Efficacia e sicurezza di RPL554, un doppio inibitore di PDE3 e PDE4, in volontari sani e in pazienti con asma e broncopneumopatia cronica ostruttiva


Molti pazienti con asma o broncopneumopatia cronica ostruttiva ( BPCO ) ricevono routinariamente una combinazione di un broncodilatatore per via inalatoria e glucocorticosteroidi anti-infiammatori, ma quelli con malattia grave spesso mostrano una risposta scarsa a queste classi di farmaci.

E’ stata valutata la efficacia e la sicurezza di un nuovo inibitore inalatorio, doppio, della fosfodiesterasi 3 ( PDE3 ) e della fosfodiesterasi 4 ( PDE4 ), RPL554 per la sua capacità di agire come farmaco broncodilatatore e antinfiammatorio.

Nel periodo 2009-2013, sono stati condotti 4 studi clinici in Olanda, Italia e Regno Unito.

La sicurezza di RPL554 nebulizzato è stata analizzata nello studio 1 in 18 uomini sani assegnati in maniera casuale e in un rapporto 1:1:1 a ricevere una dose di RPL554 per via inalatoria ( 0.003 mg/kg o 0.009 mg/kg ) oppure placebo.

In seguito, 6 uomini non-fumatori con lieve asma allergica hanno ricevuto dosi singole di RPL554 ( 3 uomini hanno ricevuto 0.009 mg/kg e 3 ne hanno ricevuti 0.018 mg/kg ) in uno studio adattativo in aperto, e infine 10 uomini con lieve asma allergica sono stati assegnati in maniera casuale a ricevere placebo oppure RPL554 ( 0.018 mg/kg ) per una valutazione di sicurezza, broncodilatazione e broncoprotezione.

Lo studio 2 ha esaminato la riproducibilità della risposta broncodilatatoria a una dose giornaliera nebulizzata di RPL554 ( 0.018 mg/kg ) per 6 giorni consecutivi in uno studio in singolo cieco ( pazienti in cieco ) e controllato con placebo in 12 uomini con asma clinicamente stabile.

La sicurezza e l’effetto broncodilatatore di RPL554 ( 0.018 mg/kg ) sono state valutate nello studio 3 ( in aperto, controllato con placebo e di crossover ) che ha coinvolto 12 uomini con BPCO da lieve a moderata.

Nello studio 4 ( controllato con placebo e di crossover ) l’effetto di RPL554 ( 0.018 mg/kg ) sull’infiltrazione di cellule infiammatorie indotta da lipopolisaccaride nello sputo è stato valutato in 21 uomini sani.

Le analisi sono state condotte per intention-to-treat.

La sicurezza era un endpoint primario degli studi 1 e 3 e un endpoint secondario degli studi 2 e 4.

In generale, RPL554 è stato ben tollerato e gli eventi avversi sono risultati in genere lievi e di egual frequenza tra i gruppi placebo e quelli con trattamento attivo.

L’efficacia era un endpoint primario dello studio 2 e un endpoint secondario degli studi 1 e 3.

Lo studio 1 ha misurato il cambiamento nel volume espiratorio forzato in 1 secondo ( FEV1 ) e la concentrazione di Metacolina capace di causare una diminuzione del 20% di FEV1 ( PC20MCh ) nei partecipanti con asma.

RPL554 ha portato a una rapida broncodilatazione in pazienti con asma con un aumento di FEV1 a 1 ora di 520 mL ( p inferiore a 0.0001 ), pari a un aumento del 14% rispetto al placebo, e un aumento di PC20MCh di 1.5 raddoppi di dosi ( p=0.004 ) rispetto a placebo.

L’endpoint primario dello studio 2 era il FEV1 massimo raggiunto durante 6 ore dopo il dosaggio con RPL554 in pazienti con asma.

RPL554 ha prodotto in media un incremento massimo simile di FEV1, rispetto al placebo, nel giorno 1 ( 555 mL ), nel giorno 3 ( 505 mL ) e nel giorno 6 ( 485 mL; p generale inferiore a 0.0001 ).

Un endpoint secondario dello studio 3 ( pazienti con BPCO ) era l’aumento dal basale di FEV1.

RPL554 ha prodotto broncodilatazione con una aumento medio nel FEV1 massimo di 17.2%.

In soggetti sani ( studio 4 ), l’endpoint primario era il cambiamento percentuale nella conta dei neutrofili nello sputo 6 ore dopo la stimolazione con lipopolisaccaride.

RPL554 ( 0.018 mg/kg ) non ha ridotto in modo significativo la percentuale di neutrofili nello sputo ( 80.3% nel gruppo RPL554 vs 84.2% nel gruppo placebo; differenza −3.9%, p=0.15 ) e RPL554 ha ridotto significativamente i neutrofili ( p=0.002 ) e le cellule totali ( p=0.002 ) in misura simile.

In conclusione, in 4 studi esploratori, RPL554 per via inalatoria si è rivelato un farmaco broncodilatatorio, broncoprotettore e antinfiammatorio efficace e ben tollerato e ulteriori studi stabiliranno il completo potenziale di questo nuovo farmaco per il trattamento di pazienti con BPCO o asma. ( Xagena2013 )

Franciosi LG et al, The Lancet Respiratory Medicine 2013; 1: 714-727

Pneumo2013 Farma2013


Indietro

Altri articoli

Le iniezioni di plasma ricco di piastrine sono utilizzate come trattamento per la tendinopatia achillea cronica della porzione mediana, ma...


Pulmicort Turbuhaler contiene il principio attivo Budesonide, appartenente al gruppo dei corticosteroidi. La Budesonide ha un effetto antinfiammatorio e trova...


Uno studio ha verificato l'ipotesi che nelle persone con emicrania episodica, l'asma possa essere un fattore di rischio per...


Coloro che soffrono di asma e di emicrania episodica, possono presentare un rischio doppio di sviluppare emicrania cronica, definita come...


Relvar Ellipta, i cui principi attivi sono Fluticasone furoato e Vilanterolo, trova indicazione nel trattamento regolare dell’asma negli adulti e...


La metalloproteinasi di matrice 12 ( MMP-12 ) è stata implicata nella patogenesi della broncopneumopatia cronica ostruttiva ( BPCO )...


La poliradiculoneuropatia demielinizzante infiammatoria cronica ( CIDP ) è una malattia che causa debolezza e intorpidimento progressivi o recidivanti e...


I disturbi tendinei rappresentano il 30-50% di tutti i danni correlati all’attività fisica; le malattie degenerative croniche dei tendini (...


In precedenti revisioni Cochrane è stato dimostrato un aumento degli eventi avversi gravi sia con la regolare somministrazione di Formoterolo...