Associazione di bassa concentrazione plasmatica di transtiretina con rischio di insufficienza cardiaca nella popolazione generale


Diverse linee di evidenza supportano una bassa concentrazione plasmatica di transtiretina ( TTR ) come biomarcatore in vivo dell'instabilità del tetramero della transtiretina, un prerequisito per lo sviluppo sia dell'amiloidosi cardiaca da transtiretina wild-type ( ATTRwt ) sia dell'amiloidosi cardiaca da transtiretina ereditaria ( ATTRm ).

Sia l'amiloidosi cardiaca ATTRm che ATTRwt possono manifestarsi come insufficienza cardiaca.
Tuttavia, non è noto se la bassa concentrazione plasmatica di transtiretina conferisca un aumento del rischio di insufficienza cardiaca incidente nella popolazione generale.

Si è valutato se una bassa concentrazione plasmatica di transtiretina sia associata a insufficienza cardiaca incidente nella popolazione generale.
È stato condotto uno studio che ha incluso i dati da 2 studi di coorte prospettici simili sulla popolazione generale danese, il Copenhagen General Population Study ( CGPS; n=9.582 ) e il Copenhagen City Heart Study ( CCHS; n=7.385 ).

Utilizzando questi dati, in primo luogo si è determinato se una bassa concentrazione di transtiretina plasmatica fosse associata a un aumentato rischio di insufficienza cardiaca incidente.
In secondo luogo, si è determinato se varianti genetiche nella transtiretina associate all'aumento dell'instabilità del tetramero fossero associate a una minore concentrazione di transtiretina e a un rischio più elevato di insufficienza cardiaca.

I dati sono stati raccolti tra il 2003 e il 2017 nello studio CGPS ​​e tra il 1991 e il 1994 nello studio CCHS; i partecipanti a entrambi gli studi sono stati osservati per gli endpoint del tempo di sopravvivenza fino al 2017.

Sono state esaminate la concentrazioni di transtiretina pari o inferiore al 5° percentile, tra il 5° e il 95° percentile ( riferimento ) e superiore al 95° percentile, e le varianti genetiche nella transtiretina.

L’esito principale era rappresentato da insufficienza cardiaca incidente identificata utilizzando il Registro nazionale dei pazienti danese.

Su 9.582 individui nello studio CGPS, 5.077 ( 53.0% ) erano donne e l'età mediana era di 56 anni.
Su 7.385 individui nello studio CCHS, 4.452 ( 60.3% ) erano donne e l'età mediana era di 59 anni.

Durante un follow-up mediano di 12.6 anni e 21.7 anni, 441 individui ( 4.6% ) nello studio CGPS ​​e 1.122 individui ( 15.2% ) nello studio CCHS, rispettivamente, hanno sviluppato insufficienza cardiaca.

Le concentrazioni plasmatiche di transtiretina al basale pari o inferiori al 5° percentile sono state associate a insufficienza cardiaca incidente ( CGPS: hazard ratio, HR=1.6; CCHS: HR=1.4 ).

Il rischio di insufficienza cardiaca è stato più alto negli uomini con bassi livelli di transtiretina.
Rispetto a p.T139M, una variante stabilizzante la transtiretina, il genotipo TTR è stato associato a concentrazioni gradualmente inferiori di transtiretina per TTR wild-type ( −16.5% ), p.G26S ( −18.1% ) ed eterozigoti per altre varianti ( p.V142I, p.H110N e p.D119N; −30.8% ) ( P per trend minore di 0.001 ).

Gli hazard ratio corrispondenti per l’insufficienza cardiaca incidente sono stati 1.14, 1.29 e 2.04, rispettivamente ( P per trend=0.04 ).

In questo studio, più basse concentrazioni plasmatiche e geneticamente determinate di transtiretina sono state associate a un rischio più elevato di insufficienza cardiaca incidente, suggerendo una potenziale associazione meccanicistica tra la bassa concentrazione di transtiretina come marker di instabilità del tetramero e l’insufficienza cardiaca incidente nella popolazione generale. ( Xagena2021 )

Greve AM et al, JAMA Cardiol 2021; 6: 258-266

Cardio2021 MalRar2021 Med2021


Indietro

Altri articoli

Secondo i risultati di uno studio, l'aumento dell'esposizione ai beta 2 agonisti a breve durata d'azione ( SABA ) o...


La somministrazione di antibiotici prima del parto cesareo non ha aumentato i rischi di asma, eczema o altre condizioni allergiche...


Secondo uno studio, i bambini allattati esclusivamente al seno per periodi più lunghi hanno manifestato una più bassa probabilità di...


La termoplastica bronchiale è un trattamento endoscopico non-controllato per l'asma. Precedenti studi clinici randomizzati hanno dimostrato che la termoplastica bronchiale...


Il plasma convalescente viene frequentemente somministrato a pazienti con Covid-19 ed è stato segnalato, in gran parte sulla base di...


Le terapie per interrompere la progressione della malattia da coronavirus 2019 in fase iniziale ( Covid-19 ) rimangono non ben...


La somministrazione precoce di plasma convalescente ottenuto da donatori di sangue che si sono ripresi dalla malattia da coronavirus 2019...


COVID-19 è una malattia pericolosa per la vita per molti pazienti. Studi precedenti hanno stabilito che i tumori ematologici sono...


Elzonris, il cui principio attivo è Tagraxofusp, è un medicinale che trova impiego nel trattamento di adulti affetti da neoplasia...


I benefici e i danni dell'aggiunta di antagonisti muscarinici a lunga durata d'azione ( LAMA ) ai corticosteroidi per via...