Il Metilfenidato è generalmente ben tollerato nei bambini sopravvissuti a cancro


I ricercatori del St Jude Children's Research Hospital di Memphis, negli Stati Uniti, hanno condotto uno studio per valutare la frequenza e la gravità degli effetti collaterali del Metilfenidato ( Ritalin ) tra i bambini sopravvissuti a leucemia linfoblastica acuta e tumori cerebrali, e per identificare i predittori di livelli più elevati di eventi avversi.

Un totale di 103 bambini sopravvissuti a malattia tumorale, con problemi di attenzione e di apprendimento hanno completato uno studio randomizzato, in doppio cieco, cross-over rispetto al placebo, della durata di 3 settimane, a basso dosaggio di Metilfenidato ( 0.3 mg/kg; dose massima: 10 mg 2 volte al giorno ) e dosaggio moderato di Metilfenidato ( 0.6 mg/kg; dose massima: 20 mg 2 volte al giorno ).

I fratelli dei bambini sopravvissuti a tumore ( n=49 ) sono stati arruolati come gruppo di confronto sano.

Alla scala SERS ( Barkley Side Effects Rating Scale ) sono stati osservati un numero e una gravità significativamente maggiori di sintomi quando i bambini assumevano dosi moderate di Metilfenidato rispetto al placebo o al basso dosaggio del farmaco, ma la differenza non è emersa quando il confronto è stato fatto tra il basso dosaggio e il placebo.

Il numero di effetti collaterali secondo la scala SERS è risultato significativamente più basso durante le 3 settimane di cross-over ( placebo, bassa dose, dose moderata ) rispetto ai punteggi dei sintomi al basale.

Anche la gravità degli effetti collaterali è risultata significativamente più bassa rispetto allo screening basale durante le settimane di assunzione di placebo e del basso dosaggio di Metilfenidato, ma non durante quelle di assunzione della dose moderata.

Sia il numero, sia la gravità dei sintomi al basale sono risultati significativamente più alti per i pazienti rispetto ai fratelli.

Il genere femminile e un quoziente di intelligenza più basso sono risultati associati a livelli più alti di effetti collaterali.

In conclusione, il Metilfenidato è in genere ben tollerato dai bambini sopravvissuti a cancro.
C’è tuttavia un sottogruppo ad aumentato rischio di effetti collaterali che potrebbe aver bisogno di uno stretto monitoraggio o di prescrizione di dosi più basse del farmaco. ( Xagena2009 )

Conklin HM et al, Pediatrics 2009; 124: 226-233


Farma2009 Pedia2009 Onco2009


Indietro

Altri articoli

L'esposizione intrauterina al Metilfenidato ( Concerta, Ritalin ) è associata a un piccolo aumento del rischio di malformazioni cardiache. Uno studio...


L’Agenzia regolatoria degli Stati Uniti, FDA ( Food and Drug Administration), ha avvertito che i prodotti a base di Metilfenidato,...


L’obiettivo dello studio è stato quello di determinare se il trattamento del deficit di attenzione ed iperattività ( ADHD )...


Nonostante la gestione medica ottimale, molti pazienti con malattia di Parkinson sono limitati da disturbi nell’andatura incluso il freezing (...


Sono scarse le terapie per le difficoltà nella deambulazione nella malattia di Parkinson. Studi in aperto hanno suggerito un miglioramento...


Il 22 giugno 2007 la Commissione Europea ha chiesto l’avvio di una procedura di deferimento al Comitato scientifico dell’EMEA, CHMP,...


Gli stimolanti del sistema nervoso centrale nel trattamento del disturbo da deficit di attenzione e iperattività ( ADHD ) possono...


Il Metilfenidato ( Ritalin ) trova indicazione nel trattamento del disturbo da deficit dell’attenzione e iperattività ( ADHD ) nei...


L’EMEA ( European Medicines Agency ) ha completato una revisione riguardo ai benefici e ai rischi del Metilfenidato ( Ritalin...