Dispositivi Trevo versus Merci per la rivascolarizzazione di occlusioni di un grosso vaso mediante trombectomia nel ictus ischemico acuto


Nei pazienti con ictus, gli attuali dispositivi meccanici non sono in grado di produrre ricanalizzazioni significative delle occlusioni di un grande vaso.

Uno studio ha confrontato efficacia e sicurezza di Trevo Retriever, un nuovo dispositivo simile a uno stent, con il suo predecessore approvato dalla Food and Drug Administration ( FDA ) statunitense, il Merci Retriever.

Nello studio in aperto, randomizzato e controllato, sono stati arruolati pazienti da 26 siti in USA e da 1 in Spagna.

Sono stati inclusi adulti di età compresa tra 18 e 85 anni con ictus con occlusione di un grande vaso confermata con angiografia e punteggio NIHSS ( National Institutes of Health Stroke Scale ) di 8-29 entro 8 ore dall’insorgenza dei sintomi.

I pazienti sono stati assegnati in maniera casuale, e in un rapporto 1:1, a trombectomia con dispositivo Trevo o Merci.

La randomizzazione è stata stratificata per età ( uguale o inferiore a 68 anni vs 69-85 anni ) e punteggi NIHSS ( uguale o inferiore a 18 vs 19-29 ).

L’endpoint primario di efficacia, valutato in aperto da un laboratorio centrale, erano punteggi TICI ( thrombolysis in cerebral infarction ) uguali o superiori a 2 riperfusioni con il solo dispositivo assegnato.

L’endpoint primario di sicurezza era un composito di eventi avversi legati alla procedura e le analisi sono state effettuate per intention-to-treat.

Durante il 2011, 88 pazienti sono stati assegnati in maniera casuale al gruppo Trevo Retriever e 90 al gruppo Merci Retriever.

In totale, 76 ( 86% ) pazienti nel gruppo Trevo e 54 ( 60% ) nel gruppo Merci hanno raggiunto l’endpoint primario dopo l’utilizzo del dispositivo di assegnazione ( odds ratio, OR=4.22; p inferiore a 0.0001 per superiorità ).

L’incidenza dell’endpoint primario di sicurezza non ha mostrato differenze significative tra i gruppi ( 15% nel gruppo Trevo vs 23% nel gruppo Merci; p=0.1826 ).

In conclusione, nei pazienti che hanno subito un ictus con occlusione di un grosso vaso ma non-idonei per ( o refrattari a ) la somministrazione intravenosa di attivatore tissutale del plasminogeno ( tPA ) dovrebbero essere trattati di preferenza con il dispositivo Trevo Retriever, rispetto al Merci Retriever. ( Xagena2012 )

Nogueira RG et al, Lancet 2012; 380: 1231-1240


Neuro2012 Chiru2012



Indietro

Altri articoli

La stenosi intracranica sintomatica conferisce un alto rischio di ictus ricorrente, ma due precedenti studi ( SAMMPRIS e VISSIT )...


L'adolescenza rappresenta un periodo di transizione tra l'infanzia e l'età adulta e in questa popolazione esistono solo informazioni limitate sulle...


Si raccomanda l'uso di una terapia ipolipemizzante intensiva per mezzo di statine dopo attacco ischemico transitorio ( TIA ) e...


Nerinetide, un eicosapeptide che interferisce con la proteina 95 di densità post-sinaptica, è un neuroprotettore efficace nei modelli preclinici di...


Sono state studiate le concentrazioni circolanti di interleuchina IL-6, IL-8 e IL-10 e il rischio di ictus ischemico incidente nella...


L'effetto di Prasugrel ( Efient ) in termini di prevenzione della ricorrenza di ictus ischemico è sconosciuto. È stata studiata...


Il rischio di demenza dopo l'ictus è una delle maggiori preoccupazioni per i pazienti e per chi si prende cura...


Sebbene la doppia terapia antipiastrinica con Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ) e Clopidogrel ( Plavix ) riduca la recidiva precoce...


Le microemorragie cerebrali sono un biomarcatore di neuroimaging del rischio di ictus. Una domanda clinica cruciale è se le microemorragie...


È stata effettuata una revisione sistematica e una meta-analisi sulla prevalenza del disturbo respiratorio nel sonno ( SDB ) dopo...