Confronto di regimi profilattici con antibiotici per via endovenosa dopo ricostruzione endoprotesica dei tumori ossei degli arti inferiori


L'uso di antibiotici perioperatori, profilattici ed endovenosi è una pratica standard per ridurre il rischio di infezione del sito chirurgico dopo resezione oncologica e ricostruzione endoprotesica complessa per tumori ossei degli arti inferiori. Tuttavia, le prove che guidano la durata del trattamento profilattico rimangono limitate.

È stato valutato l'effetto di un regime di 5 giorni di antibiotici per via endovenosa, profilattica e postoperatoria rispetto a un regime di 1 giorno sul tasso di infezioni del sito chirurgico entro 1 anno dall'intervento.

È stato condotto uno studio randomizzato sulla superiorità clinica in 48 Centri in 12 Paesi dal 2013 al 2019.
Lo studio ha incluso pazienti con un tumore osseo primario o un sarcoma dei tessuti molli che aveva invaso il femore o tibia o malattia ossea oligometastatica del femore o della tibia con sopravvivenza attesa di almeno 1 anno che ha richiesto un trattamento chirurgico mediante escissione e ricostruzione endoprotesica. Sono stati arruolati in totale 611 pazienti e 7 sono stati esclusi per ineleggibilità.

Un regime di 1 o 5 giorni di cefalosporina endovenosa profilattica postoperatoria ( Cefazolina o Cefuroxima ) ha avuto inizio entro 8 ore dalla chiusura cutanea ed è stato somministrato successivamente ogni 8 ore.
I pazienti randomizzati al regime di 1 giorno hanno ricevuto dosi di soluzione salina identiche ogni 8 ore per i restanti 4 giorni; i pazienti, gli operatori sanitari e i valutatori dei risultati non conoscevano l’allocazione del regime di trattamento.

L'esito primario in questo studio di superiorità era un'infezione del sito chirurgico ( incisionale superficiale, incisionale profonda o spazio d'organo ) classificata secondo i criteri stabiliti dal CDC ( Centers for Disease Control and Prevention ) entro 1 anno dall'intervento chirurgico.
Gli esiti secondari includevano complicazioni correlate agli antibiotici, operazioni aggiuntive non-pianificate, esiti oncologici e funzionali e mortalità.

Dei 604 pazienti inclusi nell'analisi finale ( età media 41.2 anni; 361 maschi, 59.8%; 114 asiatici, 18.9%, 43 neri, 7.1%, 34 ispanici, 5.6%, 15 indigeni, 2.5%, 384 bianchi, 63.8%, e 12 altri, 2.0% ), 293 sono stati randomizzati a un regime di 5 giorni e 311 a un regime di 1 giorno.

Si è verificata un'infezione del sito chirurgico in 44 pazienti ( 15.0% ) assegnati al regime di 5 giorni e in 52 pazienti ( 16.7% ) assegnati al regime di 1 giorno ( hazard ratio, HR=0.93; P=0.73 ).
Complicanze correlate agli antibiotici si sono verificate in 15 pazienti ( 5.1% ) nel regime di 5 giorni e in 5 pazienti ( 1.6% ) assegnati al regime di 1 giorno ( HR=3.24; P=0.02 ).
Altri esiti secondari non sono variati significativamente tra i gruppi di trattamento.

Questo studio clinico randomizzato non ha confermato la superiorità di un regime di 5 giorni di antibiotici per via endovenosa postoperatoria rispetto a un regime di 1 giorno nella prevenzione delle infezioni del sito chirurgico dopo l'intervento chirurgico per tumori ossei degli arti inferiori che richiedevano un'endoprotesi.

Il gruppo del regime di 5 giorni ha avuto un numero significativamente maggiore di complicanze correlate agli antibiotici. ( Xagena2022 )

The Prophylactic Antibiotic Regimens in Tumor Surgery (PARITY) Investigators, JAMA Oncol 2022; 8: 345-353

Onco2022 Inf2022 Orto2022 Farma2022


Indietro

Altri articoli

L'impiego degli antibiotici era comune in alcuni Paesi durante la fase iniziale della pandemia del coronavirus 2019 ( COVID-19 ),...


La somministrazione di antibiotici prima del parto cesareo non ha aumentato i rischi di asma, eczema o altre condizioni allergiche...


Ci sono pochi dati riguardo all'efficacia relativa dei singoli beta-lattamici. L'obiettivo di uno studio è stato quello di quantificare la ridotta...


L'infezione polmonare cronica da Pseudomonas aeruginosa è una delle cause più importanti di mortalità e morbilità nella fibrosi cistica. Se...


I fluorochinoloni sono antibiotici autorizzati per il trattamento di infezioni batteriche gravi che mettono in pericolo di vita il paziente. La...


A seguito della revisione dei dati di sicurezza sui fluorochinolonici condotta a livello europeo, l’Agenzia Europea per i Medicinali (...


La gestione delle infezioni ortopediche complesse di solito include un ciclo prolungato di antibiotici per via endovenosa. Si è...


I fattori di rischio per l'infezione materna sono chiaramente riconosciuti, incluso il taglio cesareo e la nascita vaginale operativa. La...


I ceppi di Pseudomonas aeruginosa resistenti ai carbapenemi ( CRPA ) sono coinvolti in infezioni gravi, per lo più...