Atorvastatina, Etidronato o entrambi in pazienti ad alto rischio di placche aterosclerotiche aortiche


Le statine non sono efficaci nel ridurre le placche aterosclerotiche dell'aorta addominale e numerose prove indicano che i bifosfonati hanno la potenziale capacità di indurre la regressione delle placche aterosclerotiche della aorta addominale.

Uno studio in aperto prospettico, randomizzato, in cieco, ha coinvolto 108 partecipanti con ipercolesterolemia.
I partecipanti hanno ricevuto 20 mg di Atorvastatina ( Lipitor, Torvast ) al giorno, 400 mg di Etidronato ( Didronel ) al giorno, o entrambi i farmaci quotidianamente.

L'endpoint primario era la variazione percentuale del massimo spessore della parete del vaso dovuto a placche aterosclerotiche nelle aorte toraciche e addominali misurato con la risonanza magnetica, dopo 12 mesi di trattamento.

Nei gruppi di terapia combinata e di trattamento con Atorvastatina, il massimo spessore della parete del vaso della aorta toracica si è ridotto, rispettivamente, del 13.8% e del 12.3%.

Questi tassi di riduzione sono risultati paragonabili tra i due gruppi ( P=0.61 ).

Nel gruppo Etidronato, il massimo spessore della parete del vaso della aorta toracica è rimasto invariato ( 2.2% ).

Al contrario, il massimo spessore della parete del vaso della aorta addominale si è ridotto in modo più efficace nel gruppo di terapia di combinazione ( -11.4% ), rispetto al gruppo Atorvastatina ( -0.9%; P minore di 0.001 ) e al gruppo Etidronato ( 5.5%, P=0.006 ).

In conclusione, la terapia di combinazione con Atorvastatina più Etidronato per 12 mesi ha significativamente ridotto le placche aortiche toraciche e addominali, mentre l’Atorvastatina in monoterapia ha ridotto solo le placche aortiche toraciche, e l’Etidronato in monoterapia ha ridotto solo le placche dell'aorta addominale.
L'efficacia della terapia di combinazione nel ridurre le placche aterosclerotiche nella aorta addominale è stata significativamente maggiore rispetto ad Atorvastatina ed Etidronato in monoterapia. ( Xagena 2013 )

Kawahara T et al, Circulation 2013; 127: 2327-2335

Cardio2013 Farma2013


Indietro

Altri articoli

La risonanza magnetica funzionale ( fMRI ) non è stata utilizzata per valutare gli effetti delle statine sul cervello. È stato...



In una analisi secondaria dello studio SECURE-PCI, una dose di carico periprocedurale di Atorvastatina ( Lipitor, Torvast ) ha ridotto...


Gli anticorpi monoclonali contro la proproteina convertasi subtilisina / kexina di tipo 9 ( PCSK9 ), come Evolocumab, abbassano le...


Le bronchiectasie sono caratterizzate da tosse cronica, espettorazione e infezioni polmonari ricorrenti. La patogenesi è poco conosciuta, ma viene osservato...


La malattia del trapianto contro l’ospite ( GVHD ) è la principale causa di morbilità e mortalità dopo trapianto allogenico...


Lo scopo di questo studio è stato quello di confrontare l'incidenza di diabete di nuova insorgenza con la riduzione di...


Uno studio ha confrontato l’incidenza di diabete mellito di nuova insorgenza con la riduzione di eventi cardiovascolari. Le statine riducono...


RN316 si lega alla proproteina convertasi subtilisina / kexina tipo 9 ( PCSK9 ), impedendo la down-regulation PCSK9-mediata dei recettori...