani, 2 ( 40% ) dei 5 Pueblos ancestrali e 3 ( 60% ) dei 5 Unangan cacciatori-raccoglitori.

L’aterosclerosi è risultata presente nella aorta in 28 ( 20% ) mummie, nelle arterie iliaca o femorale in 25 ( 18% ), nelle arterie poplitea o tibiale in 25 ( 18% ), nelle arterie carotidee in 17 ( 12% ) e nelle arterie coronariche in 6 ( 4% ).

Dei 5 letti vascolari esaminati, la aterosclerosi è risultata presente in 1-2 letti in 34 ( 25% ) mummie, in 3-4 letti in 11 ( 8% ) e in tutti e 5 i letti vascolari in 2 ( 1% ).

L’età al momento del decesso è risultata positivamente correlata con l’aterosclerosi ( età media al decesso 43 anni per le mummie con aterosclerosi vs 32 anni per quelle senza aterosclerosi; p inferiore a 0.0001 ) e con il numero dei letti arteriosi coinvolti ( età media 32 anni per mummie senza aterosclerosi, 42 anni per quelli con aterosclerosi in 1-2 letti e 44 anni per quelli con aterosclerosi in 3-5 letti; p inferiore a 0.0001 ).

In conclusione, l’aterosclerosi è risultata comune in 4 popolazioni preindustriali inclusi i cacciatori-raccoglitori di culture pre-agricole.

Benché in genere considerata una malattia moderna, la presenza di aterosclerosi negli uomini pre-moderni incrementa la possibilità di una predisposizione basale alla malattia. ( Xagena2013 )

Thompson RC et al, Lancet 2013; 381: 1211-1222

Endo2013 Cardio2013



Indietro

Altri articoli

I pazienti con artrite reumatoide hanno un aumentato rischio di malattie cardiovascolari. Non sono stati pubblicati studi di intervento a...


Studi osservazionali suggeriscono che l'aterosclerosi sintomatica può essere associata al rischio di tromboembolismo venoso ( VTE ). Precedenti studi randomizzati hanno...


Esistono dati limitati sull'associazione tra la malattia del fegato grasso non-alcolico, anche nota come steatosi epatica non-alcolica ( NAFLD )...


È stato valutato l'effetto degli inibitori del fattore di necrosi tumorale ( TNFi ) sulla malattia cardiovascolare subclinica in pazienti...


Il diabete mellito di tipo 1 comporta un rischio significativo di mortalità cardiovascolare, ma non è chiaro in che modo...


Lo studio CIRT ha mostrato che il Metotrexato a basso dosaggio somministrato per ridurre l'infiammazione non ha prodotto alcun impatto...


L' assenza di fattori di rischio cardiovascolare è tradizionalmente considerata associata a basso rischio per l'aterosclerosi; tuttavia, gli individui senza fattori di...


Si ipotizza che l'infiammazione nel microambiente tumorale mediata dall'interleuchina-1-beta ( IL-1-beta ) abbia un ruolo importante nell'invasività, nella progressione e...


L’accorciamento della lunghezza dei telomeri dei leucociti ( LTL ) è associata a eventi ischemici cardiovascolari e a mortalità negli...


Un aumento della frequenza di aterosclerosi nel lupus eritematoso sistemico ( SLE ) è ben documentato ma non completamente spiegato...