Regime modificato con Docetaxel, Cisplatino e Fluorouracile con Bevacizumab nei pazienti con adenocarcinoma gastroesofageo metastatico


Uno studio ha valutato la sicurezza e l’efficacia di uno schema di somministrazione modificato di Docetaxel, Cisplatino e Fluorouracile ( regime DCF ) con Bevacizumab ( Avastin ) nei pazienti con tumori gastroesofagei avanzati.

Pazienti precedentemente non-trattati con adenocarcinoma gastroesofageo metastatico hanno ricevuto Bevacizumab 10 mg/kg, Docetaxel 40 mg/m², Fluorouracile 400 mg/m², Leucovorina 400 mg/m² al giorno 1, Fluorouracile 1000 mg/m²/die per 2 giorni in infusione intravenosa continua a partire dal giorno 1 e Cisplatino 40 mg/m² al giorno 3.

L’obiettivo primario era quello di migliorare la sopravvivenza libera da progressione a 6 mesi dal 43% ( controllo storico DCF ) a 63% con l’aggiunta di bevacizumab.

In totale, sono stati arruolati 44 pazienti oncologici eleggibili nel periodo 2006-2008: 22 con tumore gastrico, 20 con tumore della giunzione gastroesofagea e 2 con tumore dell’esofago.

In 39 pazienti con malattia misurabile, il tasso di risposta confermato è stato pari al 67%.

La sopravvivenza libera da progressione a 6 mesi è stata del 79% e la sopravvivenza libera da progressione è stata di 12 mesi.

Con un follow-up di 26 mesi, la sopravvivenza generale mediana è stata di 16.8 mesi e la sopravvivenza a 2 anni è stata pari al 37%.

Sono state osservate tossicità di grado da 3 a 4 legate al trattamento: neutropenia senza febbre ( 50% ), fatigue ( 25% ), tromboembolismo venoso ( 39% ) e nausea, vomito, mucosite, neuropatia e neutropenia febbrile in percentuali inferiori al 10% per ciascuno.

In una analisi di sottogruppo, il carcinoma gastrico diffuso ha mostrato sopravvivenza libera da progressione e sopravvivenza generale peggiori, e il tasso di risposta nei tumori prossimali / tumori della giunzione gastroesofagea è stato pari all’85%.

In conclusione,un regime modificato con Docetaxel, Cisplatino e Fluorouracile con Bevacizumab è apparso tollerabile, e ha mostrato esiti degni di nota in pazienti con adenocarcinoma gastroesofageo avanzato.
La sopravvivenza libera da progressione a 6 mesi è stata del 79%, superando gli endpoint precedentemente definiti di efficacia.
La sopravvivenza generale mediana e a 2 anni è stata, rispettivamente, di 16.8 mesi e 37%. ( Xagena2011 )

Shah MA et al, J Clin Oncol 2011; 29: 868-874



Onco2011 Gastro2011 Farma2011


Indietro

Altri articoli

La chemioterapia e la chirurgia perioperatoria sono uno standard di cura per l'adenocarcinoma gastroesofageo operabile. La terapia anti-HER2 migliora la...


La disregolazione della via di segnalazione della transizione mesenchimale-epiteliale ( MET ) è associata a prognosi infausta nell’adenocarcinoma gastroesofageo. Sono stati...


È stata valutata l'efficacia dell’aggiunta di Lapatinib ( Tykerb ) a Capecitabina ( Xeloda ) e Oxaliplatino ( Eloxatin )...



La chemioterapia neoadiuvante viene impiegata nella gestione della maggior parte degli adenocarcinomi resecabili esofagei e della giunzione esofago-gastrica. Tuttavia, la...


L’esofago di Barrett è associato a un aumentato rischio di sviluppare adenocarcinoma esofageo. I pazienti con diagnosi nota di esofago...


Per fornire una quantificazione precisa della associazione tra consumo di alcol e rischio di adenocarcinoma dell’esofago e del cardias, è...


Dopo resezione curativa, la prognosi dell’adenocarcinoma gastroesofageo non è favorevole.È stato disegnato uno studio di fase III per valutare il...


L’acalasia è un disturbo motorio dello sfintere esofageo inferiore, che non riesce a rilassarsi alla deglutizione. Anche se un maggior...