Trattamento ospedaliero dell’apnea ostruttiva notturna durante decompensazione dell’insufficienza cardiaca


Il trattamento dell’apnea ostruttiva nel sonno nei pazienti ambulatoriali con insufficienza cardiaca sistolica migliora la funzione cardiaca.

Ricercatori dell’Ohio State University a Columbus negli Stati Uniti, hanno valutato l’impatto della diagnosi immediata e del trattamento dell’apnea ostruttiva notturna nei pazienti ospedalizzati con insufficienza cardiaca acutamente scompensata riguardo agli esiti cardiaci in ambito ospedaliero.

E’ stato condotto uno studio pilota, controllato e randomizzato su 46 pazienti consecutivi con insufficienza cardiaca scompensata da un evento acuto che presentavano apnea ostruttiva durante il sonno ( indice apnea-ipopnea, AHI maggiore o uguale a 15 eventi per ora ).

I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale al braccio intervento ( n=23 ), con trattamento ospedaliero dell’apnea ostruttiva notturna utilizzando la pressione positiva nelle vie aeree auto-aggiustante assieme al trattamento standard dell’insufficienza scompensata, oppure sono stati inseriti nel braccio controllo ( n=23 ) e trattati solo per l’insufficienza cardiaca scompensata.

L’endpoint primario era rappresentato dal cambiamento della frazione d’eiezione ventricolare sinistra ( FEVS ) durante le 3 notti post-randomizzazione.

Il cambiamento della FEVS, dal basale a 3 giorni dopo la randomizzazione, nel gruppo intervento è risultato significativamente superiore a quello del controllo.
La differenza nel miglioramento della FEVS è stata di 4.6% ( p=0.03 ).

La FEVS è aumentata nel gruppo intervento del 4.5% ( SE=1.7% ), mentre nel braccio controllo il cambiamento della FEVS è stato dello 0.3% ( SE=1.5% ).

La differenza riguardo al miglioramento della FEVS tra i due gruppi è persistita dopo aggiustamento per la FEVS al basale, al tipo di cardiomiopatia, all’indice di massa corporea ( BMI ), all’indice apnea-ipopnea e al sesso.

In conclusione, un approccio di identificazione precoce e conseguente trattamento ospedaliero dell’apnea ostruttiva notturna nei pazienti con insufficienza cardiaca scompensata acutamente è fattibile e produce un miglioramento della funzione sistolica. ( Xagena2009 )

Khayat RN et al, Chest 2009; 136 : 991-997


Cardio2009 Pneumo2009



Indietro

Altri articoli

Molti pazienti con sindrome da apnea ostruttiva del sonno ( OSA ) non sono in grado o non vogliono usare...


Si è valutato se la presenza di apnea ostruttiva del sonno influenzi il metabolismo del glucosio in giovani individui magri,...


L’idea che la perdita di peso migliori l’apnea ostruttiva notturna si basa su poche dimostrazioni empiriche.Uno studio, eseguito in 4...


Ricercatori del Nottingham University Hospital in Gran Bretagna, hanno verificato l’ipotesi che l’apnea ostruttiva nel sonno sia più comune nelle...


L’apnea ostruttiva nel sonno ha un’alta prevalenza ed è caratterizzata da anormalità emodinamiche e neurormonali notturne, che possono aumentare il...


L’apnea ostruttiva notturna è caratterizzata da anomalità emodinamiche e neurormonali in grado di aumentare il rischio di infarto miocardico nel...


Ramelteon ( Rozerem ) è un agonista selettivo del recettore MT1/MT2, che trova indicazione nel trattamento dell’insonnia. Per il fatto...


Il trattamento dell’apnea ostruttiva durante il sonno è associato ad una sensibile riduzione del rischio cardiovascolare.Uno studio, condotto presso la...


Una grave apnea ostruttiva notturna aumenta il rischio di un primo ictus ischemico nei pazienti di età superiore ai 70...