Interruzione rispetto alla continuazione della soluzione salina ipertonica o Dornase alfa nelle persone con fibrosi cistica trattate con un modulatore: studio SIMPLIFY


Ridurre l'onere del trattamento è una priorità per le persone con fibrosi cistica, la cui salute ha beneficiato dell'utilizzo di nuovi modulatori che aumentano sostanzialmente la funzione della proteina CFTR.

Lo studio SIMPLIFY ha valutato gli effetti dell'interruzione della soluzione salina ipertonica nebulizzata o Dornase alfa ( Pulmozyme ) in soggetti che utilizzavano il modulatore CFTR Elexacaftor più Tezacaftor più Ivacaftor ( ETI; Kaftrio ).

Lo studio SIMPLIFY ha incluso due studi paralleli, multicentrici, in aperto, randomizzati, controllati, di non-inferiorità presso 80 cliniche partecipanti al Cystic Fibrosis Therapeutics Development Network negli Stati Uniti.

Sono stati inclusi soggetti con fibrosi cistica di età compresa tra 12 e 17 anni con una percentuale prevista di FEV1 ( ppFEV1 ) del 70% o superiore, o soggetti di età pari o superiore a 18 anni con ppFEV1 del 60% o più, che avevano assunto Elexacaftor più Tezacaftor più Ivacaftor e una ( o entrambe ) terapie mucoattive ( soluzione salina ipertonica al 3% o superiore oppure Dornase alfa ) per almeno 90 giorni prima dello screening.

I partecipanti trattati sia con soluzione salina ipertonica che con Dornase alfa sono stati assegnati in modo casuale a uno dei due studi e quelli trattati con una singola terapia sono stati assegnati allo studio applicabile.

Tutti i partecipanti sono stati quindi assegnati in modo casuale a continuare o interrompere la terapia per 6 settimane utilizzando blocchi permutati di dimensioni variabili, stratificati in base a ppFEV1 basale ( settimana 0; 90% o superiore o inferiore al 90% ), uso singolo o concomitante di soluzione salina ipertonica e Dornase alfa, precedente partecipazione allo studio SIMPLIFY ( sì o no ) ed età ( 18 anni o più o inferiore a 18 anni ).

Per i partecipanti assegnati in modo casuale a continuare la terapia durante un determinato studio, questa terapia è stata istituita per essere assunta almeno una volta al giorno in base al regime preesistente clinicamente prescritto a ciascun partecipante. La concentrazione salina ipertonica doveva essere almeno del 3%.

L'obiettivo primario di ogni studio era determinare se l'interruzione fosse non-inferiore al proseguimento, misurata dalla variazione a 6 settimane di ppFEV1 nella popolazione per protocollo.

È stato stabilito un margine di non-inferiorità del -3% per la differenza tra i gruppi nella variazione a 6 settimane di ppFEV1.
Gli esiti di sicurezza sono stati analizzati nella popolazione intent-to-treat ( ITT ).

Da agosto 2020 a maggio 2022, in totale 672 partecipanti sono stati sottoposti a screening per l'idoneità a uno o entrambi gli studi, con il risultato di 847 assegnazioni casuali totali in entrambi gli studi con 594 partecipanti unici. 370 partecipanti sono stati assegnati in modo casuale allo studio con soluzione salina ipertonica e 477 allo studio con Dornase alfa.

I partecipanti di entrambi gli studi avevano una ppFEV1 media del 96.9%.

L'interruzione del trattamento è risultato non-inferiore alla continuazione del trattamento rispetto alla variazione assoluta a 6 settimane di ppFEV1 sia nello studio con soluzione salina ipertonica ( -0.19% nel gruppo di interruzione, n=133, vs 0.14% nel gruppo di continuazione, n=140; differenza tra i gruppi -0.32% ) che nello studio con Dornase alfa ( 0.18% nel gruppo di interruzione, n=199, vs -0.16% nel gruppo di continuazione, n=193; differenza tra i gruppi 0.35% ), con risultati costanti nella popolazione ITT.

Nello studio con soluzione salina ipertonica, 64 su 184 partecipanti ( 35% ) nel gruppo di sospensione rispetto a 44 su 186 partecipanti ( 24% ) nel gruppo di continuazione e, nello studio Dornase alfa, 89 su 240 ( 37% ) nel gruppo di sospensione rispetto a 55 su 237 ( 23% ) nel gruppo di continuazione hanno avuto almeno un evento avverso.

Nei soggetti con fibrosi cistica in trattamento con Elexacaftor più Tezacaftor più Ivacaftor con funzione polmonare relativamente ben conservata, l'interruzione della soluzione salina ipertonica giornaliera o di Dornase alfa per 6 settimane non ha comportato differenze clinicamente significative nella funzione polmonare rispetto al proseguimento del trattamento. ( Xagena2023 )

Mayer-Hamblett N et al, Lancet Respiratory Medicine 2023; 11: 329-340

Pneumo2023 Farma2023



Indietro

Altri articoli

Un nuovo trattamento per la fibrosi cistica che combina 3 modulatori CFTR, cioè Elexacaftor ( ELX ), Tezacaftor ( TEZ...


Elexacaftor - Tezacaftor - Ivacaftor ( Kaftrio ) si è dimostrato sicuro ed efficace nelle persone con fibrosi cistica e...


La malattia polmonare strutturale e l'infiammazione delle vie aeree dominata dai neutrofili è presente a partire dai 3 mesi di...


L'efficacia dell'Azitromicina ( Zitromax ) per prevenire l'esacerbazione delle bronchiectasie non da fibrosi cistica rimane controversa. E' stata condotta...


Elexacaftor più Tezacaftor più Ivacaftor ( Kaftrio ) è un regime modulatore del regolatore della conduttanza transmembrana della fibrosi cistica...


Kaftrio è un medicinale usato per il trattamento dei pazienti a partire dai 6 anni di età affetti da fibrosi...


Tezacaftor - Ivacaftor ( Symkevi ) è un modulatore del regolatore della conduttanza transmembrana della fibrosi cistica ( CFTR ),...


La sicurezza e l'efficacia di 24 settimane della terapia di combinazione Lumacaftor-Ivacaftor ( Orkambi ) nei bambini di età compresa...


La combinazione Elexacaftor - Tezacaftor - Ivacaftor ( Kaftrio ) è un regime modulatore del regolatore della conduttanza transmembrana della...