Lo stadio del tumore dopo la chemioterapia neoadiuvante determina la sopravvivenza dopo chirurgia per adenocarcinoma esofageo e della giunzione esofago-gastrica


La chemioterapia neoadiuvante viene impiegata nella gestione della maggior parte degli adenocarcinomi resecabili esofagei e della giunzione esofago-gastrica.
Tuttavia, la valutazione degli effetti della chemioterapia nel ridurre il grado del tumore e predire la risposta al trattamento rimane impegnativa, e l'importanza relativa dello stadio tumorale prima e dopo la chemioterapia è discutibile.

Sono state analizzate resezioni per adenocarcinomi esofagei o della giunzione esofago-gastrica eseguiti presso due Centri oncologici a Londra tra il 2000 e il 2010. Dopo le indagini standard, a tutti i pazienti è stato assegnato uno stadio tumorale clinico prima del trattamento, che è stato confrontato con la fase patologica dopo la resezione chirurgica.

Tra i 584 pazienti inclusi, 400 pazienti ( 68% ) hanno ricevuto chemioterapia neoadiuvante.

I pazienti con tumori di grado inferiore dopo la chemioterapia neoadiuvante hanno mostrato un miglioramento della sopravvivenza rispetto ai pazienti senza risposta ( P minore di 0.001 ) e tale calo di grado ( hazard ratio, HR=0.43 ) è risultato essere il più forte predittore indipendente di sopravvivenza dopo aggiustamento per età, grado tumorale, stadio tumorale clinico, invasione linfovascolare, resezione dei margini e tipo di resezione chirurgica.

I pazienti con calo dello stadio di tumore dovuto alla chemioterapia, rispetto ai pazienti senza risposta, hanno sperimentato una minore incidenza di recidiva locale ( 6% vs 13%, rispettivamente; P=0.030 ) e recidiva sistemica ( 19% vs 29%, rispettivamente; P=0.027 ) e migliori punteggi Mandard di regressione del tumore ( P minore di 0.001 ).

La sopravvivenza è stata fortemente determinata dallo stadio dopo la chemioterapia neoadiuvante, piuttosto che dallo stadio clinico al momento della presentazione.

In conclusione, lo stadio dell’adenocarcinoma esofageo o della giunzione esofago-gastrica dopo chemioterapia neoadiuvante è in grado di determinare la prognosi rispetto allo stadio clinico prima della chemioterapia neoadiuvante, indicando l'importanza della stadiazione post-chemioterapia per prevedere con maggiore precisione il risultato e l'ammissibilità alla chirurgia.
I pazienti che hanno un calo nello stadio del tumore con la chemioterapia neoadiuvante hanno tassi ridotti di recidiva locale e sistemica. ( Xagena2014 )

Davies AR et al, J Clin Oncol 2014;32:2983-2990

Onco2014 Gastro2014 Chiru2014 Farma2014


Indietro

Altri articoli

La chemioterapia e la chirurgia perioperatoria sono uno standard di cura per l'adenocarcinoma gastroesofageo operabile. La terapia anti-HER2 migliora la...


La disregolazione della via di segnalazione della transizione mesenchimale-epiteliale ( MET ) è associata a prognosi infausta nell’adenocarcinoma gastroesofageo. Sono stati...


È stata valutata l'efficacia dell’aggiunta di Lapatinib ( Tykerb ) a Capecitabina ( Xeloda ) e Oxaliplatino ( Eloxatin )...



L’esofago di Barrett è associato a un aumentato rischio di sviluppare adenocarcinoma esofageo. I pazienti con diagnosi nota di esofago...


Per fornire una quantificazione precisa della associazione tra consumo di alcol e rischio di adenocarcinoma dell’esofago e del cardias, è...


Uno studio ha valutato la sicurezza e l’efficacia di uno schema di somministrazione modificato di Docetaxel, Cisplatino e Fluorouracile (...


Dopo resezione curativa, la prognosi dell’adenocarcinoma gastroesofageo non è favorevole.È stato disegnato uno studio di fase III per valutare il...


L’acalasia è un disturbo motorio dello sfintere esofageo inferiore, che non riesce a rilassarsi alla deglutizione. Anche se un maggior...