Sclerosi multipla: test basato sulla L-selectina per identificare i pazienti a rischio di leucoencefalopatia multifocale progressiva con Natalizumab


Un nuovo test sembra essere in grado di stratificare i pazienti con sclerosi multipla a rischio di leucoencefalopatia multifocale progressiva ( PML ), mentre sono in trattamento con Natalizumab ( Tysabri ).

Il test si basa sull’evidenza che i pazienti che sviluppano leucoencefalopatia multifocale progressiva sembrano avere livelli molto bassi di L-selectina ( CD62L ) sulle cellule T CD4 + nei mesi o anni prima di sviluppare questo patologia.

I ricercatori dell’Università di Munster in Germania, hanno analizzato campioni di sangue di persone in trattamento con Natalizumab.
Sono disponibili dati su 1000 pazienti trattati con il farmaco; di questi 15 hanno sviluppato leucoencefalopatia multifocale progressiva.

Tra i 15 pazienti, 14 presentavano livelli molto bassi di L-selectina ( un valore inferiore a 21.6 ) in campioni di sangue periferico prelevato mesi o anni prima che la leucoencefalopatia multifocale progressiva si sviluppasse.

Tutti i pazienti vengono sottoposti a valutazione dei livelli di L-selectina dopo 18 mesi di trattamento con Natalizumab, e successivamente ogni 6 mesi.
Nel caso il valore risultasse basso, il paziente viene ritenuto a rischio significativo di leucoencefalopatia multifocale progressiva, e la somministrazione del farmaco arrestata.

La L-selectina è ritenuta molto più selettiva rispetto agli anticorpi del virus JC ( JCV ) per identificare i pazienti a rischio di leucoencefalopatia multifocale progressiva.
Circa la metà dei pazienti è positiva al test per gli anticorpi JCV, ma solo il 10% dei pazienti presenta bassi livelli di L-selectina.
La positività per JCV mette i pazienti a rischio di sviluppare leucoencefalopatia multifocale progressiva in un rapporto 1 su 100; con i bassi livelli di L-selectina il rischio si avvicina a 1 su 10.

Secondo i ricercatori i due test sarebbero sinergici.

Tuttavia, il test basato sulla L-selectina non è di facile esecuzione. Si tratta di isolare e purificare le cellule mononucleate e successivamente eseguire la citometria a flusso multicolore. ( Xagena2014 )

Fonte: Joint Americas and European Committees for Treatment and Research in Multiple Sclerosis ( ACTRIMS / ECTRIMS ), 2014

Neuro2014 Diagno2014 Farma2014


Indietro

Altri articoli

Sono state valutate le caratteristiche rilevanti per la diagnosi di leucoencefalopatia multifocale progressiva ( PML ) associata a poliomavirus JC...


La leucoencefalopatia multifocale progressiva ( PML ) è una infezione cerebrale opportunistica causata dal virus JC ed è tipicamente fatale...


Sono stati esaminati in modo retrospettivo gli effetti della plasmaferesi sulla sopravvivenza e sugli esiti clinici dei pazienti con...


Uno dei farmaci impiegati nella sclerosi multipla recidivante remittente, la forma più frequente, è Natalizumab ( Tysabri ), un anticorpo...


Precedenti stime di rischio di leucoencefalopatia multifocale progressiva ( PML ) nei pazienti con sclerosi multipla trattati con Natalizumab (...


L’EMA ( European Medicines Agency ) ha completato la revisione sul rischio conosciuto di leucoencefalopatia multifocale progressiva ( PML )...


Natalizumab ( Tysabri ), un anticorpo monoclonale umanizzato, è stato approvato dalla Food and Drug Administration ( FDA ) nel...


Gilenya è indicato in monoterapia, come farmaco modificante la malattia, nella sclerosi multipla recidivante-remittente ad elevata attività nei seguenti gruppi...


La FDA ( Food and Drug Administration ) ha avvertito che un caso di leucoencefalopatia progressiva multifocale ( PML...


L’EMA ( European Medicines Agency ) ha iniziato una revisione del prodotto medicinale Tysabri ( Natalizumab ) impiegato nel trattamento della...