Leucoencefalopatia multifocale progressiva associata a Natalizumab


Sono state valutate le caratteristiche rilevanti per la diagnosi di leucoencefalopatia multifocale progressiva ( PML ) associata a poliomavirus JC ( JCPyV ) e la stratificazione del rischio di PML in un'ampia coorte nazionale di pazienti con sclerosi multipla durante la terapia con Natalizumab ( Tysabri ).

Sono state analizzate 292 forme di reazione avversa al farmaco su casi sospetti di PML segnalati all'Autorità nazionale tedesca competente fino a luglio 2017.
Sono stati esclusi i pazienti che non soddisfacevano i criteri diagnostici della PML o con informazioni insufficienti.

Dei 142 pazienti confermati con PML, il 72.3% era rappresentato da donne e l'età mediana era di 43 anni.
Di questi pazienti, il 7.7% era clinicamente asintomatico al momento della diagnosi di PML.
La PML è stata fatale nel 9.1% dei pazienti.

Lesioni infratentoriali all'imaging sono state riportate nel 40% dei pazienti.

Il DNA del poliomavirus JC nel liquido cerebrospinale non era rilevabile al momento della prima analisi nel 23.8% dei pazienti.

3 pazienti sono risultati negativi agli anticorpi anti-poliomavirus JC entro 6-18 mesi prima della diagnosi di PML, con sieroconversione confermata a 5.5 mesi, 7 mesi ( solo in un'analisi post hoc ) o al momento della diagnosi di PML.

Il rilevamento del DNA del poliomavirus JC nel liquido cerebrospinale ha una sensibilità limitata nella PML precoce e la presentazione clinica e di imaging può essere atipica.
Pertanto, è necessaria una revisione critica degli attuali criteri diagnostici della PML.
La negatività agli anticorpi anti-poliomavirus JC non preclude il successivo sviluppo della leucoencefalopatia multifocale progressiva. Ciò sottolinea la necessità di un monitoraggio sierologico, di imaging e clinico ravvicinato e regolare nei pazienti trattati con Natalizumab. ( Xagena2019 )

Blankenbach K et al, Neurology 2019; 92: 2232-2239

Neuro2019 Inf2019 Farma2019


Indietro

Altri articoli

La leucoencefalopatia multifocale progressiva ( PML ) è una infezione cerebrale opportunistica causata dal virus JC ed è tipicamente fatale...


Sono stati esaminati in modo retrospettivo gli effetti della plasmaferesi sulla sopravvivenza e sugli esiti clinici dei pazienti con...


Uno dei farmaci impiegati nella sclerosi multipla recidivante remittente, la forma più frequente, è Natalizumab ( Tysabri ), un anticorpo...


Precedenti stime di rischio di leucoencefalopatia multifocale progressiva ( PML ) nei pazienti con sclerosi multipla trattati con Natalizumab (...


L’EMA ( European Medicines Agency ) ha completato la revisione sul rischio conosciuto di leucoencefalopatia multifocale progressiva ( PML )...


Natalizumab ( Tysabri ), un anticorpo monoclonale umanizzato, è stato approvato dalla Food and Drug Administration ( FDA ) nel...


Gilenya è indicato in monoterapia, come farmaco modificante la malattia, nella sclerosi multipla recidivante-remittente ad elevata attività nei seguenti gruppi...


La FDA ( Food and Drug Administration ) ha avvertito che un caso di leucoencefalopatia progressiva multifocale ( PML...


L’EMA ( European Medicines Agency ) ha iniziato una revisione del prodotto medicinale Tysabri ( Natalizumab ) impiegato nel trattamento della...