Rischio di sanguinamento associato agli anticoagulanti orali ad azione diretta


L'EMA ( European Medicines Agency ) sta esaminando i risultati di uno studio con gli anticoagulanti orali diretti Eliquis ( Apixaban ), Pradaxa ( Dabigatran etexilato ) e Xarelto ( Rivaroxaban ).
Questo studio osservazionale, commissionato dall'EMA, ha valutato il rischio di sanguinamenti maggiori con questi medicinali quando usati per prevenire la coagulazione del sangue in pazienti con fibrillazione atriale non-valvolare, rispetto ad altri anticoagulanti orali.

I risultati di questo studio hanno mostrato differenze tra questi medicinali rispetto al rischio di sanguinamenti maggiori.
Sollevano, inoltre, preoccupazioni sul livello di aderenza nella pratica clinica alle restrizioni, avvertenze speciali e precauzioni riportate nelle informazioni di prodotto di tali medicinali.

La revisione ha lo scopo di valutare se i risultati di questo studio hanno implicazioni sull'utilizzo di tali farmaci nella pratica clinica e se siano necessarie modifiche delle condizioni d'uso e delle attuali misure per ridurre al minimo il rischio di sanguinamento.

Lo studio ha fatto seguito a un Workshop che si è tenuto all’EMA nel 2015, che ha evidenziato la necessità di ulteriori ricerche per ottimizzare l'uso degli anticoagulanti nella pratica clinica.

Gli anticoagulanti orali diretti, Eliquis, Pradaxa e Xarelto, vengono assunti per via orale per prevenire la coagulazione del sangue in una serie di circostanze, compresa la prevenzione del tromboembolismo venoso ( formazione di coaguli di sangue nelle vene ) in pazienti sottoposti ad intervento sostitutivo di anca o ginocchio e per prevenire l'ictus ( causato da coaguli di sangue nel cervello ) e la formazione di coaguli in altri organi in pazienti con fibrillazione atriale non-valvolare.
Sono anche usati per il trattamento della trombosi venosa profonda ( un coagulo di sangue in una vena profonda, di solito nella gamba ) e l'embolia polmonare ( un coagulo in un vaso sanguigno che irrora i polmoni ), e per prevenire il ripetersi di queste condizioni.

Questi medicinali agiscono bloccando direttamente un fattore della coagulazione del sangue nell’organismo; questo è il motivo per cui sono definiti anticoagulanti diretti, rispetto ad altri anticoagulanti come il Warfarin che agisce in maniera indiretta su vari fattori di coagulazione. ( Xagena2019 )

Fonte: EMA, 2019

Emo2019 Cardio2019 Pneumo2019 Farma2019


Indietro

Altri articoli

Il sanguinamento maggiore dopo la sindrome coronarica acuta predice un esito sfavorevole ma è difficile da definire. La scelta dell'antiaggregante...


Circa un terzo dei pazienti che ricevono anticoagulanti orali diretti ( DOAC ) per il trattamento della fibrillazione atriale e/o...


I pazienti candidati all'intervento coronarico percutaneo ( PCI ) e ad alto rischio di sanguinamento costituiscono una sfida terapeutica perché...


L'Acido Tranexamico riduce il sanguinamento chirurgico e riduce la morte causata da sanguinamento nei pazienti con trauma. Le meta-analisi di...


Da una post-analisi ad hoc dei dati degli studi di registrazione non è emerso che Idelalisib aumenti il ​​rischio di...


Una proporzione considerevole di pazienti con leucemia mieloide cronica ( CML ) può presentarsi alla diagnosi con conta piastrinica elevata....


I fibromi uterini sono neoplasie sensibili agli ormoni associate a sanguinamento mestruale pesante. Elagolix ( Orilissa ), un antagonista dell'ormone...


La doppia terapia antipiastrinica ( DAPT ) con Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ) più Clopidogrel ( Plavix ) viene utilizzata...


Gli stent rivestiti di farmaco privi di polimeri forniscono risultati clinici superiori rispetto agli stent di metallo nudo in pazienti...


Non sono chiari gli esiti a lungo termine nei pazienti ad alto rischio di sanguinamento sottoposti a intervento coronarico percutaneo...