Sicurezza ed efficacia a lungo termine degli stent con polimero durevole in Cobalto-Cromo a rilascio di Everolimus nei pazienti ad alto rischio di sanguinamento


Non sono chiari gli esiti a lungo termine nei pazienti ad alto rischio di sanguinamento sottoposti a intervento coronarico percutaneo ( PCI ) con uno stent a rilascio di farmaco.
Pertanto sono stati valutati gli eventi avversi a lungo termine nei pazienti ad alto rischio di sanguinamento sottoposti a procedura PCI con impianto di stent a rilascio di Everolimus in Cobalto-Cromo.

Sono stati analizzati i dati stratificati da 4 Registri post-approvazione per tutti gli utenti. I pazienti con almeno uno dei seguenti criteri sono stati classificati come ad alto rischio di sanguinamento: età maggiore o uguale a 75 anni, storia di sanguinamento maggiore, storia di ictus, uso cronico di anticoagulanti orali, malattia renale cronica, anemia o trombocitopenia.

Inoltre, in un'analisi separata, i pazienti sono stati classificati in base ai criteri Academic Research Consortium HBR ( High Bleeding Risk ) recentemente pubblicati.
Gli eventi trombotici coronarici hanno incluso infarto del miocardio o trombosi dello stent accertata / probabile.

Il sanguinamento maggiore è stato definito in base alle scale TIMI ( Thrombolysis in Myocardial Infarction ) o GUSTO ( Global Use of Strategies to Open Occluded Coronary Arteries ).
L'impatto degli eventi trombotici coronarici e di sanguinamento maggiore sul successivo rischio di mortalità è stato valutato utilizzando questi eventi come covariate aggiornate nel tempo.

Dei 10.502 pazienti inclusi, 3.507 ( 33% ) sono stati identificati come ad alto rischio di sanguinamento.
Rispetto ai pazienti non-HBR, quelli ad alto rischio di sanguinamento presentavano più comorbilità, maggiore complessità della lesione e un rischio più elevato di mortalità a 4 anni ( hazard ratio, HR=4.38 ).

I risultati sono stati qualitativamente simili quando si sono utilizzati i criteri Academic Research Consortium per definire HBR.

Il rischio di mortalità è aumentato dopo gli eventi trombotici coronarici ( HR=5.02 ), così come dopo sanguinamento maggiore ( HR=4.92 ).
Questo effetto è stato coerente in tutto lo spettro del rischio emorragico ( test di interazione P 0.97 e 0.06, rispettivamente ).

Rispetto alla popolazione non-HBR, i pazienti ad alto rischio emorragico hanno presentato esiti peggiori a 4 anni dopo l'intervento coronarico percutaneo con stent di Cobalto-Cromo a rilascio di Everolimus.
Sia gli eventi trombotici coronarici che il grave sanguinamento hanno avuto un impatto significativo sul successivo rischio di mortalità indipendentemente dal rischio di sanguinamento. ( Xagena2020 )

Sorrentino S et al, Circulation 2020; 141: 891-901

Cardio2020



Indietro

Altri articoli

Il sanguinamento maggiore dopo la sindrome coronarica acuta predice un esito sfavorevole ma è difficile da definire. La scelta dell'antiaggregante...


Circa un terzo dei pazienti che ricevono anticoagulanti orali diretti ( DOAC ) per il trattamento della fibrillazione atriale e/o...


I pazienti candidati all'intervento coronarico percutaneo ( PCI ) e ad alto rischio di sanguinamento costituiscono una sfida terapeutica perché...


L'Acido Tranexamico riduce il sanguinamento chirurgico e riduce la morte causata da sanguinamento nei pazienti con trauma. Le meta-analisi di...


Da una post-analisi ad hoc dei dati degli studi di registrazione non è emerso che Idelalisib aumenti il ​​rischio di...


Una proporzione considerevole di pazienti con leucemia mieloide cronica ( CML ) può presentarsi alla diagnosi con conta piastrinica elevata....


I fibromi uterini sono neoplasie sensibili agli ormoni associate a sanguinamento mestruale pesante. Elagolix ( Orilissa ), un antagonista dell'ormone...


La doppia terapia antipiastrinica ( DAPT ) con Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ) più Clopidogrel ( Plavix ) viene utilizzata...


Gli stent rivestiti di farmaco privi di polimeri forniscono risultati clinici superiori rispetto agli stent di metallo nudo in pazienti...