Apnea ostruttiva notturna in giovani uomini magri


Si è valutato se la presenza di apnea ostruttiva del sonno influenzi il metabolismo del glucosio in giovani individui magri, sani e liberi da malattia cardiometabolica.

In uno studio prospettico, 52 uomini sani ( età 18-30 anni, indice di massa corporea BMI 18-25 kg/m2 ) sono stati sottoposti a polisonnografia in laboratorio seguita la mattina da un test orale di tolleranza al glucosio ( OGTT ).

Tutti i soggetti sono stati stratificati in base alla presenza o assenza di rischio di diabete mellito correlato all'etnia e alla storia familiare di diabete mellito.

È stato quindi utilizzato un approccio frequency-matching e sono stati coinvolti individui selezionati in modo casuale senza apnea ostruttiva del sonno, raggiungendo un totale di 20 uomini di controllo senza apnea ostruttiva del sonno e 12 uomini con apnea ostruttiva del sonno.

Gli indici di tolleranza al glucosio, la sensibilità alla insulina e la secrezione di insulina ( fase precoce e totale ) sono stati confrontati tra gli uomini con apnea ostruttiva del sonno e i soggetti controllo.

Gli uomini con apnea ostruttiva del sonno e i soggetti di controllo erano simili in termini di età, indice BMI, rischio di diabete mellito legato all'etnia, storia familiare di diabete e livello di attività fisica.

Entrambi i gruppi avevano normali livelli di pressione sanguigna sistolica e diastolica e di lipidi a digiuno.

Dopo l'ingestione di un carico di glucosio, gli uomini con apnea ostruttiva del sonno hanno mostrato sensibilità alla insulina inferiore del 27% ( stimata con l'indice Matsuda ) e secrezione di insulina totale maggiore del 37% ( incAUC ins ) rispetto ai soggetti di controllo, nonostante livelli di glucosio paragonabili ( incAUC glu ).

In conclusione, negli uomini giovani, magri, sani e senza malattia cardiometabolica, la presenza di apnea ostruttiva nel sonno è associata alla resistenza alla insulina e a un aumento compensatorio della secrezione di insulina per mantenere la normale tolleranza al glucosio.
In base a ciò, la presenza di apnea ostruttiva del sonno può aumentare il rischio di diabete mellito di tipo 2 indipendentemente dai tradizionali fattori di rischio cardiometabolico. ( Xagena2012 )

Pamidi S et al, Diabetes Care 2012; 35: 2384-2389

Endo2012 Cardio2012



Indietro

Altri articoli

Molti pazienti con sindrome da apnea ostruttiva del sonno ( OSA ) non sono in grado o non vogliono usare...


Il trattamento dell’apnea ostruttiva nel sonno nei pazienti ambulatoriali con insufficienza cardiaca sistolica migliora la funzione cardiaca.Ricercatori dell’Ohio State University...


L’idea che la perdita di peso migliori l’apnea ostruttiva notturna si basa su poche dimostrazioni empiriche.Uno studio, eseguito in 4...


Ricercatori del Nottingham University Hospital in Gran Bretagna, hanno verificato l’ipotesi che l’apnea ostruttiva nel sonno sia più comune nelle...


L’apnea ostruttiva nel sonno ha un’alta prevalenza ed è caratterizzata da anormalità emodinamiche e neurormonali notturne, che possono aumentare il...


L’apnea ostruttiva notturna è caratterizzata da anomalità emodinamiche e neurormonali in grado di aumentare il rischio di infarto miocardico nel...


Ramelteon ( Rozerem ) è un agonista selettivo del recettore MT1/MT2, che trova indicazione nel trattamento dell’insonnia. Per il fatto...


Il trattamento dell’apnea ostruttiva durante il sonno è associato ad una sensibile riduzione del rischio cardiovascolare.Uno studio, condotto presso la...


Una grave apnea ostruttiva notturna aumenta il rischio di un primo ictus ischemico nei pazienti di età superiore ai 70...