Levodopa a inizio ritardato nella malattia di Parkinson


La Levodopa è il trattamento principale per i sintomi della malattia di Parkinson. Determinare se la Levodopa abbia anche un effetto modificante la malattia potrebbe fornire indicazioni su quando, nel corso della malattia, debba essere iniziato il trattamento con questo farmaco.

In uno studio multicentrico, in doppio cieco, controllato con placebo e a inizio ritardato, sono stati assegnati in modo casuale pazienti con malattia di Parkinson in fase iniziale a ricevere Levodopa ( 100 mg tre volte al giorno ) in associazione a Carbidopa ( 25 mg tre volte al giorno ) per 80 settimane ( gruppo di inizio precoce ) o placebo per 40 settimane seguite da Levodopa in associazione con Carbidopa per 40 settimane ( gruppo di inizio ritardato ).

L'esito primario era la differenza tra i gruppi nel cambiamento medio dal basale alla settimana 80 nel punteggio totale sulla scala di valutazione della malattia di Parkinson ( UPDRS, punteggi da 0 a 176, con punteggi più alti ad indicare una malattia più grave ).
Le analisi secondarie hanno incluso la progressione dei sintomi, misurata dal punteggio UPDRS, tra le settimane 4 e 40 e la non-inferiorità di inizio precoce del trattamento rispetto all’inizio ritardato tra le settimane 44 e 80, con un margine di non-inferiorità di 0.055 punti per settimana.

In totale 445 pazienti sono stati assegnati in modo casuale: 222 al gruppo di inizio precoce e 223 al gruppo di inizio ritardato.

Il punteggio medio UPDRS al basale era 28.1 punti nel gruppo di inizio precoce e 29.3 punti nel gruppo di partenza ritardata.

La variazione del punteggio UPDRS dal basale alla settimana 80 è stata di -1.0 punti e -2.0 punti, rispettivamente ( differenza, 1.0 punti, P=0.44 ); questo risultato con nessuna significativa differenza tra i gruppi alla settimana 80 implica che la Levodopa non ha avuto alcun effetto modificante la malattia.

Tra le settimane 4 e 40, il tasso di progressione dei sintomi, misurato in punti UPDRS alla settimana, era 0.04 nel gruppo di inizio precoce e 0.06 nel gruppo di inizio ritardato ( differenza, -0.02 ).

I tassi corrispondenti tra le settimane 44 e 80 erano 0.10 e 0.03 ( differenza, 0.07 ); la differenza nel tasso di progressione tra le settimane 44 e 80 non ha soddisfatto il criterio di non-inferiorità dell’inizio precoce di Levodopa rispetto all’inizio ritardato.

I tassi di discinesia e fluttuazioni correlate alla Levodopa nella risposta motoria non differivano significativamente tra i due gruppi.

Tra i pazienti con malattia di Parkinson in fase iniziale che sono stati valutati nel corso di 80 settimane, il trattamento con Levodopa in associazione con Carbidopa non ha avuto alcun effetto modificante la malattia. ( Xagena2019 )

Verschuur CVM et al, N Engl J Med 2019; 380: 315-324

Neuro2019 Farma2019


Indietro

Altri articoli

I pazienti con malattia di Parkinson trattati cronicamente con Levodopa hanno comunemente un inizio ritardato o imprevedibile dei benefici dopo...


È stata valutata la relazione tra lo sviluppo della discinesia indotta da Levodopa ( LID ) e i cambiamenti longitudinali...


Si è determinato se aumentare le dosi fisse di Carbidopa di 65 o 105 mg ( ODM-101/65 e ODM-101/105 )...


È stata valutata la frequenza della discinesia in una coorte di pazienti con malattia di Parkinson basata sulla popolazione. La...


Il trattamento con Levodopa nella malattia di Parkinson può contribuire a diminuire la pressione aortica centrale ( CAP ), che...


Sono stati riportati i risultati di una indagine, effettuata in Italia, volta a quantificare l'attuale livello di diffusione del...


Sono stati pubblicati i risultati di uno studio di fase 2 riguardanti Dipraglurant, un candidato farmaco per i pazienti con...


È stato valutato l'effetto del gel intestinale Levodopa-Carbidopa ( sospensione enterale Carbidopa-Levodopa; Duopa; Duodopa ) nei pazienti con malattia di...


Diversi studi sul gel intestinale Levodopa-Carbidopa ( LCIG; Duodopa ) hanno mostrato una riduzione significativa del tempo OFF e un...