Apnea ostruttiva del sonno nell'infanzia correlata all'ipertensione nel proseguo della vita


I bambini con apnea ostruttiva del sonno hanno presentato in tempi successivi un aumento del rischio di ipertensione nel caso in cui il disturbo del sonno persisteva durante la transizione dall'infanzia all'adolescenza.

E' stato condotto uno studio di coorte basato sulla popolazione per determinare il ruolo dell'apnea ostruttiva del sonno ( OSA ) in ambito pediatrico riguardo alla pressione elevata e la reattività ortostatica durante l'adolescenza.
E' stato arruolato un campione casuale di 700 bambini di età compresa tra 5 e 12 anni ( mediana, 9 anni ).
A 7.4 anni, erano stati seguiti 421 partecipanti di età compresa tra 12 e 23 anni ( mediana, 16 anni ).

I principali endpoint comprendevano: il punteggio dell'indice apnea-ipopnea ( AHI ), la pressione arteriosa elevata, l'iperreattività ortostatica e il tessuto adiposo viscerale.

L'età media al follow-up era di 16.5 anni; il 53.9% dei partecipanti era di sesso maschile e il 21.9% proveniva da un contesto storicamente sottorappresentato.

E' stato osservato che un indice AHI persistente di 2 o più dall'infanzia ha aumentato significativamente la probabilità di pressione arteriosa elevata in età adolescenziale ( odds ratio, OR = 2.9; IC 95%, 1.1-7.5 ), a differenza di un indice AHI ricorrente di 2 o più ( OR = 0.9; IC 95%, 0.3-2.6 ).

L'apnea ostruttiva del sonno in età adolescenziale era collegata all'ipertensione in modo dose-risposta, con il tessuto adiposo viscerale e la sindrome metabolica che contribuivano a questa associazione a meno che l'adolescente non avesse una forma più grave di apnea ostruttiva del sonno ( AHI 5 ).

Inoltre, i partecipanti di sesso maschile avevano maggiori probabilità di soffrire di apnea ostruttiva del sonno nell'adolescenza rispetto ai soggetti di sesso femminile ( 47.6% vs 26.3%; P inferiore a 0.001 ), un aumento non-osservato nell'infanzia e più vicino ai numeri riportati negli adulti.
Il sesso maschile ha anche aumentato il rischio di ipertensione nell'adolescenza ( 39.6% vs 16%; P inferiore a 0.001 ).
L'associazione tra sesso e ipertensione ha indicato che, almeno per i maschi adolescenti, le anomalie metaboliche si trovano nel percorso meccanicistico tra apnea ostruttiva del sonno e ipertensione.

Dallo studio è emerso che l'apnea ostruttiva del sonno in età infantile dovrebbe essere monitorata per prevenire futuri esiti avversi di natura cardiovascolare.
Dato l'alto tasso di remissione dell' apnea ostruttiva del sonno infantile e la significativa associazione dell'obesità con la sua persistenza e incidenza e con l'infiammazione nella transizione all'adolescenza, studi futuri dovrebbero esaminare i meccanismi infiammatori e vascolari dell'associazione longitudinale dell' apnea ostruttiva del sonno infantile persistente con l'ipertensione. ( Xagena2021 )

Fonte: JAMA Cardiology, 2021

Cardio2021 Pneumo2021 Pedia2021



Indietro

Altri articoli

La frammentazione del sonno indotta da risvegli ripetitivi è un segno distintivo dell'apnea ostruttiva del sonno ( OSA ). La...


Uno studio ha evidenziato una associazione indipendente tra apnea ostruttiva del sonno ( OSA ) e presenza e burden di...


Sebbene le linee guida pediatriche abbiano delineato soglie aggiornate per la pressione arteriosa elevata ( eBP ) nei giovani e...


Molti pazienti con BPCO ( broncopneumopatia cronica ostruttiva ) soffrono di apnea ostruttiva del sonno ( OSA ) e obesità,...


I bambini con apnea ostruttiva del sonno ( OSA ) sono a maggior rischio di enuresi notturna. Tuttavia, mancano studi...


L'efficacia dei trattamenti chirurgici per l'apnea ostruttiva del sonno ( OSA ) è variabile se si considera solo l'indice AHI...


Il trattamento con pressione positiva delle vie aeree è stato associato a una minore probabilità di malattia di Alzheimer incidente...


La Commissione Europea ha approvato Sunosi ( Solriamfetol ) per migliorare la veglia e ridurre l'eccessiva sonnolenza diurna ( EDS...


Sunosi, che contiene il principio attivo Solriamfetol, è un medicinale indicato per migliorare lo stato di veglia e ridurre l’eccessiva...