Un focolaio di malattia simil-Kawasaki grave nell'epicentro italiano dell'epidemia da SARS-CoV-2


La provincia di Bergamo, che è stata ampiamente colpita dalla grave epidemia di sindrome respiratoria acuta da coronavirus 2 ( SARS-CoV-2 ), è un osservatorio naturale delle manifestazioni virali nella popolazione generale.
È stato registrato un focolaio di malattia di Kawasaki; sono state valutate l'incidenza e le caratteristiche dei pazienti con malattia simil-Kawasaki diagnosticata durante l'epidemia di SARS-CoV-2.

Tutti i pazienti a cui è stata diagnosticata la malattia simil-Kawasaki negli ultimi 5 anni in un singolo centro sono stati divisi in base alla presentazione sintomatica prima ( gruppo 1 ) o dopo ( gruppo 2 ) l'inizio dell'epidemia di SARS-CoV-2.
Le presentazioni simil-Kawasaki sono state gestite come malattia di Kawasaki secondo le indicazioni dell'American Heart Association ( AHA ).

La sindrome da shock da malattia di Kawasaki ( KDSS ) è stata definita dalla presenza di disfunzione circolatoria e sindrome da attivazione dei macrofagi ( MAS ) secondo i criteri PRINTO ( Paediatric Rheumatology International Trials Organisation ).

L'infezione attuale o precedente è stata ricercata mediante PCR quantitativa con trascrittasi inversa nei tamponi rinofaringei e orofaringei e mediante test qualitativi sierologici per rilevare rispettivamente le IgM e le IgG da SARS-CoV-2.

Il gruppo 1 ha compreso 19 pazienti ( 7 ragazzi, 12 ragazze; età 3.0 anni ) diagnosticati tra gennaio 2015 e febbraio 2020.
Il gruppo 2 ha compreso 10 pazienti ( 7 ragazzi, 3 ragazze; età 7.5 anni ) diagnosticati tra febbraio e aprile 2020; 8 su 10 erano positivi per IgG o IgM, o entrambi.

I due gruppi differivano per incidenza della malattia ( gruppo 1 vs gruppo 2, 0.3 vs 10 al mese ), età media ( 3.0 vs 7.5 anni ), coinvolgimento cardiaco ( 2 su 19 vs 6 su 10 ), KDSS ( 0 su 19 vs 5 su 10 ), MAS ( 0 su 19 vs 5 su 10 ) e necessità di un trattamento steroideo aggiuntivo ( 3 su 19 vs 8 su 10; tutti P minore di 0.01 ).

Nell'ultimo mese è stata riscontrata una incidenza aumentata di 30 volte della malattia simil-Kawasaki.
I bambini diagnosticati dopo l'inizio dell'epidemia di SARS-CoV-2 hanno mostrato evidenza di risposta immunitaria al virus, erano più grandi, avevano un più alto tasso di coinvolgimento cardiaco e caratteristiche di sindrome da attivazione dei macrofagi.

L'epidemia di SARS-CoV-2 è stata associata a un'alta incidenza di una forma grave di malattia di Kawasaki.
Un analogo focolaio di malattia simil-Kawasaki è previsto nei Paesi coinvolti nell'epidemia di SARS-CoV-2. ( Xagena2020 )

Verdoni L et al, Lancet 2020; 395: 1771-1778

Pedia2020 Inf2020 Reuma2020



Indietro

Altri articoli

Il nuovo coronavirus 2019-nCoV, che l’OMS ( Organizzazione Mondiale della Sanità ) ha deciso di chiamare SARS-CoV2, isolato nell’uomo per...


Nel dicembre 2019, una nuova polmonite causata da un patogeno precedentemente sconosciuto è emersa a Wuhan, una città di 11...


Uno studio condotto su un campione di 4.532 uomini nella Regione Veneto ( Italia ) ha messo in evidenza che...


L'epidemia di SARS-CoV-2 è iniziata alla fine di dicembre 2019 a Wuhan, in Cina, e da allora ha avuto un...


Oltre un terzo dei pazienti ricoverati in ospedale a causa di infezione da SARS-CoV-2 ha presentato una funzionalità epatica anormale...


Le caratteristiche cliniche e le risposte immunitarie di individui asintomatici infettati dal coronavirus SARS-CoV-2 non sono state ben descritte. Sono stati...


Un neonato nato da una madre infetta da SARS-CoV-2 in un ospedale di Wuhan ( Cina ) ha presentato elevati...


L'Agenzia europea per i medicinali ( EMA ) è a conoscenza delle recenti notizie diffuse dai media e delle pubblicazioni...


Nuove ricerche hanno mostrato che COVID-19 è fortemente associato a manifestazioni neurologiche, tra cui malattie cerebrovascolari acute, compromissione dell'attività conoscitiva...