Incidenza dell'adenocarcinoma esofageo nei soggetti affetti da reflusso gastroesofageo


I recenti progressi nella gestione dell'esofago di Barrett possono avvalersi dello screening per l'adenocarcinoma esofageo.

I sintomi della malattia da reflusso gastroesofageo sono riconosciuti come rischi relativi per adenocarcinoma esofageo. Tuttavia, l'incidenza assoluta di adenocarcinoma esofageo in popolazioni specifiche con reflusso gastroesofageo è sconosciuta.

Uno studio ha stimato l’incidenza sintomo-specifica, età-specifica e sesso-specifica per adenocarcinoma esofageo in una popolazione bianca non-ispanica con sintomi di reflusso gastroesofageo.

L'incidenza di adenocarcinoma esofageo negli uomini di età inferiore ai 50 anni con sintomi di reflusso gastroesofageo è stata molto bassa ( es, all'età di 35 anni, incidenza: 1/100.000 ), e l'incidenza del cancro del colon-retto relativamente molto più alta ( es, all'età di 35 anni, l'incidenza di cancro colorettale è stata 6.7 volte maggiore ).

L'incidenza di adenocarcinoma esofageo in uomini anziani con sintomi settimanali di reflusso gastroesofageo è stata notevole ( es, all'età di 70 anni, incidenza: 60.8/100.000 anni-persona ), ma l'incidenza del tumore del colon-retto è stata almeno tre volte maggiore.

L'incidenza di adenocarcinoma esofageo nelle donne con malattia da reflusso gastroesofageo è stata estremamente bassa, e simile a quella del cancro al seno negli uomini ( es, 3.9/100.000 anni-persona all'età di 60 anni ).

In conclusione, lo screening per adenocarcinoma esofageo non deve essere eseguito in uomini con meno di 50 anni o nelle donne a causa dell'incidenza molto bassa di cancro, indipendentemente dalla frequenza dei sintomi di reflusso gastroesofageo.
Negli uomini di razza bianca con reflusso gastroesofageo settimanale ed età superiore ai 60 anni, l'incidenza di adenocarcinoma esofageo è notevole, e potrebbe richiedere controlli, se tale prassi è particolarmente accurata, sicura, efficace e poco costosa. ( Xagena2011 )

Rubenstein JH et al, Am J Gastroenterol 2011; 106: 254-260


Gastro2011 Onco2011



Indietro

Altri articoli

La chemioterapia e la chirurgia perioperatoria sono uno standard di cura per l'adenocarcinoma gastroesofageo operabile. La terapia anti-HER2 migliora la...


La disregolazione della via di segnalazione della transizione mesenchimale-epiteliale ( MET ) è associata a prognosi infausta nell’adenocarcinoma gastroesofageo. Sono stati...


È stata valutata l'efficacia dell’aggiunta di Lapatinib ( Tykerb ) a Capecitabina ( Xeloda ) e Oxaliplatino ( Eloxatin )...



La chemioterapia neoadiuvante viene impiegata nella gestione della maggior parte degli adenocarcinomi resecabili esofagei e della giunzione esofago-gastrica. Tuttavia, la...


L’esofago di Barrett è associato a un aumentato rischio di sviluppare adenocarcinoma esofageo. I pazienti con diagnosi nota di esofago...


Per fornire una quantificazione precisa della associazione tra consumo di alcol e rischio di adenocarcinoma dell’esofago e del cardias, è...


Uno studio ha valutato la sicurezza e l’efficacia di uno schema di somministrazione modificato di Docetaxel, Cisplatino e Fluorouracile (...


Dopo resezione curativa, la prognosi dell’adenocarcinoma gastroesofageo non è favorevole.È stato disegnato uno studio di fase III per valutare il...


L’acalasia è un disturbo motorio dello sfintere esofageo inferiore, che non riesce a rilassarsi alla deglutizione. Anche se un maggior...