Plasma convalescente in pazienti ricoverati in ospedale con COVID-19: studio RECOVERY


Molti pazienti con COVID-19 sono stati trattati con plasma contenente anticorpi anti-SARS-CoV-2.
Sono state valutare la sicurezza e l'efficacia della terapia al plasma convalescente in pazienti ricoverati in ospedale con COVID-19.

Lo studio randomizzato, controllato, in aperto RECOVERY ( Randomised Evaluation of COVID-19 Therapy ) sta valutando diversi possibili trattamenti in pazienti ospedalizzati con COVID-19 nel Regno Unito.
La sperimentazione è in corso in 177 ospedali del NHS di tutto il Regno Unito.

I pazienti idonei e consenzienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere le sole cure abituali ( gruppo di cure abituali ) o le cure abituali più plasma convalescente ad alto titolo ( gruppo plasma convalescente ).

L'esito primario era la mortalità a 28 giorni, analizzata su base intention-to-treat ( ITT ).

Tra il 28 maggio 2020 e il 15 gennaio 2021, 11.558 dei 16.287 pazienti ( 71% ) arruolati in RECOVERY erano idonei a ricevere plasma convalescente e sono stati assegnati al gruppo plasma convalescente o al gruppo di cure abituali.

Non è stata riscontrata alcuna differenza significativa nella mortalità a 28 giorni tra i due gruppi: 1.399 su 5.795 pazienti ( 24% ) nel gruppo plasma convalescente e 1.408 su 5.763 pazienti ( 24% ) nel gruppo di cure abituali sono deceduti entro 28 giorni ( rate ratio 1.00; P=0.95 ).

Il rate ratio di mortalità a 28 giorni è stato simile in tutti i sottogruppi di pazienti prespecificati, inclusi quelli senza anticorpi SARS-CoV-2 rilevabili alla randomizzazione.

L'allocazione al plasma convalescente non ha avuto effetti significativi sulla percentuale di pazienti dimessi dall'ospedale entro 28 giorni ( 3.832 pazienti, 66%, nel gruppo plasma convalescente versus 3.822 pazienti, 66%, nel gruppo di cure abituali; rate ratio 0.99; P=0.57 ).

Tra i pazienti non-in-ventilazione meccanica invasiva al momento della randomizzazione non vi è stata alcuna differenza significativa nella percentuale di pazienti che raggiungevano l'endpoint composito di progressione verso ventilazione meccanica invasiva o morte ( 1.568 su 5.493 pazienti, 29%, nel gruppo plasma convalescente vs 1.568 su 5.448 pazienti, 29%, nel gruppo di cure abituali; rate ratio 0.99; P=0.79 ).

Nei pazienti ospedalizzati con COVID-19, il plasma convalescente ad alto titolo non ha migliorato la sopravvivenza o altri esiti clinici prespecificati. ( Xagena2021 )

RECOVERY Collaborative Group, Lancet 2021; 397: 2049-2059

Inf2021 Med2021



Indietro

Altri articoli

Secondo i risultati di uno studio, l'aumento dell'esposizione ai beta 2 agonisti a breve durata d'azione ( SABA ) o...


La somministrazione di antibiotici prima del parto cesareo non ha aumentato i rischi di asma, eczema o altre condizioni allergiche...


Secondo uno studio, i bambini allattati esclusivamente al seno per periodi più lunghi hanno manifestato una più bassa probabilità di...


La termoplastica bronchiale è un trattamento endoscopico non-controllato per l'asma. Precedenti studi clinici randomizzati hanno dimostrato che la termoplastica bronchiale...


Il plasma convalescente viene frequentemente somministrato a pazienti con Covid-19 ed è stato segnalato, in gran parte sulla base di...


Le terapie per interrompere la progressione della malattia da coronavirus 2019 in fase iniziale ( Covid-19 ) rimangono non ben...


La somministrazione precoce di plasma convalescente ottenuto da donatori di sangue che si sono ripresi dalla malattia da coronavirus 2019...


COVID-19 è una malattia pericolosa per la vita per molti pazienti. Studi precedenti hanno stabilito che i tumori ematologici sono...


Elzonris, il cui principio attivo è Tagraxofusp, è un medicinale che trova impiego nel trattamento di adulti affetti da neoplasia...


I benefici e i danni dell'aggiunta di antagonisti muscarinici a lunga durata d'azione ( LAMA ) ai corticosteroidi per via...