Fattori circolanti di rischio cardiovascolari nei pazienti con apnea notturna ostruttiva


L’apnea notturna ostruttiva è associata ad alta morbidità e mortalità cardiovascolare e rappresenta un fattore di rischio indipendente per l’ipertensione.

Uno studio, compiuto presso gli Oxford Radcliffe Hospitals, ha preso in considerazione nuovi marker di rischio cardiovascolare.

I 220 pazienti con apnea notturna ostruttiva esaminati, sono stati trattati per un mese con pressione positiva continua delle vie aeree ( CPAP ).

Al basale i livelli dei fattori di coagulazione attivati, fattore XIIa, fattore VIIa, trombina – antitrombina, P–selectina solubile, erano più alti nei pazienti con apnea notturna ostruttiva.

Il trattamento di 1 mese con CPAP non ha prodotto alcuna riduzione dei valori.

Gli aumentati livelli di P–selectina solubile sono risultati correlati solo con l’indice di massa corporea ( BMI ).

Il trattamento con CPAP ha prodotto una significativa riduzione del colesterolo totale, abbassando il rischio cardiovascolare di circa il 15%.

Nei pazienti con apnea notturna ostruttiva, è stato osservato un aumento dei livelli di alcuni fattori di coagulazione attivati, che possono contribuire al rischio cardiovascolare.

Il trattamento per un mese con CPAP non produce alcuna caduta di questi fattori di coagulazione, ma abbassa solamente il livello di colesterolo totale. ( Xagena2004 )

Robinson GV et al, Thorax 2004 ; 59 : 777-782

Pneumo2004 Cardio2004


Indietro

Altri articoli

Molti pazienti con sindrome da apnea ostruttiva del sonno ( OSA ) non sono in grado o non vogliono usare...


Si è valutato se la presenza di apnea ostruttiva del sonno influenzi il metabolismo del glucosio in giovani individui magri,...


Il trattamento dell’apnea ostruttiva nel sonno nei pazienti ambulatoriali con insufficienza cardiaca sistolica migliora la funzione cardiaca.Ricercatori dell’Ohio State University...


L’idea che la perdita di peso migliori l’apnea ostruttiva notturna si basa su poche dimostrazioni empiriche.Uno studio, eseguito in 4...


Ricercatori del Nottingham University Hospital in Gran Bretagna, hanno verificato l’ipotesi che l’apnea ostruttiva nel sonno sia più comune nelle...


L’apnea ostruttiva nel sonno ha un’alta prevalenza ed è caratterizzata da anormalità emodinamiche e neurormonali notturne, che possono aumentare il...


L’apnea ostruttiva notturna è caratterizzata da anomalità emodinamiche e neurormonali in grado di aumentare il rischio di infarto miocardico nel...


Ramelteon ( Rozerem ) è un agonista selettivo del recettore MT1/MT2, che trova indicazione nel trattamento dell’insonnia. Per il fatto...


Il trattamento dell’apnea ostruttiva durante il sonno è associato ad una sensibile riduzione del rischio cardiovascolare.Uno studio, condotto presso la...


Una grave apnea ostruttiva notturna aumenta il rischio di un primo ictus ischemico nei pazienti di età superiore ai 70...