Rischio di tromboembolismo, sanguinamento e mortalità tra i pazienti con fibrillazione atriale non-valvolare trattati con duplice terapia antiaggregante rispetto agli anticoagulanti orali


La doppia terapia antipiastrinica ( DAPT ) con Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ) più Clopidogrel ( Plavix ) viene utilizzata per la prevenzione dell'ictus nei pazienti con fibrillazione atriale che rifiutano di assumere anticoagulanti orali.
Tuttavia, i dati clinici che confrontano questi trattamenti sono limitati.

Lo scopo di uno studio è stato quello di confrontare i risultati clinici tra doppia terapia antiaggregante e anticoagulanti orali nei pazienti con fibrillazione atriale.

È stato condotto uno studio di coorte utilizzando un database di popolazione dell'Autorità ospedaliera di Hong Kong.
I nuovi pazienti con fibrillazione atriale dal 2010 al 2014 a cui era stato prescritto doppia terapia antiaggregante o anticoagulanti orali ( Warfarin o Dabigatran ) sono stati seguiti fino al 31 luglio 2016.

Gli endpoint erano: tromboembolia, sanguinamento e mortalità.

Tra i 51.946 nuovi pazienti con fibrillazione atriale, sono stati identificati 8520 utilizzatori di anticoagulanti orali e di doppia terapia antiaggregante.
La probabilità di ricevere duplice terapia antipiastrinica rispetto agli anticoagulanti orali aumentava con l'età avanzata e la precedente emorragia intracranica.

Tra gli utilizzatori di doppia terapia antiaggregante, l'incidenza di tromboembolia, morte e sanguinamento per 100 anni-paziente è stata rispettivamente pari a 15.8, 17.6 e 5.1.

Rispetto agli utilizzatori di terapia DAPT, l'analisi con abbinamento per punteggio di propensione ha indicato una minore incidenza di tromboembolia e/o di mortalità tra gli utilizzatori di anticoagulanti orali ( Dabigatran: rapporto tasso di incidenza [ IRR ] 0.32; intervallo di confidenza [ IC ] al 95% 0.19-0.55; Warfarin: IRR 0.58; IC 95% 0.36-0.95 ), senza differenze significative negli eventi di sanguinamento.

In conclusione, gli utilizzatori di doppia terapia antiaggregante erano a rischio notevolmente aumentato di tromboembolia e morte rispetto a coloro che avevano fatto uso di anticoagulanti orali. Questi risultati indicano la necessità di migliori strategie di riduzione del rischio di ictus tra i pazienti che assumono doppia terapia antiaggregante e l'opportunità di impiegare anticoagulanti orali in gruppi ad alto rischio per prevenire ulteriori eventi. ( Xagena2020 )

Lau WCY et al, Heart Rhythm 2020; 17: 33-40

Cardio2020 Neuro2020 Farma2020


Indietro

Altri articoli

Il sanguinamento maggiore dopo la sindrome coronarica acuta predice un esito sfavorevole ma è difficile da definire. La scelta dell'antiaggregante...


Circa un terzo dei pazienti che ricevono anticoagulanti orali diretti ( DOAC ) per il trattamento della fibrillazione atriale e/o...


I pazienti candidati all'intervento coronarico percutaneo ( PCI ) e ad alto rischio di sanguinamento costituiscono una sfida terapeutica perché...


L'Acido Tranexamico riduce il sanguinamento chirurgico e riduce la morte causata da sanguinamento nei pazienti con trauma. Le meta-analisi di...


Da una post-analisi ad hoc dei dati degli studi di registrazione non è emerso che Idelalisib aumenti il ​​rischio di...


Una proporzione considerevole di pazienti con leucemia mieloide cronica ( CML ) può presentarsi alla diagnosi con conta piastrinica elevata....


I fibromi uterini sono neoplasie sensibili agli ormoni associate a sanguinamento mestruale pesante. Elagolix ( Orilissa ), un antagonista dell'ormone...


Gli stent rivestiti di farmaco privi di polimeri forniscono risultati clinici superiori rispetto agli stent di metallo nudo in pazienti...


Non sono chiari gli esiti a lungo termine nei pazienti ad alto rischio di sanguinamento sottoposti a intervento coronarico percutaneo...