Alteplase non superiore all'Aspirina riguardo al miglioramento dell'esito funzionale a 90 giorni nell'ictus ischemico acuto


I risultati di uno studio hanno mostrato che il trattamento con Alteplase ( Activase, Actilyse ) in pazienti con ictus ischemico acuto con deficit minori non-invalidanti non è associato a una maggiore probabilità di ottenere un esito funzionale favorevole a 90 giorni rispetto al trattamento con Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ).
Inoltre, Alteplase può aumentare il rischio di emorragia intracranica sintomatica, rispetto all'Aspirina.

Sono stati arruolati pazienti con ictus ischemico acuto con bassi punteggi alla scala NIHSS ( National Institutes of Health ) ( inferiori o uguali a 5 ) ( n=313 ).
I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Alteplase per via endovenosa al dosaggio di 0.9 mg/kg più placebo per os ( n = 156 ) oppure ad Aspirina per os al dosaggio di 325 mg più placebo per via endovenosa ( n=157 ).

La differenza nell'esito funzionale favorevole a 90 giorni, definito da un punteggio alla scala Rankin di 0 o 1, rappresentava l'esito primario.
L'esito primario è stato aggiustato per età, punteggio alla scala NIHSS al basale, e tempo dall'insorgenza dei sintomi all'inizio del trattamento.
L'endpoint primario di sicurezza consisteva nell'emorragia intracranica sintomatica entro 36 ore dal trattamento.

Una percentuale leggermente più alta di pazienti nel gruppo trattato con Aspirina ha raggiunto un risultato funzionale favorevole a 90 giorni, rispetto ai pazienti trattati con Alteplase ( 81.5% vs 78.2%, rispettivamente; IC 95%: da -9.4% a 7.3% ).

Nessuna differenza è stata osservata tra i due gruppi riguardo ai punteggi alla scala Rankin modificata ( mRS ) ( odds ratio [ OR ] 0.81, IC 95%: 0.5-1.2 ) o al recupero generale favorevole ( OR=0.86, IC 95%, 0.5-1.4 ).

Una percentuale più alta di pazienti nel braccio Alteplase ha presentato emorragia intracranica sintomatica entro 36 ore dal trattamento, rispetto ai pazienti che hanno ricevuto Aspirina ( 3.2% vs 0%, rispettivamente, differenza di rischio, 3.3%, IC 95%, 0.8 -7.4% ).

Nonostante non siano stati riscontrati benefici per Alteplase riguardo all'esito funzionale a 90 giorni, il termine molto precoce dello studio non permette di trarre conclusioni definitive.
Sono necessarie ulteriori ricerche. ( Xagena2018 )

Fonte: JAMA, 2018

Neuro2018 Farma2018


Indietro

Altri articoli

Le Unità mobili per l’ictus ( MSU ) dotate di uno scanner CT ( tomografia computerizzata ) riducono i tempi...


Tenecteplase ( Metalyse ) è un attivatore del plasminogeno tissutale modificato con vantaggi farmacologici e pratici rispetto ad Alteplase (...


Le attuali lineeguida sconsigliano l'uso di Alteplase ( Actilyse ) per via endovenosa nei pazienti con ictus ischemico acuto che...


Il valore della somministrazione endovenosa di Alteplase ( Actilyse ) prima del trattamento endovascolare per l'ictus ischemico acuto non è...


La Stafilochinasi non-immunogenica è una Stafilochinasi ricombinante modificata con bassa immunogenicità, elevata attività trombolitica e selettività alla fibrina. Sono state...


Si è determinato se Alteplase ( Actilyse ) sia in grado di alterare lo sviluppo di lesioni ischemiche a livello...


Il trattamento con Alteplase ( Activase, Actilyse ) in pazienti con ictus ischemico acuto con deficit minori non-invalidanti non è...


L'intervento coronarico percutaneo primario ( PPCI ) tempestivo non può essere offerto a tutti i pazienti con infarto miocardico con...


Tenecteplase ( Metalyse ) è un nuovo agente trombolitico con alcuni vantaggi farmacologici rispetto ad Alteplase ( Actilyse ). I precedenti...