Trattamento immunomodulante diverso da corticosteroidi, immunoglobuline e plasmaferesi per poliradiculoneuropatia demielinizzante infiammatoria cronica


La poliradiculoneuropatia demielinizzante infiammatoria cronica ( CIDP ) è una malattia che causa debolezza e intorpidimento progressivi o recidivanti e remittenti. Ciò è probabilmente dovuto a un processo autoimmune.
I farmaci immunosoppressori o immunomodulatori dovrebbero essere utili in questo ambito.

Sono state esaminate sistematicamente le evidenze da studi randomizzati di farmaci citotossici e interferoni diversi da corticosteroidi, immunoglobuline e plasmaferesi per la terapia della poliradiculoneuropatia demielinizzante infiammatoria cronica.

L’endpoint primario era rappresentato dalla variazione di invalidità dopo un anno; gli endpoint secondari erano il cambiamento nella disabilità dopo 4 o più settimane ( dalla randomizzazione ), il cambiamento nella disabilità dopo almeno un anno, il cambiamento nella velocità di conduzione nervosa massima motoria e nell’ampiezza del potenziale d'azione muscolare composto dopo un anno e, per quei partecipanti che ricevevano corticosteroidi o immunoglobuline per via endovenosa, la quantità di farmaco somministrato per almeno un anno dopo la randomizzazione.
Anche il manifestarsi di eventi avversi gravi, uno o più, durante il primo anno è stato considerato un endpoint secondario.

Quattro studi hanno soddisfatto i criteri di selezione: 1 con Azatioprina ( 27 partecipanti ), 2 con Interferone beta-1a ( 77 partecipanti in totale ) e 1 con Metotrexato ( 60 partecipanti ).

Nessuno di questi studi ha evidenziato un beneficio significativo nell’esito primario o negli esiti secondari selezionati per questa revisione.

In conclusione, l'evidenza da studi randomizzati non ha mostrato un significativo beneficio da Azatioprina, Interferone beta-1a o Metotrexato, ma nessuno degli studi era ampio abbastanza da escludere piccoli o moderati benefici.
L'evidenza da studi osservazionali non è sufficiente a evitare la necessità di studi randomizzati e controllati per determinare se questi farmaci sono utili.
Gli studi futuri dovrebbero essere meglio disegnati, con misure di esito più sensibili e durate più lunghe. ( Xagena2010 )

Mahdi-Rogers M et al, Cochrane Database Syst Rev 2010; 11

Neuro2010 Farma2010


Indietro

Altri articoli

Le iniezioni di plasma ricco di piastrine sono utilizzate come trattamento per la tendinopatia achillea cronica della porzione mediana, ma...


Pulmicort Turbuhaler contiene il principio attivo Budesonide, appartenente al gruppo dei corticosteroidi. La Budesonide ha un effetto antinfiammatorio e trova...


Uno studio ha verificato l'ipotesi che nelle persone con emicrania episodica, l'asma possa essere un fattore di rischio per...


Coloro che soffrono di asma e di emicrania episodica, possono presentare un rischio doppio di sviluppare emicrania cronica, definita come...


Relvar Ellipta, i cui principi attivi sono Fluticasone furoato e Vilanterolo, trova indicazione nel trattamento regolare dell’asma negli adulti e...


Molti pazienti con asma o broncopneumopatia cronica ostruttiva ( BPCO ) ricevono routinariamente una combinazione di un broncodilatatore per via...


La metalloproteinasi di matrice 12 ( MMP-12 ) è stata implicata nella patogenesi della broncopneumopatia cronica ostruttiva ( BPCO )...


I disturbi tendinei rappresentano il 30-50% di tutti i danni correlati all’attività fisica; le malattie degenerative croniche dei tendini (...


In precedenti revisioni Cochrane è stato dimostrato un aumento degli eventi avversi gravi sia con la regolare somministrazione di Formoterolo...