Impatto di un trattamento profilattico della pelle sulla tossicità cutanea indotta da inibitore della tirosin-chinasi di EGFR nei pazienti con tumore del polmone metastatico


Erlotinib ( Tarceva ) è un inibitore del recettore del fattore di crescita dell’epidermide ( EGFR ), approvato per i pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ), avanzato, il cui stato di espressione di EGFR è positivo o non-noto.
Anche se è efficace, Erlotinib può causare tossicità cutanea.

Uno studio randomizzato prospettico di fase III ha esaminato l'effetto del trattamento profilattico del rash cutaneo indotto da Erlotinib.

I pazienti trattati con Erlotinib di seconda o terza linea con tumore NSCLC avanzato sono stati assegnati in modo casuale a Minociclina ad uso profilattico ( 100 mg due volte al giorno per 4 settimane ), a trattamento reattivo ( dopo aver sviluppato l’eruzione, per grado di eruzione cutanea ), o a nessun trattamento fino all’agravamento (grado 3).

L'incidenza e la gravità del rash, il tempo all’eruzione cutanea massima, il tempo di risoluzione, e la sopravvivenza globale sono stati confrontati tra i gruppi di trattamento.

In tutto, 150 pazienti sono stati assegnati in modo casuale, 50 a ciascuna dei tre bracci di trattamento.

L'incidenza della tossicità cutanea è stata dell’84% a prescindere dal braccio di trattamento.

Il trattamento profilattico con Minociclina ha significativamente allungato il tempo a un più grave grado di eruzione cutanea.

L’eruzione di grado 3 è stata significativamente maggiore nel braccio senza trattamento.

La sopravvivenza globale non è risultata significativamente differente tra i bracci di trattamento, ma i pazienti che hanno ricevuto trattamenti profilattici o reattivi hanno presentato sopravvivenza globale più lunga ( 7.6 e 8 mesi, rispettivamente ), rispetto a quelli che non hanno ricevuto alcun trattamento per l’eruzione cutanea ( 6 mesi ).

Il rash non era auto-limitante.

In conclusione, l'incidenza di tutti i gradi di rash non è risultata statisticamente differente tra i tre bracci; lo studio era negativo.
L'incidenza di tossicità cutanea di grado 3 è stata ridotta nei pazienti che sono stati trattati in modo profilattico con Minociclina o trattamento reattivo.
L'efficacia non è stata compromessa.
La profilassi con Minociclina e il trattamento reattivo sono entrambi opzioni accettabili per il necessario trattamento del rash indotto da Erlotinib nell’ambito del trattamento di seconda o terza linea con tumore del polmone non-a-piccole cellule metastatico. ( Xagena2016 )

Melosky B et al, J Clin Oncol 2016; 34: 810-815

Onco2016 Pneumo2016 Dermo2016 Farma2016


Indietro

Altri articoli

L'attivazione del fattore di transizione epitelio-mesenchimale ( MET ) è stata implicata come fattore oncogeno nel tumore del polmone non-a-piccole...


Una meta-analisi ha evidenziato che l'impiego degli inibitori della tirosin-chinasi del recettore del fattore di crescita dell'endotelio vascolare ( VEGFR...


È stata esaminata l'associazione della neuropatia periferica con l'uso di inibitori della tirosin-chinasi del recettore del fattore di crescita dell'endotelio...



La resistenza acquisita si verifica nella maggior parte dei pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ) con mutazioni del recettore...


La radiochirurgia stereotassica ( SRS ), la radioterapia dell'intero cervello ( panencefalica; WBRT ) e gli inibitori della tirosin-chinasi (...




Gli inibitori tirosin-chinasici del recettore del fattore di crescita vascolare endoteliale ( VEGFR )rappresentano il trattamento elettivo di diverse neoplasie.Questi...