Asma cronica: trattamento regolare con Formoterolo e un corticosteroide per via inalatoria versus trattamento regolare con Salmeterolo e un corticosteroide per via inalatoria


In precedenti revisioni Cochrane è stato dimostrato un aumento degli eventi avversi gravi sia con la regolare somministrazione di Formoterolo sia Salmeterolo nell'asma cronica, rispetto al placebo.

Questo aumento è risultato significativo in studi che non avevano randomizzato i partecipanti ai corticosteroidi per via inalatoria, ma meno certo negli studi con piccoli numeri di partecipanti randomizzati a trattamento con corticosteroidi per via inalatoria.

Un gruppo di Ricercatori dell’University of London, ha compiuto una revisione per confrontare i rischi di mortalità ed eventi avversi gravi non-fatali negli studi che hanno assegnato in modo casuale pazienti con asma cronica a impiego regolare di Formoterolo versus regolare uso di Salmeterolo, ognuno associato a un corticosteroide per via inalatoria e per almeno 12 settimane.

Sono stati inclusi nell'analisi 8 studi per un totale di 6.163 adulti e adolescenti coinvolti.

Sette studi ( 5.935 adulti e adolescenti ) hanno confrontato Formoterolo e Budesonide ( Symbicort ) con Salmeterolo e Fluticasone ( Advair, Seretide ).

Tutti gli studi ad eccezione di uno hanno somministrato i prodotti come combinazione di preparazioni inalatorie e la maggior parte ha utilizzato Formoterolo 50 mcg e Budesonide 400 mcg due volte al giorno versus Salmeterolo 50 mcg e Fluticasone 250 mcg due volte al giorno.

Due pazienti sono morti ( uno per ciascuna combinazione ), nessuno sospettato di essere correlato all'asma.

Non è stata osservata una differenza significativa tra i gruppi di trattamento per gli eventi avversi gravi non-fatali per tutte le cause ( Peto OR 1.14 ) o correlati all'asma ( Peto OR 0.69 ).

Oltre le 23 settimane i tassi di eventi avversi gravi per tutte le cause sono stati pari a 2.6% con il regime Formoterolo e Budesonide e 2.3% per quello Salmeterolo e Fluticasone e i tassi di eventi avversi gravi legati all'asma 0.6% e 0.8%, rispettivamente.

Uno studio che ha coinvolto 228 adulti ha confrontato Formoterolo e Beclometasone con Salmeterolo e Fluticasone, ma non sono stati osservati decessi o ricoveri in ospedale.

Non è stato identificato alcuno studio che ha coinvolto bambini.

In conclusione, i 7 studi identificati non hanno mostrato alcuna differenza nella sicurezza tra Formoterolo e Budesonide rispetto a Salmeterolo e Fluticasone.
Gli eventi avversi gravi correlati all'asma sono risultati rari e non sono stati osservati decessi legati all'asma.
In generale non ci sono prove sufficienti per sostenere che il regolare uso di Formoterolo e Budesonide o Beclometasone abbiano profili di sicurezza equivalenti o differenti rispetto a Salmeterolo e Fluticasone. ( Xagena2009 )

Cates CJ e Lasserson TJ, Cochrane Database Syst Rev 2010; (1): CD007694


Pneumo2009 Farma2009


Indietro

Altri articoli

Le iniezioni di plasma ricco di piastrine sono utilizzate come trattamento per la tendinopatia achillea cronica della porzione mediana, ma...


Pulmicort Turbuhaler contiene il principio attivo Budesonide, appartenente al gruppo dei corticosteroidi. La Budesonide ha un effetto antinfiammatorio e trova...


Uno studio ha verificato l'ipotesi che nelle persone con emicrania episodica, l'asma possa essere un fattore di rischio per...


Coloro che soffrono di asma e di emicrania episodica, possono presentare un rischio doppio di sviluppare emicrania cronica, definita come...


Relvar Ellipta, i cui principi attivi sono Fluticasone furoato e Vilanterolo, trova indicazione nel trattamento regolare dell’asma negli adulti e...


Molti pazienti con asma o broncopneumopatia cronica ostruttiva ( BPCO ) ricevono routinariamente una combinazione di un broncodilatatore per via...


La metalloproteinasi di matrice 12 ( MMP-12 ) è stata implicata nella patogenesi della broncopneumopatia cronica ostruttiva ( BPCO )...


La poliradiculoneuropatia demielinizzante infiammatoria cronica ( CIDP ) è una malattia che causa debolezza e intorpidimento progressivi o recidivanti e...


I disturbi tendinei rappresentano il 30-50% di tutti i danni correlati all’attività fisica; le malattie degenerative croniche dei tendini (...