Effetto di Levodopa sulla pressione aortica centrale e sulla pressione arteriosa periferica nella malattia di Parkinson


Il trattamento con Levodopa nella malattia di Parkinson può contribuire a diminuire la pressione aortica centrale ( CAP ), che è essenziale per la salute del cuore.

Per esaminare l'effetto della Levodopa sulla pressione aortica centrale, i ricercatori hanno valutato 44 pazienti con malattia di Parkinson ( 23 uomini, 21 donne, età media: 61.57 anni ) e 40 controlli sani ( 25 uomini, 15 donne, età media: 59.18 anni ), esclusi quelli con ipertensione, malattie cardiache e diabete mellito.

I ricercatori hanno misurato la pressione aortica centrale e la pressione arteriosa periferica ( PAP ) dopo i periodi a riposo di 10 o più minuti ciascuno.
Per i pazienti con malattia di Parkinson, le misurazioni sono state registrate 1 ora prima e 1 ora dopo l'assunzione di Levodopa.

Prima dell'assunzione della Levodopa, i livelli di pressione aortica centrale e pressione arteriosa periferica erano più elevati nei pazienti con malattia di Parkinson rispetto al gruppo di controllo, ma non erano statisticamente significativi:

pressione aortica centrale media prima di Levodopa: 150 mm Hg nei pazienti con Parkinson contro 137 mm Hg nel gruppo di controllo;

pressione arteriosa periferica media prima della Levodopa: 153/89 mm Hg nei pazienti con Parkinson vs 141/83 mm Hg nel gruppo di controllo.

Dopo l'assunzione di Levodopa, i livelli di pressione aortica centrale e pressione arteriosa periferica sono risultati significativamente diminuiti nei pazienti con malattia di Parkinson:

pressione aortica centrale media dopo Levodopa: 130 mm Hg ( P inferiore a 0.05 );

pressione arteriosa periferica media dopo Levodopa: 138/78 mm Hg ( P inferiore a 0.04 ).

Dallo studio è emerso che la Levodopa ha ridotto sia la pressione aortica centrale sia la pressione arteriosa periferica, portando a una più bassa pressione aortica centrale rispetto alla pressione arteriosa periferica, che è cruciale per la salute del cuore.
Questo sta ad indicare che la Levodopa potrebbe avere un effetto positivo sul cuore nei pazienti con malattia di Parkinson. ( Xagena2017 )

Fonte: International Congress of Parkinson's Disease and Movement Disorders, 2017

Neuro2017 Cardio2017 Farma2017


Indietro

Altri articoli

La Levodopa è il trattamento principale per i sintomi della malattia di Parkinson. Determinare se la Levodopa abbia anche un...


I pazienti con malattia di Parkinson trattati cronicamente con Levodopa hanno comunemente un inizio ritardato o imprevedibile dei benefici dopo...


È stata valutata la relazione tra lo sviluppo della discinesia indotta da Levodopa ( LID ) e i cambiamenti longitudinali...


Si è determinato se aumentare le dosi fisse di Carbidopa di 65 o 105 mg ( ODM-101/65 e ODM-101/105 )...


È stata valutata la frequenza della discinesia in una coorte di pazienti con malattia di Parkinson basata sulla popolazione. La...


Sono stati riportati i risultati di una indagine, effettuata in Italia, volta a quantificare l'attuale livello di diffusione del...


Sono stati pubblicati i risultati di uno studio di fase 2 riguardanti Dipraglurant, un candidato farmaco per i pazienti con...


È stato valutato l'effetto del gel intestinale Levodopa-Carbidopa ( sospensione enterale Carbidopa-Levodopa; Duopa; Duodopa ) nei pazienti con malattia di...


Diversi studi sul gel intestinale Levodopa-Carbidopa ( LCIG; Duodopa ) hanno mostrato una riduzione significativa del tempo OFF e un...