Abraxane nel trattamento del carcinoma alla mammella metastatico e del adenocarcinoma metastatico del pancreas


Abraxane, il cui principio attivo è Paclitaxel legato a una proteina umana chiamata albumina, trova indicazione nel trattamento dei seguenti carcinomi negli adulti: a) carcinoma alla mammella metastatico quando il primo trattamento ha cessato di agire e il trattamento standard, comprendente una antraciclina, non è adatto; b) adenocarcinoma metastatico del pancreas; Abraxane viene usato come primo trattamento in associazione con un altro medicinale antitumorale, Gemcitabina.

Abraxane è una polvere per la preparazione di una sospensione per infusione. Il farmaco deve essere esclusivamente somministrato sotto la supervisione di un oncologo in reparti specializzati nella somministrazione di farmaci citotossici.
Non deve essere alternato con altri farmaci contenenti Paclitaxel.
Abraxane viene somministrato per via endovenosa per un periodo di 30 minuti.

Nel tumore alla mammella metastatico, Abraxane viene somministrato in monoterapia ogni tre settimane. La dose raccomandata è di 260 mg per metro quadrato di superficie corporea ( calcolata in base al peso e all’altezza della paziente ).
Nell’adenocarcinoma metastatico del pancreas, Abraxane è somministrato in cicli di quattro settimane. La dose raccomandata è di 125 mg per metro quadro della superficie corporea una volta al giorno nei giorni 1, 8 e 15 di ciascun ciclo. Immediatamente dopo la somministrazione di Abraxane, deve essere somministrata la Gemcitabina ( Gemzar ) a una dose di 1000 mg per metro quadro della superficie corporea.

Si può verificare la necessità di ridurre il dosaggio di Abraxane o di interrompere il trattamento in pazienti che presentano alcuni effetti indesiderati a carico del sangue e dei nervi.
I pazienti affetti da gravi disturbi epatici non devono essere trattati con Paclitaxel.

Il Paclitaxel è un agente antimicrotubulare che favorisce l’aggregazione dei microtubuli dai dimeri della tubulina, e li stabilizza impedendone la depolimerizzazione. Tale stabilizzazione inibisce la normale riorganizzazione dinamica della struttura del microtubulo, essenziale per l’interfase vitale e per le funzioni mitotiche cellulari. Inoltre, il Paclitaxel induce la formazione di anormali aggregazioni o fasci di microtubuli durante il ciclo della cellula e di astrosfere multiple di microtubuli durante la mitosi.

Il Paclitaxel è disponibile come farmaco antitumorale dal 1993. I tipi di Paclitaxel tradizionali contengono sostanze che dissolvono il Paclitaxel, ma che possono provocare reazioni dovute a ipersensibilità ( reazioni allergiche ). Abraxane non contiene queste sostanze. Al contrario, in Abraxane, Paclitaxel è attaccato ad una proteina umana chiamata albumina in particelle minuscole chiamate nanoparticelle. Ciò agevola la preparazione della sospensione di Paclitaxel per infusione endovenosa.
Le nanoparticelle possono anche influenzare la distribuzione del farmaco nel corpo e, pertanto, i relativi benefici e rischi, in relazione ai farmaci tradizionali contenenti Paclitaxel.

Per il carcinoma mammario metastatico, Abraxane è stato oggetto di uno studio principale che ha coinvolto 460 donne, delle quali circa i tre quarti avevano ricevuto una antraciclina in passato. Circa la metà delle pazienti interessate dallo studio aveva già ricevuto trattamenti antitumorali dopo aver raggiunto lo stadio metastatico della malattia.
Abraxane somministrato in monoterapia è stato comparato con farmaci tradizionali contenenti Paclitaxel somministrati in combinazione con altri farmaci per ridurre gli effetti indesiderati.
Il principale indicatore dell’efficacia era il numero di pazienti reattive dopo almeno cinque settimane di trattamento. La reattività delle pazienti era definita in base alla regressione completa dei tumori principali o alla riduzione almeno del 30% della loro dimensione.

Per l’adenocarcinoma metastatico del pancreas, Abraxane è stato esaminato in uno studio principale cui hanno partecipato 861 pazienti che hanno ricevuto Abraxane in associazione con Gemcitabina o Gemtacibina da sola.
Il principale indicatore dell’efficacia era il tempo di sopravvivenza dei pazienti.

Nel cancro mammario metastatico, Abraxane si è dimostrato più efficace dei farmaci tradizionali contenenti Paclitaxel. In genere, nello studio principale si è riscontrato che il 31% delle donne a cui è stato somministrato Abraxane ha risposto al trattamento ( 72 su 229 ), a fronte del 16% delle donne sottoposte a trattamento con farmaci tradizionali contenenti Paclitaxel ( 37 su 225 ).
Se si considerano solo le pazienti che venivano sottoposte per la prima volta ad un trattamento per il tumore al seno allo stadio metastatico, non si sono riscontrate differenze tra i farmaci in termini di efficacia in relazione ad indicatori quali il lasso di tempo intercorso fino alla progressione della malattia e i tempi di sopravvivenza. Tuttavia, Abraxane si è rivelato più efficace dei farmaci tradizionali contenenti Paclitaxel nelle pazienti già sottoposte antecedentemente ad altri trattamenti per il tumore alla mammella allo stadio metastatico. Pertanto, la società produttrice ha ritirato la sua domanda per l’uso di Abraxane come trattamento di prima linea nel corso della procedura di valutazione del farmaco.

Nell’adenocarcinoma metastatico del pancreas, Abraxane ha dimostrato di migliorare la sopravvivenza complessiva. I pazienti sono sopravvissuti per circa 8.5 mesi con il trattamento a base della associazione di Abraxane e Gemcitabina, rispetto ai 6.7 mesi con la sola Gemtacibina.

Gli effetti indesiderati importanti più comuni con Abraxane ( osservati in più di 1 paziente su 10 ) sono: neutropenia, disturbi gastrointestinali, neuropatia periferica ( danni nervosi compresi danni ai nervi delle mani e dei piedi ), artralgia ( dolore articolare ) e mialgia ( dolore muscolare ).

Abraxane non deve essere usato in pazienti che stanno allattando o che presentano un basso livello di neutrofili nel sangue prima dell’inizio del trattamento.

Il CHMP ha rilevato che Abraxane è più efficace dei farmaci tradizionali contenenti Paclitaxel nelle pazienti affette da carcinoma mammario metastatico in cui il primo trattamento ha cessato il suo effetto e che, diversamente da altri farmaci contenenti Paclitaxel, le pazienti da trattare con Abraxane non necessitano di un pre-trattamento con altri farmaci per evitare reazioni di ipersensibilità.
Inoltre, Abraxane somministrato in associazione con Gemcitabina ha dimostrato di migliorare la sopravvivenza dei pazienti affetti da adenocarcinoma metastatico del pancreas rispetto al trattamento con la sola Gemcitabina. ( Xagena2013 )

Fonte: EMA, 2013

Gastro2013 Onco2013 Gyne2013 Farma2013


Indietro

Altri articoli

Dal 5% al 9% degli adenocarcinomi del dotto pancreatico ( PDAC ) si sviluppa in pazienti con mutazione BRCA1/2 o...


Onivyde è un medicinale antitumorale usato per trattare una forma di tumore denominato adenocarcinoma metastatico del pancreas, cioè esteso ad altre...


L'inclusione di Metformina nei bracci di trattamento di studi clinici sul cancro si basa su un miglioramento della sopravvivenza dimostrato...


La chemioterapia adiuvante migliora i tassi di sopravvivenza dei pazienti dopo resezione per adenocarcinoma pancreatico, ma la durata ottimale e...


Il rash cutaneo è un evento avverso che potrebbe essere associato a maggiore sopravvivenza nei pazienti trattati con inibitori tirosin-chinasici...


Benchè la chemioradiazione adiuvante sia comunemente utilizzata negli Stati Uniti per il trattamento del cancro pancreatico sottoposto a chirurgia, non...