La mutazione T790M pretrattamento in EGFR predice una minor durata della risposta dell’inibitore tirosin-chinasico per EGFR nei pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule


I pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule con mutazioni attivanti del gene per il recettore del fattore di crescita dell’epidermide ( EGFR ) mostrano risposte eccellenti agli inibitori tirosin-chinasici di EGFR, ma la mutazione T790M determina la maggior parte delle resistenze farmacologiche agli inibitori tirosin-chinasici.

Utilizzando metodi ad alta sensibilità è stato condotto uno studio per identificare la mutazione T790M prima e dopo la terapia con inibitori tirosin-chinasici ed è stata valutata l’associazione di T790M e delle sue frequenze di mutazione con l’esito clinico.

Sequenziamento diretto, la spettrometria di massa MALDI-TOF ( matrix-assisted laser desorption ionization-time of flight mass spectrometry ) e il sequenziamento di nuova generazione sono stati utilizzati per valutare la mutazione T790M nelle due seguenti coorti di pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule: pazienti naive agli inibitori tirosin-chinasici ( n=107 ) e pazienti trattati con inibitori tirosin-chinasici ( n=85 ).

I risultati sono stati messi in relazione con la risposta al trattamento con inibitori tirosin-chinasici e con la sopravvivenza.

La tecnica spettroscopica MALDI-TOF è risultata altamente sensibile nell’identificare e quantificare la frequenza di mutazioni EGFR-attivanti e T790M ( limiti di rivelabilità, da 0.4 a 2.2% ) e ha identificato più mutazioni T790M del sequenziamento diretto in pazienti naive agli inibitori tirosin-chinasici con tumore al polmone non-a-piccole cellule ( 27 su 107 pazienti, 25.2% versus 3 su 107 pazienti, 2.8%, rispettivamente; P inferiore a 0.001 ) e in pazienti trattati con inibitori tirosin-chinasici ( prima del trattamento: 23 su 73 pazienti, 31.5% vs 2 su 73 pazienti, 2.7%, rispettivamente; P inferiore a 0.001; e dopo il trattamento: 10 su 12 pazienti, 83.3% vs 4 su 12 pazienti, 33.3%, rispettivamente; P=0.0143 ).

Le mutazioni EGFR e le loro frequenze sono state confermate con sequenziamento di nuova generazione.

La mutazione T790M è risultata essere un predittore indipendente di ridotta sopravvivenza libera da progressione nei pazienti con cancro al polmone non-a-piccole cellule che avevano ricevuto trattamento con inibitori della tirosin chinasi( P inferiore a 0.05, regressione multivariata di Cox ).

In conclusione, la mutazione T790M potrebbe non essere un evento raro prima o dopo la terapia con inibitore tirosin chinasico in pazienti con carcinoma polmonare non a piccole cellule con mutazioni attivanti EGFR.

In conclusione, la mutazione T790M pretrattamento è risultata associata a una minore sopravvivenza libera da progressione con terapia a base di inibitori tirosin-chinasici per EGFR in pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule. ( Xagena2012 )

Su KY et al, J Clin Oncol 2012; 30: 433-440


Onco2012 Pneumo2012 Farma2012


Indietro

Altri articoli

L'attivazione del fattore di transizione epitelio-mesenchimale ( MET ) è stata implicata come fattore oncogeno nel tumore del polmone non-a-piccole...


Una meta-analisi ha evidenziato che l'impiego degli inibitori della tirosin-chinasi del recettore del fattore di crescita dell'endotelio vascolare ( VEGFR...


È stata esaminata l'associazione della neuropatia periferica con l'uso di inibitori della tirosin-chinasi del recettore del fattore di crescita dell'endotelio...



La resistenza acquisita si verifica nella maggior parte dei pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ) con mutazioni del recettore...


La radiochirurgia stereotassica ( SRS ), la radioterapia dell'intero cervello ( panencefalica; WBRT ) e gli inibitori della tirosin-chinasi (...



Erlotinib ( Tarceva ) è un inibitore del recettore del fattore di crescita dell’epidermide ( EGFR ), approvato per i...



Gli inibitori tirosin-chinasici del recettore del fattore di crescita vascolare endoteliale ( VEGFR )rappresentano il trattamento elettivo di diverse neoplasie.Questi...