Enzimi fosfolipasi A2, Atorvastatina ad alte dosi e previsione di eventi ischemici dopo sindromi coronariche acute


La fosfolipasi A2 secretoria ( sPLA2 ) e la fosfolipasi A2 lipoproteina associata ( Lp-PLA2 ) sono biomarcatori enzimatici di aumentato rischio cardiovascolare e obiettivo terapeutico.
Non è nota la relazione di queste fosfolipasi con gli eventi cardiovascolari nell'ambito di una terapia con statine ad alto dosaggio, rispetto al placebo, nei pazienti con sindrome coronarica acuta.

La concentrazione e attività di sPLA2 e Lp-PLA2 sono state misurate in 2587 pazienti nello studio MIRACL ( Myocardial Ischemia Reduction With Acute Cholesterol Lowering ) al basale e dopo 16 settimane di trattamento con Atorvastatina ( Lipitor, Torvast ) 80 mg/die oppure con placebo.

I livelli basali di concentrazione e le attività di sPLA2 e Lp-PLA2 non sono risultate associate con la misura di efficacia primaria dello studio, rappresentata da mortalità, infarto miocardico o angina instabile.

Tuttavia, nella coorte complessiva, la quantità basale di sPLA2 ha predetto il rischio di morte dopo aggiustamento multivariato ( hazard ratio per un aumento di 2 volte, HR=1.30; P=0.004 ).
Questa associazione è rimasta significativa quando esaminata separatamente nel gruppo placebo, ma non nel gruppo Atorvastatina.

Rispetto al placebo, Atorvastatina ha ridotto la concentrazione mediana di sPLA2 ( -32.1% contro -23.1% ), l'attività di sPLA2 ( -29.5% contro -19.2% ), la concentrazione di Lp-PLA2 ( -35.8% rispetto a -6.2% ) e l'attività di Lp-PLA2 ( -24.3% rispetto a 5.4%, P minore di 0.001 per tutti ).

Atorvastatina ha ridotto il rischio di morte associata a concentrazione e attività elevate di sPLA2 di circa il 50%.

In conclusione, la concentrazione di sPLA2 predice in modo indipendente la mortalità durante un periodo di 16 settimane dopo sindrome coronarica acuta.
Alte dosi di Atorvastatina riducono significativamente concentrazione e attività di sPLA2 e Lp-PLA2 dopo sindrome coronarica acuta e riducono il rischio di morte associato alla concentrazione di sPLA2. ( Xagena2012 )

Ryu SK et al, Circulation 2012; 125: 757-766

Cardio2012 Farma2012


Indietro

Altri articoli

La risonanza magnetica funzionale ( fMRI ) non è stata utilizzata per valutare gli effetti delle statine sul cervello. È stato...



In una analisi secondaria dello studio SECURE-PCI, una dose di carico periprocedurale di Atorvastatina ( Lipitor, Torvast ) ha ridotto...


Gli anticorpi monoclonali contro la proproteina convertasi subtilisina / kexina di tipo 9 ( PCSK9 ), come Evolocumab, abbassano le...


Le bronchiectasie sono caratterizzate da tosse cronica, espettorazione e infezioni polmonari ricorrenti. La patogenesi è poco conosciuta, ma viene osservato...


La malattia del trapianto contro l’ospite ( GVHD ) è la principale causa di morbilità e mortalità dopo trapianto allogenico...


Lo scopo di questo studio è stato quello di confrontare l'incidenza di diabete di nuova insorgenza con la riduzione di...


Uno studio ha confrontato l’incidenza di diabete mellito di nuova insorgenza con la riduzione di eventi cardiovascolari. Le statine riducono...


Le statine non sono efficaci nel ridurre le placche aterosclerotiche dell'aorta addominale e numerose prove indicano che i bifosfonati hanno...


RN316 si lega alla proproteina convertasi subtilisina / kexina tipo 9 ( PCSK9 ), impedendo la down-regulation PCSK9-mediata dei recettori...