Elagolix per sanguinamento mestruale intenso nelle donne con fibromi uterini


I fibromi uterini sono neoplasie sensibili agli ormoni associate a sanguinamento mestruale pesante.
Elagolix ( Orilissa ), un antagonista dell'ormone che rilascia gonadotropina ( GnRH ) per via orale con conseguente soppressione rapida e reversibile degli ormoni sessuali ovarici, può ridurre il sanguinamento associato a fibromi.

Sono stati condotti due studi di fase 3 identici, in doppio cieco, randomizzati, controllati con placebo, della durata di 6 mesi ( Elaris Uterine Fibroids 1 e 2, UF-1 e UF-2 ) per valutare l'efficacia e la sicurezza di Elagolix alla dose di 300 mg due volte al giorno con terapia ormonale add-back ( somministrazione di piccole dosi di estrogeni per sostituire i livelli ridotti di ormoni endogeni; in questo caso, Estradiolo 1 mg e Noretindrone acetato 0.5 mg, una volta al giorno ) nelle donne con sanguinamento associato a fibromi.

È stato incluso un gruppo con solo Elagolix per valutare l'impatto della terapia add-back sugli effetti ipoestrogenici di Elagolix.

L'endpoint primario era la perdita di sangue mestruale inferiore a 80 ml durante l'ultimo mese di trattamento e almeno una riduzione del 50% della perdita di sangue mestruale dal basale all'ultimo mese.

In totale 412 donne in UF-1 e 378 donne in UF-2 sono state sottoposte a randomizzazione, hanno ricevuto Elagolix oppure placebo e sono state incluse nelle analisi.

I criteri per l'endpoint primario sono stati soddisfatti nel 68.5% di 206 donne in UF-1 e nel 76.5% di 189 donne in UF-2 che hanno ricevuto Elagolix più terapia add-back, rispetto all'8.7% di 102 donne e al 10% di 94 donne, rispettivamente, che hanno ricevuto placebo ( P minore di 0.001 per entrambi gli studi ).

Tra le donne che hanno ricevuto Elagolix da solo, l'endpoint primario è stato raggiunto nell'84.1% delle 104 donne in UF-1 e nel 77% delle 95 donne in UF-2.

Le vampate di calore in entrambi gli studi e la metrorragia in UF-1 si sono verificate in modo significativamente più frequente con Elagolix più terapia add-back rispetto al placebo.
Gli effetti ipoestrogenici di Elagolix, in particolare la riduzione della densità minerale ossea, sono stati attenuati con la terapia add-back.

Elagolix con terapia add-back è risultato efficace nel ridurre il sanguinamento mestruale intenso nelle donne con fibromi uterini. ( Xagena2020 )

Schlaff WD et al, N Engl J Med 2020; 382: 328-340

Gyne2020 Farma2020


Indietro

Altri articoli

Il sanguinamento maggiore dopo la sindrome coronarica acuta predice un esito sfavorevole ma è difficile da definire. La scelta dell'antiaggregante...


Circa un terzo dei pazienti che ricevono anticoagulanti orali diretti ( DOAC ) per il trattamento della fibrillazione atriale e/o...


I pazienti candidati all'intervento coronarico percutaneo ( PCI ) e ad alto rischio di sanguinamento costituiscono una sfida terapeutica perché...


L'Acido Tranexamico riduce il sanguinamento chirurgico e riduce la morte causata da sanguinamento nei pazienti con trauma. Le meta-analisi di...


Da una post-analisi ad hoc dei dati degli studi di registrazione non è emerso che Idelalisib aumenti il ​​rischio di...


Una proporzione considerevole di pazienti con leucemia mieloide cronica ( CML ) può presentarsi alla diagnosi con conta piastrinica elevata....


La doppia terapia antipiastrinica ( DAPT ) con Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ) più Clopidogrel ( Plavix ) viene utilizzata...


Gli stent rivestiti di farmaco privi di polimeri forniscono risultati clinici superiori rispetto agli stent di metallo nudo in pazienti...


Non sono chiari gli esiti a lungo termine nei pazienti ad alto rischio di sanguinamento sottoposti a intervento coronarico percutaneo...