Afatinib rispetto a Gefitinib nei pazienti con cancro al polmone non-a-piccole cellule avanzato positivo alla mutazione EGFR: studio LUX-Lung 7


Nello studio LUX-Lung 7, il bloccante irreversibile della famiglia ErbB, Afatinib ( Giotrif ), ha migliorato notevolmente la sopravvivenza libera dalla progressione ( PFS ), il tempo al fallimento del trattamento ( TTF ) e il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) rispetto a Gefitinib ( Iressa ) nei pazienti con cancro del polmone non-a-piccole cellule ( NSCLC ) positivo alla mutazione del recettore del fattore di crescita epidermico ( EGFR ).

E' stata presentata l'analisi primaria dei dati di sopravvivenza globale ( OS ) maturi.

LUX-Lung 7 ha valutato il dosaggio di Afatinib 40 mg/die rispetto a Gefitinib 250 mg/die nei pazienti non-trattati con tumore NSCLC in stadio IIIb/IV e una comune mutazione EGFR ( delezione esone 19/L858R ).
L'analisi della sopravvivenza globale primaria è stata pianificata dopo circa 213 eventi di sopravvivenza OS e 32 o più mesi di follow-up.
La sopravvivenza globale è stata analizzata stratificando in base al tipo di mutazione EGFR e alle metastasi cerebrali basali.

Alla data cut-off erano avvenuti 226 eventi di sopravvivenza globale.

Dopo un follow-up mediano di 42.6 mesi, la sopravvivenza mediana globale ( Afatinib vs Gefitinib ) è stata di 27.9 rispetto a 24.5 mesi ( hazard ratio, HR=0.86, P=0.2580 ).

Le analisi per sottogruppo prespecificato hanno mostrato tendenze simili nella sopravvivenza globale ( Afatinib rispetto a Gefitinib ) nei pazienti con mutazioni di delezione dell'esone 19 ( 30.7 vs 26.4 mesi, HR, 0.83, P=0.2841 ) e L858R ( 25.0 vs 21.2 mesi, HR 0.91, P=0.6585 ).

La maggior parte dei pazienti ( Afatinib, 72.6%; Gefitinib, 76.8% ) ha avuto almeno un successivo trattamento anti-cancro sistemico a seguito della sospensione di Afatinib / Gefitinib; 20 ( 13.7% ) e 23 ( 15.2% ) pazienti hanno ricevuto un inibitore della tirosina chinasi di EGFR di terza generazione.

In conclusione, nello studio LUX-Lung 7, non vi è stata alcuna differenza significativa nella sopravvivenza globale con Afatinib rispetto a Gefitinib.
La sopravvivenza libera da progressione aggiornata ( revisione indipendente ) ha evidenziato che il tempo al fallimento del trattamento e il tasso di risposta globale erano significativamente migliorati con Afatinib. ( Xagena2017 )

Paz-Ares L et al, Ann Oncol 2017; 28: 270-277

Pneumo2017 Onco2017 Farma2017



Indietro

Altri articoli

Uno studio di fase 1 ha trovato che il trattamento combinato con un farmaco sperimentale anti-TIGIT più un inibitore di...


Befotertinib ( Surmana ) è un nuovo inibitore orale selettivo di terza generazione della tirosina-chinasi del recettore del fattore di...



L’Agenzia Europea per i medicinali ( EMA ) e l’Agenzia Italiana del Farmaco ( AIFA ) hanno informato gli operatori...


Il beneficio di Camrelizumab più chemioterapia nel setting neoadiuvante per il tumore polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ) resecabile in...


Libtayo, il cui principio attivo è Cemiplimab, è un medicinale antitumorale usato negli adulti per trattare: - un tipo di...


La Food and Drug Administration ( FDA ) ha concesso l'approvazione accelerata a Krazati ( Adagrasib ), un inibitore della...