Esiti di sopravvivenza a 5 anni con Nivolumab più Ipilimumab rispetto alla chemioterapia come trattamento di prima linea per il cancro al polmone non-a-piccole cellule metastatico nello studio CheckMate 227


Sono stati presentati i risultati a 5 anni di CheckMate 227 parte 1, in cui Nivolumab ( Opdivo ) più Ipilimumab ( Yervoy ) hanno migliorato la sopravvivenza globale ( OS ) rispetto alla chemioterapia nei pazienti con tumore polmonare non-a-piccole cellule metastatico, indipendentemente dallo stato di PD-L1.

Gli adulti con tumore al polmone non-a-piccole cellule in stadio IV/ricorrente senza mutazioni EGFR o alterazioni ALK e con tumore PD-L1 maggiore o uguale a 1% o inferiore a 1% ( n=1.739 ) sono stati assegnati in modo casuale.

I pazienti con tumore PD-L1 maggiore o uguale a 1% sono stati assegnati in modo casuale a Nivolumab di prima linea più Ipilimumab, Nivolumab da solo o chemioterapia.

I pazienti con tumore PD-L1 inferiore a 1% sono stati assegnati in modo casuale a Nivolumab più Ipilimumab, Nivolumab più chemioterapia o chemioterapia.

Gli endpoint includevano risultati esplorativi a 5 anni per l'efficacia, la sicurezza e la qualità di vita.

A un follow-up minimo di 61.3 mesi, le percentuali di sopravvivenza globale a 5 anni sono state del 24% rispetto al 14% per Nivolumab più Ipilimumab rispetto alla chemioterapia ( PD-L1 maggiore o uguale a 1% ) e del 19% versus 7% ( PD-L1 inferiore a 1% ).

La durata mediana della risposta è stata di 24.5 versus 6.7 ​​mesi ( PD-L1 maggiore o uguale a 1% ) e di 19.4 versus 4.8 mesi ( PD-L1 inferiore a 1% ).
Tra i pazienti sopravvissuti a 5 anni, il 66% ( PD-L1 maggiore o uguale a 1% ) e il 64% ( PD-L1 inferiore a 1% ) erano senza Nivolumab più Ipilimumab senza aver iniziato il successivo trattamento antitumorale sistemico ai 5 anni di endpoint.

Il beneficio in termini di sopravvivenza è continuato dopo l'interruzione di Nivolumab più Ipilimumab a causa di eventi avversi correlati al trattamento, con una percentuale di sopravvivenza globale a 5 anni del 39% ( popolazioni combinate PD-L1 maggiore o uguale a 1% e inferiore a 1% ).

La qualità di vita nei sopravvissuti a 5 anni trattati con Nivolumab più Ipilimumab è stata simile a quella della popolazione generale degli Stati Uniti durante il follow-up di 5 anni. Non sono stati osservati nuovi segnali di sicurezza.

Con tutti i pazienti senza trattamento immunoterapico per 3 anni o più, Nivolumab più Ipilimumab ha aumentato la sopravvivenza a 5 anni rispetto alla chemioterapia, includendo un beneficio clinico duraturo a lungo termine indipendentemente dall'espressione tumorale di PD-L1.
Questi dati supportano Nivolumab più Ipilimumab come efficace trattamento di prima linea per i pazienti con tumore polmonare non-a-piccole cellule metastatico. ( Xagena2023 )

Brahmer JR et al, J Clin Oncol 2023; 41: 1200-1212

Pneumo2023 Onco2023 Farma2023



Indietro

Altri articoli


E' stata riportata l'efficacia sul sistema nervoso centrale ( SNC ) di Osimertinib ( Tagrisso ) più chemioterapia di prima...


Uno studio di fase 1 ha trovato che il trattamento combinato con un farmaco sperimentale anti-TIGIT più un inibitore di...


Il carcinoma polmonare a piccole cellule, anche definito microcitoma polmonare ( SCLC ) rappresenta circa il 15% di tutti i...


Nello studio LUX-Lung 7, il bloccante irreversibile della famiglia ErbB, Afatinib ( Giotrif ), ha migliorato notevolmente la sopravvivenza libera...


Befotertinib ( Surmana ) è un nuovo inibitore orale selettivo di terza generazione della tirosina-chinasi del recettore del fattore di...


L’Agenzia Europea per i medicinali ( EMA ) e l’Agenzia Italiana del Farmaco ( AIFA ) hanno informato gli operatori...


Il beneficio di Camrelizumab più chemioterapia nel setting neoadiuvante per il tumore polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ) resecabile in...


I dati dello studio di fase III ALINA hanno dimostrato un miglioramento statisticamente e clinicamente significativo dell'endpoint primario sopravvivenza libera...