Atorvastatina ad alto dosaggio riduce l’incidenza di ictus totale nei pazienti con ictus o TIA


Le statine riducono l’incidenza di ictus tra i pazienti ad aumentato rischio di malattia cardiovascolare.

Lo studio SPARCL ( Stroke Prevention by Aggressive Reduction in Cholesterol Levels ) ha valutato se le statine fossero in grado di ridurre il rischio di ictus dopo un recente ictus o attacco ischemico transitorio ( TIA ).

Un totale di 4.731 pazienti con ictus o TIA 6 mesi prima dello studio sono stati assegnati al trattamento con Atorvastatina ( Lipitor/Torvast ) 80mg/die, oppure placebo.

I pazienti presentavano livelli di colesterolo compresi tra 100 e 190mg/dl ( 2.6-4.9mmol/l ) e non presentavano malattia coronarica.

L’endpoint primario era rappresentato da un primo ictus fatale o non-fatale.

Durante lo studio clinico, il livello medio di colesterolo è stato di 73mg/dl ( 1.9mmol/l ) tra i pazienti trattati con Atorvastatina e 129mg/dl ( 3.3mmol/l ) tra coloro che avevano ricevuto placebo.

Il periodo di follow-up mediano è stato di 4.9 anni.

L’11.2% ( n = 265 ) dei pazienti del gruppo Atorvastatina contro il 13.1% ( n = 311 ) di quelli del gruppo placebo è andato incontro ad ictus fatale e non-fatale.

Il trattamento con Atorvastatina ha prodotto una riduzione assoluta del rischio del 2.2% ( hazard ratio, HR, aggiustato = 0.84; p = 0.03; p non aggiustato = 0.05 ).

Nel gruppo Atorvastatina ci sono stati 218 ictus ischemici e 55 ictus emorragici, mentre nel gruppo placebo 274 ictus ischemici e 33 ictus emorragici.

La riduzione assoluta a 5 anni del rischio di eventi cardiovascolari è stata del 3.5% ( HR = 0.80; p = 0.002 ).

La percentuale di mortalità generale è risultata simile e con 216 morti nel gruppo Atorvastatina e 211 morti nel gruppo placebo, così come la percentuale di gravi eventi avversi.

Tra i pazienti trattati con Atorvastatina erano di comune riscontro elevati valori degli enzimi epatici.

Lo studio ha dimostrato che nei pazienti con ictus o TIA recenti, senza malattia coronarica, il trattamento con 80mg/die di Atorvastatina è in grado di ridurre l’incidenza totale di ictus e di eventi cardiovascolari, nonostante un piccolo aumento nell’incidenza di ictus emorragico. ( Xagena2006 )

SPARCL Investigators, N Engl J Med 2006; 355: 549-559


Neuro2006 Farma2006


Indietro

Altri articoli

Studi non-controllati hanno mostrato che le statine possono migliorare la vasoreattività cerebrale nei pazienti con malattia dei piccoli vasi in...


Le persone anziane che assumono un farmaco per abbassare il colesterolo dopo un ictus o un mini-ictus riducono il rischio...


Nello studio SPARCL ( Stroke Prevention by Aggressive Reduction in Cholesterol Levels ), l’Atorvastatina ( Lipitor, Torvast ) 80 mg/die,...


E’ stata compiuta un’analisi dettagliata dei risultati dello studio SPARCL ( Stroke Prevention by Aggressive Reduction in Cholesterol Levels ).Lo...


Lo studio SPARCL ( Stroke Prevention by Aggressive Reduction in Cholesterol Levels ) ha mostrato che il trattamento con le...


L’FDA ha approvato Lipitor ( Atorvastatina ) nella prevenzione dell’ictus e dell’infarto miocardico in persone con diabete di tipo 2...


L’Atorvastatina ( Lipitor) , un farmaco ipocolesterolemizzante , è in grado di ridurre l’incidenza di ictus del 50% nei...