Sicurezza ed efficacia dell'aggiunta di Lapatinib alla chemioterapia perioperatoria per adenocarcinoma gastroesofageo resecabile HER2-positivo


La chemioterapia e la chirurgia perioperatoria sono uno standard di cura per l'adenocarcinoma gastroesofageo operabile.
La terapia anti-HER2 migliora la sopravvivenza nei pazienti con malattia HER2-positiva avanzata.
È necessario valutare la sicurezza e la fattibilità dell'aggiunta di Lapatinib alla chemioterapia perioperatoria.

È stata valutata la sicurezza dell'aggiunta di Lapatinib ( Tyverb ) alla chemioterapia con Epirubicina, Cisplatino e Capecitabina ( ECX ) ed è stato stabilito un regime posologico raccomandato per uno studio di fase 3.

È stato condotto uno studio di fase 2 randomizzato, in aperto, confrontando il regime ECX standard ( sECX: 3 cicli preoperatori e 3 postoperatori di ECX ) con il regime ECX modificato più Lapatinib ( mECX + Lapatinib ).
Questo studio nazionale multicentrico è stato condotto in 29 Centri nel Regno Unito in pazienti con adenocarcinoma gastroesofageo istologicamente provato, HER2-positivo, operabile.

I pazienti sono stati randomizzati in aperto a regime sECX ( 3 cicli preoperatori e 3 cicli postoperatori di 50 mg/m2 Epirubicina endovenosa il giorno 1, 60 mg/m2 Cisplatino endovenoso il giorno 1, 1.250 mg/m2 di Capecitabina orale nei giorni da 1 a 21 ) o mECX + Lapatinib ( ECX più Lapatinib nei giorni da 1 a 21 in ciascun ciclo e in 6 dosi di mantenimento ).

I primi 10 pazienti nel braccio mECX + Lapatinib sono stati trattati con 1.000 mg/m2 di Capecitabina e 1.250 mg di Lapatinib al giorno, dopo di che gli effetti tossici preoperatori sono stati esaminati secondo criteri predefiniti per determinare le dosi per pazienti successivi.

Gli esiti principali erano la proporzione di pazienti con diarrea di grado 3 o 4 con mECX + . Lapatinib. Un tasso del 20% o meno è stato considerato accettabile. Non è stato pianificato un confronto formale tra i bracci.

Tra il 2013 e il 2016, 441 pazienti sono stati sottoposti a test HER2 centrali e 63 ( 14% ) sono stati classificati come HER2-positivi.
46 pazienti sono stati randomizzati; 44 ( 24 sECX, 20 mECX + Lapatinib ) sono stati inclusi nella analisi.
Due dei primi 10 pazienti nel braccio mECX + Lapatinib hanno riportato diarrea preoperatoria di grado 3; pertanto, non è stato effettuato alcun aumento della dose.

L'endpoint primario del tasso di diarrea preoperatoria di grado 3 o 4 è stato pari a 0 su 24 nel braccio sECX ( 0% ) e 4 su 20 nel braccio mECX + Lapatinib ( 21% ).

Uno su 24 nel braccio sECX e 3 su 20 nel braccio mECX + Lapatinib hanno interrotto precocemente il trattamento preoperatorio e per 4 su 19 nel braccio mECX + Lapatinib è stata ridotta la dose di Lapatinib.
I tassi di complicanze postoperatorie sono risultati simili in ciascun braccio.

La somministrazione di 1.250 mg di Lapatinib al giorno in associazione con la chemioterapia ECX è stata possibile con un certo aumento degli effetti tossici, che non ha compromesso la gestione operativa. ( Xagena2019 )

Smyth EC et al, JAMA Oncol 2019; 5: 1181-1187

Onco2019 Gastro2019 Farma2019


Indietro

Altri articoli

La disregolazione della via di segnalazione della transizione mesenchimale-epiteliale ( MET ) è associata a prognosi infausta nell’adenocarcinoma gastroesofageo. Sono stati...


È stata valutata l'efficacia dell’aggiunta di Lapatinib ( Tykerb ) a Capecitabina ( Xeloda ) e Oxaliplatino ( Eloxatin )...



La chemioterapia neoadiuvante viene impiegata nella gestione della maggior parte degli adenocarcinomi resecabili esofagei e della giunzione esofago-gastrica. Tuttavia, la...


L’esofago di Barrett è associato a un aumentato rischio di sviluppare adenocarcinoma esofageo. I pazienti con diagnosi nota di esofago...


Per fornire una quantificazione precisa della associazione tra consumo di alcol e rischio di adenocarcinoma dell’esofago e del cardias, è...


Uno studio ha valutato la sicurezza e l’efficacia di uno schema di somministrazione modificato di Docetaxel, Cisplatino e Fluorouracile (...


Dopo resezione curativa, la prognosi dell’adenocarcinoma gastroesofageo non è favorevole.È stato disegnato uno studio di fase III per valutare il...


L’acalasia è un disturbo motorio dello sfintere esofageo inferiore, che non riesce a rilassarsi alla deglutizione. Anche se un maggior...