Atorvastatina nella sindrome clinicamente isolata


Lo studio STAyCIS ha valutato efficacia e sicurezza di Atorvastatina ( Lipitor, Torvasc ) in soggetti con sindrome clinicamente isolata.

Pazienti con sindrome clinicamente isolata sono stati arruolati nello studio di fase II, in doppio cieco, placebo-controllato, randomizzato e multicentrico ( 14 Centri ) per valutare l’effetto di 80 mg di Atorvastatina sulla attività clinica e cerebrale alla risonanza magnetica.

La risonanza magnetica cerebrale è stata effettuata a cadenza trimestrale.

L’endpoint primario era lo sviluppo di tre o più nuove lesioni in T2, o di una recidiva clinica entro 12 mesi.

Ai soggetti che raggiungevano l’endpoint primario è stata offerta un’ulteriore settimana di trattamento con Interferone beta-1a ( IFNbeta-1a ).

A causa del lento reclutamento, l’arruolamento è stato interrotto dopo che 81 dei 152 soggetti con sindrome clinicamente isolata previsti erano stati arruolati e avevano iniziato il trattamento farmacologico dello studio.

I numeri mediani di lesioni in T2 e captanti il Gadolinio erano 15.0 e 0.0 al basale.

In totale, il 53.1% dei soggetti trattati con Atorvastatina ( n= 26/49 ) ha raggiunto l’endpoint primario rispetto al 56.3% dei pazienti del gruppo placebo ( n=18/32 ) ( p=0.82 ).

Undici pazienti del gruppo Atorvastatina ( 22.4% ) e 7 del gruppo placebo ( 21.9% ) hanno raggiunto l’endpoint primario in base ai criteri clinici.

La proporzione di soggetti che non hanno sviluppato nuove lesioni in T2 fino al mese 12 o all’inizio della terapia con Interferone beta-1a è stata del 55.3% nel gruppo Atorvastatina e 27.6% nel gruppo placebo ( p=0.03 ).

La probabilità di rimanere liberi da lesioni in T2 è risultata significativamente maggiore nel gruppo Atorvastatina rispetto al gruppo placebo ( odds ratio, OR=4.34, p=0.01 ), mentre la probabilità di rimanere liberi da lesioni captanti il Gadolinio ha mostrato la tendenza ad essere più alta nel gruppo Atorvastatina ( OR=2.72, p=0.11 ).

In generale, Atorvastatina è risultata ben tollerata.

Alla risonanza magnetica non è stata osservato alcun chiaro effetto antagonista della Atorvastatina più Interferone beta-1a.

In conclusione, il trattamento con Atorvastatina ha ridotto in modo significativo lo sviluppo di nuova attività delle lesioni in T2 alla risonanza magnetica cerebrale, benché non abbia raggiunto l’endpoint primario composito clinico e di imaging. ( Xagena2012 )

Waubant E et al, Neurology 2012; 78: 1171-1178

Neuro2012 Farma2012


Indietro

Altri articoli

La risonanza magnetica funzionale ( fMRI ) non è stata utilizzata per valutare gli effetti delle statine sul cervello. È stato...



In una analisi secondaria dello studio SECURE-PCI, una dose di carico periprocedurale di Atorvastatina ( Lipitor, Torvast ) ha ridotto...


Gli anticorpi monoclonali contro la proproteina convertasi subtilisina / kexina di tipo 9 ( PCSK9 ), come Evolocumab, abbassano le...


Le bronchiectasie sono caratterizzate da tosse cronica, espettorazione e infezioni polmonari ricorrenti. La patogenesi è poco conosciuta, ma viene osservato...


La malattia del trapianto contro l’ospite ( GVHD ) è la principale causa di morbilità e mortalità dopo trapianto allogenico...


Lo scopo di questo studio è stato quello di confrontare l'incidenza di diabete di nuova insorgenza con la riduzione di...


Uno studio ha confrontato l’incidenza di diabete mellito di nuova insorgenza con la riduzione di eventi cardiovascolari. Le statine riducono...


Le statine non sono efficaci nel ridurre le placche aterosclerotiche dell'aorta addominale e numerose prove indicano che i bifosfonati hanno...


RN316 si lega alla proproteina convertasi subtilisina / kexina tipo 9 ( PCSK9 ), impedendo la down-regulation PCSK9-mediata dei recettori...