Alteplase per via endovenosa prima del trattamento endovascolare per l'ictus


Il valore della somministrazione endovenosa di Alteplase ( Actilyse ) prima del trattamento endovascolare per l'ictus ischemico acuto non è stato studiato approfonditamente, in particolare nelle popolazioni non-asiatiche.

È stato condotto uno studio in aperto, multicentrico e randomizzato in Europa che ha coinvolto pazienti con ictus che si sono presentati direttamente a un ospedale in grado di fornire trattamento endovascolare e che erano idonei per Alteplase e trattamento endovascolare per via endovenosa.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere il solo trattamento endovascolare o Alteplase per via endovenosa seguita da trattamento endovascolare, lo standard di cura.

L'endpoint primario era l'esito funzionale sulla scala Rankin modificata ( intervallo da 0, nessuna disabilità, a 6, morte ) a 90 giorni.

È stata valutata la superiorità di trattamento endovascolare da solo su Alteplase più trattamento endovascolare, nonché la non-inferiorità per un margine di 0.8 per il limite inferiore dell'intervallo di confidenza al 95% per l'odds ratio ( OR ) dei due gruppi di studio. La morte per qualsiasi causa e l'emorragia intracerebrale sintomatica erano i principali endpoint di sicurezza.

L'analisi ha incluso 539 pazienti. Il punteggio mediano alla scala Rankin modificata a 90 giorni è stato 3 con trattamento endovascolare da solo e 2 con Alteplase più trattamento endovascolare.
L'odds ratio aggiustato è stato 0.84 ( P=0.28 ) e non ha mostrato né la superiorità né la non-inferiorità del solo trattamento endovascolare.

La mortalità è stata del 20.5% con il trattamento endovascolare da solo e del 15.8% con Alteplase più trattamento endovascolare ( odds ratio aggiustato, aOR=1.39 ).

L'emorragia intracerebrale sintomatica si è verificata nel 5.9% e nel 5.3% dei pazienti nei rispettivi gruppi ( aOR=1.30 ).

In uno studio randomizzato che ha coinvolto pazienti europei, il solo trattamento endovascolare non è stato né superiore né non-inferiore ad Alteplase per via endovenosa seguito da trattamento endovascolare per quanto riguarda l'esito della disabilità 90 giorni dopo l'ictus.
L'incidenza di emorragia intracerebrale sintomatica è stata simile nei due gruppi. ( Xagena2021 )

LeCouffe NE et al, N Engl J Med 2021; 385: 1833-1844

Neuro2021 Farma2021


Indietro

Altri articoli

Le Unità mobili per l’ictus ( MSU ) dotate di uno scanner CT ( tomografia computerizzata ) riducono i tempi...


Tenecteplase ( Metalyse ) è un attivatore del plasminogeno tissutale modificato con vantaggi farmacologici e pratici rispetto ad Alteplase (...


Le attuali lineeguida sconsigliano l'uso di Alteplase ( Actilyse ) per via endovenosa nei pazienti con ictus ischemico acuto che...


La Stafilochinasi non-immunogenica è una Stafilochinasi ricombinante modificata con bassa immunogenicità, elevata attività trombolitica e selettività alla fibrina. Sono state...


Si è determinato se Alteplase ( Actilyse ) sia in grado di alterare lo sviluppo di lesioni ischemiche a livello...


Il trattamento con Alteplase ( Activase, Actilyse ) in pazienti con ictus ischemico acuto con deficit minori non-invalidanti non è...


I risultati di uno studio hanno mostrato che il trattamento con Alteplase ( Activase, Actilyse ) in pazienti con...


L'intervento coronarico percutaneo primario ( PPCI ) tempestivo non può essere offerto a tutti i pazienti con infarto miocardico con...


Tenecteplase ( Metalyse ) è un nuovo agente trombolitico con alcuni vantaggi farmacologici rispetto ad Alteplase ( Actilyse ). I precedenti...