Sindrome coronarica acuta nelle popolazione del mondo reale: Ticagrelor non riduce i rischi di infarto miocardico o morte, e può aumentare il sanguinamento rispetto a Clopidogrel


Il sanguinamento maggiore dopo la sindrome coronarica acuta predice un esito sfavorevole ma è difficile da definire.
La scelta dell'antiaggregante piastrinico influenza il rischio di sanguinamento.

Il sanguinamento maggiore, il successivo infarto miocardico e la mortalità per tutte le cause a 1 anno sono stati confrontati in pazienti consecutivi con sindrome coronarica acuta trattati con Clopidogrel [ Plavix ] ( n = 2491 tra il 2011 e il 2013 ) e Ticagrelor [ Brilinta; Brilique ] ( n = 2625 tra il 2012 e il 2015 ) in 5 ospedali inglesi.

Gli eventi di sanguinamento e infarto del miocardio sono stati giudicati in modo indipendente da 2 medici esperti, in cieco.
Gli eventi di sanguinamento sono stati classificati secondo BARC ( Bleeding Academic Research Consortium ) da 3 a 5 e i criteri PLATO ( Platelet Inhibition and Patient Outcomes ), e l'infarto miocardico secondo Third Universal Definition.

L'età media era di 68 anni e il 34% erano donne. Il 39% è stato sottoposto a intervento coronarico percutaneo e il 13% a intervento di bypass aorto-coronarico.
I dati sugli esiti clinici erano completi al 100% per il sanguinamento e al 99.7% per l'infarto del miocardio.

Nessuna differenza statisticamente significativa è stata osservata nel sanguinamento maggiore grezzo o aggiustato per Ticagrelor rispetto a Clopidogrel ( BARC 3–5, hazard ratio [ HR ], 1.23; IC 95%, 0-90–1.68; P = 0.2, PLATO, HR aggiustato, 1.30; IC 95%, 0.98–1.74; P = 0.07 ) eccetto nella coorte di bypass di arteria non-coronarica ( n = 4464 ), dove il sanguinamento è risultato più frequente con Ticagrelor ( BARC 3-5, HR aggiustato, 1.58; IC 95%, 1.09-2.31; P = 0.017; e PLATO, HR, 1.67; IC 95%, 1.18-2.37; P = 0.004 ).

Non è stata riscontrata differenza nel successivo infarto miocardico grezzo o aggiustato ( HR aggiustato, 1.20; IC 95%, 0.87-1.64; P = 0.27 ).

La mortalità grezza era più alta nel gruppo Clopidogrel ma non dopo aggiustamento, utilizzando i rischi proporzionali di Cox o la popolazione abbinata per punteggio di propensione ( HR, 0.90; IC 95%, 0.76–1.10; P = 0.21 ) come nel caso dell'ictus ( HR, 0.82; IC 95%, 0.52-1.32; P = 0.42 ).

In conclusione, questo studio osservazionale ha indicato che l'apparente beneficio di Ticagrelor dimostrato negli studi clinici potrebbe non essere osservato nella più ampia popolazione real world. ( Xagena2021 )

Mullen L et al, J Am Heart Assoc 2021; 10 (8): e019467. doi: 10.1161 / JAHA.120.019467.

Cardio2021 Farma2021



Indietro

Altri articoli

Circa un terzo dei pazienti che ricevono anticoagulanti orali diretti ( DOAC ) per il trattamento della fibrillazione atriale e/o...


I pazienti candidati all'intervento coronarico percutaneo ( PCI ) e ad alto rischio di sanguinamento costituiscono una sfida terapeutica perché...


L'Acido Tranexamico riduce il sanguinamento chirurgico e riduce la morte causata da sanguinamento nei pazienti con trauma. Le meta-analisi di...


Da una post-analisi ad hoc dei dati degli studi di registrazione non è emerso che Idelalisib aumenti il ​​rischio di...


Una proporzione considerevole di pazienti con leucemia mieloide cronica ( CML ) può presentarsi alla diagnosi con conta piastrinica elevata....


I fibromi uterini sono neoplasie sensibili agli ormoni associate a sanguinamento mestruale pesante. Elagolix ( Orilissa ), un antagonista dell'ormone...


La doppia terapia antipiastrinica ( DAPT ) con Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ) più Clopidogrel ( Plavix ) viene utilizzata...


Gli stent rivestiti di farmaco privi di polimeri forniscono risultati clinici superiori rispetto agli stent di metallo nudo in pazienti...


Non sono chiari gli esiti a lungo termine nei pazienti ad alto rischio di sanguinamento sottoposti a intervento coronarico percutaneo...