Aflibercept nel trattamento della degenerazione maculare senile neovascolare in pazienti precedentemente trattati


Sono stati studiati i risultati visivi e di cambiamento dello spessore maculare centrale ( CMT ) in pazienti con degenerazione maculare senile ( AMD ) neovascolare precedentemente trattati con Ranibizumab ( Lucentis ) e/o Bevacizumab ( Avastin ) e poi passati ad Aflibercept ( VEGF Trap-Eye, Eylea ).

Lo studio retrospettivo ha coinvolto i pazienti che hanno ricevuto Aflibercept intravitreale durante l’anno 2012 e hanno avuto un precedente trattamento anti-fattore di crescita endoteliale vascolare ( anti-VEGF ) per la degenerazione maculare senile.

Le principali misure di esito erano la miglior acuità visiva corretta ( BCVA ) e lo spessore maculare centrale come misurato dalla tomografia a coerenza ottica.

La popolazione dello studio ha incluso 30 pazienti di età media 80.4 anni, che hanno ricevuto 6.27 ( range 4-11 ) iniezioni di Aflibercept.
18 pazienti avevano precedentemente ricevuto solo Bevacizumab ( 12.4 iniezioni ), 2 avevano ricevuto solo Ranibizumab ( 19 iniezioni ) e 10 avevano ricevuto sia Ranibizumab sia Bevacizumab ( in media 19.3 iniezioni ).

Il valore di BCVA logMAR alla visita iniziale ( inizio con Aflibercept ) è stato di 0.506 ( media acuità visiva 20/64 ) e poi, al follow up a 1 mese 0.504 ( 20/64 ), P=0.903; a 3 mesi 0.458 ( 20/57 ), P=0.112; a 6 mesi 0.413 ( 20/52 ), P=0.036; a 12 mesi 0.521 ( 20/66 ), P=0.836.

Lo spessore maculare centrale alla visita iniziale è stato pari a 261 e poi, a 1 mese 238, P=0.021; a 3 mesi 245, P=0.102; a 6 mesi 245, P=0.099; a 12 mesi 237, P=0.012.

I risultati sono stati simili in un sottogruppo di pazienti ( n=15 ) con edema maculare centrale o liquido submaculare all’inizio del trattamento con Aflibercept.
Durante il trattamento con Aflibercept, 2 pazienti hanno sviluppato aumenti della pressione intraoculare che hanno richiesto una terapia.

In conclusione, questi risultati dimostrano una significativa diminuzione dello spessore maculare centrale, ma nessun miglioramento statisticamente significativo nella miglior acuità visiva corretta in 12 mesi di follow-up nei pazienti precedentemente trattati che sono passati ad Aflibercept per degenerazione maculare senile.
I pazienti possono sviluppare ipertensione oculare dopo iniezioni multiple di Aflibercept. ( Xagena2014 )

Hall LB et al, J Ocul Pharmacol Ther 2014; Epub ahead of print

Oftalm2014 Farma2014


Indietro

Altri articoli

I risultati a 2 anni dello studio PANORAMA hanno mostrato risultati costantemente migliori con l'iniezione intravitreale di Aflibercept ( Eylea...


Eylea è un medicinale usato nel trattamento dei pazienti adulti affetti da: a) forma umida di degenerazione maculare correlata all’età (...


Le iniezioni intravitreali di agenti anti-VEGF ( fattore di crescita dell'endotelio vasale ) sono efficaci nel trattamento dell'edema maculare diabetico...


L'incidenza della conversione a degenerazione maculare senile neovascolare ( nAMD ) nell’altro occhio non-trattato di pazienti trattati per nAMD in...



È stato condotto il primo studio clinico randomizzato di confronto tra gli esiti visivi e i carichi di iniezione tra...



L'efficacia clinica comparativa di Ranibizumab ( Lucentis ), Aflibercept ( Eylea ) e Bevacizumab ( Avastin ) per la gestione...


Sono stati valutati gli esiti e le caratteristiche della malattia oculare con degenerazione maculare senile neovascolare che hanno ricevuto una...


È stata valutata l'influenza dell’adesione vitreomaculare sugli esiti dopo somministrazione di Aflibercept intravitreale ( Eylea ) per degenerazione maculare senile...