Durata e tempistiche ottimali della chemioterapia adiuvante dopo chirurgia definitiva per adenocarcinoma duttale del pancreas


La chemioterapia adiuvante migliora i tassi di sopravvivenza dei pazienti dopo resezione per adenocarcinoma pancreatico, ma la durata ottimale e il momento di inizio della chemioterapia non sono noti.

Pazienti con adenocarcinoma duttale pancreatico trattati all’interno dello studio internazionale di fase III ESPAC-3 ( European Study Group for Pancreatic Cancer )( versione 2 ) sono stati inclusi se erano stati assegnati in maniera casuale a chemioterapia.

L’analisi di sopravvivenza generale è stata effettuata su una base per intention-to-treat, mantenendo i pazienti nei loro gruppi di randomizzazione, e aggiustando l’effetto generale del trattamento in base a variabili prognostiche note così come il momento di inizio della chemioterapia.

Sono stati identificati 985 pazienti, 486 ( 49% ) dei quali avevano ricevuto Gemcitabina e 499 ( 51% ) Fluorouracile; 675 pazienti ( 68% ) hanno completato tutti e 6 i cicli di chemioterapia ( ciclo completo ) e 293 pazienti ( 30% ) hanno completato da 1 a 5 cicli.

Coinvolgimento linfonodale, status dei margini di resezione, differenziazione del tumore e completamento della terapia sono risultati fattori di sopravvivenza indipendenti in base alla regressione a variabili multiple di Cox.

La sopravvivenza generale è risultata favorevole ai pazienti che avevano completato tutti i 6 cicli di trattamento versus quelli che non li avevano completati ( hazard ratio, HR=0.516; P inferiore a 0.001 ).

Il momento dell’inizio della chemioterapia non ha influenzato i tassi di sopravvivenza generale per l’intera popolazione dello studio ( HR=0.985 ).

Il momento di inizio della chemioterapia è risultato un fattore di sopravvivenza importante solo per il sottogruppo di pazienti che non avevano completato la terapia, a favore di un trattamento ritardato ( P inferiore a 0.001 ).

In conclusione, il completamento di tutti e 6 i cicli pianificati di chemioterapia adiuvante e non un inizio precoce del trattamento è risultato un fattore prognostico indipendente dopo la resezione per adenocarcinoma pancreatico.
Non sono emerse differenze nell’esito se la chemioterapia viene ritardata fino a 12 settimane, consentendo di sfruttare un periodo di tempo adeguato per la ripresa post-operatoria. ( Xagena2014 )

Valle JW et al, J Clin Oncol 2014; 32: 504-512

Onco2014 Gastro2014 Farma2014


Indietro

Altri articoli

Dal 5% al 9% degli adenocarcinomi del dotto pancreatico ( PDAC ) si sviluppa in pazienti con mutazione BRCA1/2 o...


Onivyde è un medicinale antitumorale usato per trattare una forma di tumore denominato adenocarcinoma metastatico del pancreas, cioè esteso ad altre...


L'inclusione di Metformina nei bracci di trattamento di studi clinici sul cancro si basa su un miglioramento della sopravvivenza dimostrato...


Abraxane, il cui principio attivo è Paclitaxel legato a una proteina umana chiamata albumina, trova indicazione nel trattamento dei seguenti...


Il rash cutaneo è un evento avverso che potrebbe essere associato a maggiore sopravvivenza nei pazienti trattati con inibitori tirosin-chinasici...


Benchè la chemioradiazione adiuvante sia comunemente utilizzata negli Stati Uniti per il trattamento del cancro pancreatico sottoposto a chirurgia, non...