Repaglinide versus Insulina per il diabete di nuova diagnosi nei pazienti con fibrosi cistica


Poiché la sopravvivenza tra i pazienti con fibrosi cistica è migliorata negli ultimi decenni, le complicanze sono diventate sempre più rilevanti.
La complicanza più frequente è il diabete mellito correlato alla fibrosi cistica.
Il trattamento raccomandato è Insulina per via iniettiva, ma alcuni pazienti sono trattati con farmaci antidiabetici orali per alleviare il carico del trattamento.

Sono state valutate l'efficacia e la sicurezza dei farmaci antidiabetici orali.

È stato condotto uno studio multicentrico, in aperto, comparativo, randomizzato in 49 Centri in Austria, Francia, Germania e Italia.
I pazienti eleggibili erano affetti da fibrosi cistica, avevano più di 10 anni e avevano diabete di nuova diagnosi.
I pazienti sono stati assegnati a ricevere Insulina o Repaglinide ( Novonorm ), stratificando per sesso ed età ( 10-15 anni o più di 15 anni ).

L'esito primario era il controllo glicemico valutato mediante variazione media della concentrazione di emoglobina glicata ( HbA1c ) dal basale a dopo 24 mesi di trattamento.

Sono stati arruolati 34 pazienti nel gruppo Repaglinide e 41 nel gruppo Insulina, di cui rispettivamente 30 e 37 sono stati inclusi nelle analisi.

A 24 mesi, il controllo glicemico è risultato simile nei gruppi Repaglinide e Insulina ( variazione media della concentrazione di HbA1c dal basale 0.2%, 1.77 mmol/mol con Repaglinide vs -0.2%, -2.7 mmol/mol con Insulina, differenza media tra i gruppi -0.4%, P=0.15 ).

Gli eventi avversi più frequenti sono stati eventi polmonari ( 43 su 107, 40%, nel gruppo Repaglinide e 60 su 133, 45%, nel gruppo Insulina ) e gli eventi avversi gravi più frequenti sono stati eventi polmonari che hanno portato a ricovero ospedaliero ( 5 su 10, 50%, e 7 su 13, 54%, rispettivamente ).

Repaglinide per il controllo glicemico nei pazienti con diabete correlato alla fibrosi cistica è risultata efficace e sicura come l'Insulina. ( Xagena2018 )

Ballmann M et al, Lancet Diabetes Endocrinol 2018; 6: 114-121

Endo2018 MalRar2018 Med2018 Farma2018


Indietro

Altri articoli

La malattia polmonare strutturale e l'infiammazione delle vie aeree dominata dai neutrofili è presente a partire dai 3 mesi di...


Elexacaftor più Tezacaftor più Ivacaftor ( Kaftrio ) è un regime modulatore del regolatore della conduttanza transmembrana della fibrosi cistica...


Kaftrio è un medicinale usato per il trattamento dei pazienti a partire dai 6 anni di età affetti da fibrosi...


Tezacaftor - Ivacaftor ( Symkevi ) è un modulatore del regolatore della conduttanza transmembrana della fibrosi cistica ( CFTR ),...


La sicurezza e l'efficacia di 24 settimane della terapia di combinazione Lumacaftor-Ivacaftor ( Orkambi ) nei bambini di età compresa...


L' Agenzia europea per i medicinali ( EMA ) ha espresso parere positivo per Kaftrio ( Ivacaftor / Tezacaftor /...


L'infezione polmonare cronica da Pseudomonas aeruginosa è una delle cause più importanti di mortalità e morbilità nella fibrosi cistica. Se...


Nei pazienti con bronchiectasia non dovuta a fibrosi cistica, l'infezione polmonare da Pseudomonas aeruginosa è associata a frequenti esacerbazioni polmonari...


L'efficacia, la sicurezza e la tollerabilità di Lumacaftor e Ivacaftor ( Orkambi ) sono state stabilite in pazienti di età...


L'emottisi è una delle principali cause di morbilità e mortalità nei pazienti con fibrosi cistica. Gli agenti antifibrinolitici hanno mostrato...