Radioterapia postoperatoria rispetto a nessuna radioterapia postoperatoria nei pazienti con cancro al polmone non-a-piccole cellule completamente asportato, e comprovato coinvolgimento mediastinico N2: studio Lung ART


Nei pazienti con cancro polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ), l'uso della radioterapia postoperatoria ( PORT ) è controverso dal 1998, a causa di una meta-analisi che ha mostrato un effetto deleterio sulla sopravvivenza nei pazienti con pN0 e pN1, ma con un effetto non ben definito nei pazienti con tumore NSCLC pN2.

Poiché si sono verificati molti cambiamenti nella gestione dei pazienti con tumore NSCLC, il ruolo della radioterapia postoperatoria conforme tridimensionale ( 3D ) richiede ulteriori indagini nei pazienti con tumore NSCLC in stadio IIIAN2.
Lo scopo di questo studio era quello di stabilire se la radioterapia postoperatoria dovesse far parte del trattamento standard.

Lung ART è uno studio di superiorità di fase 3, randomizzato, in aperto, che ha confrontato la radioterapia postoperatoria mediastinica con nessuna radioterapia postoperatoria nei pazienti con tumore NSCLC con resezione completa, esplorazione linfonodale e coinvolgimento N2 citologicamente o istologicamente provato.
Era consentita una precedente chemioterapia neoadiuvante o adiuvante.

Pazienti di età pari o superiore a 18 anni, con un WHO performance status di 0-2, sono stati reclutati da 64 ospedali e centri oncologici in cinque Paesi ( Francia, Regno Unito, Germania, Svizzera e Belgio ).

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale al gruppo radioterapia postoperatoria o no- radioterapia postoperatoria ( controllo ) e i fattori di minimizzazione erano l'istituzione, la somministrazione della chemioterapia, il numero di stazioni linfonodali mediastiniche coinvolte, l'istologia e l'uso di scansione PET pre-trattamento.

I pazienti hanno ricevuto radioterapia postoperatoria a una dose di 54 Gy in 27 o 30 frazioni giornaliere, per 5 giorni consecutivi alla settimana.
La radioterapia conforme tridimensionale era obbligatoria e la radioterapia a intensità modulata era consentita nei Centri con esperienza.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da malattia, analizzata per intention-to-treat ( ITT ) a 3 anni; i pazienti del gruppo radioterapia postoperatoria che non hanno ricevuto radioterapia e i pazienti del gruppo di controllo senza follow-up sono stati esclusi dalle analisi di sicurezza.

Tra il 2007 e il 2018, 501 pazienti, principalmente stadiati con 18F FDG PET ( 456, 91%; 232, 92%, nel gruppo radioterapia postoperatoria e 224, 90%, nel gruppo di controllo ), sono stati arruolati e assegnati in modo casuale a ricevere radioterapia postoperatoria ( 252 pazienti ) o nessuna radioterapia postoperatoria ( 249 pazienti ).

Al cutoff dei dati nel 2019, il follow-up mediano era di 4.8 anni.

La sopravvivenza libera da malattia a 3 anni è stata del 47% con radioterapia postoperatoria rispetto al 44% senza radioterapia postoperatoria, e la sopravvivenza libera da malattia mediana è stata di 30.5 mesi nel gruppo radioterapia postoperatoria e 22.8 mesi nel gruppo di controllo ( hazard ratio 0.86; P=0.18 ).

Gli eventi avversi di grado 3-4 più comuni sono stati: polmonite ( 13 su 241 pazienti, 5%, nel gruppo radioterapia postoperatoria vs 1 su 246, inferiore a 1%, nel gruppo di controllo ), linfopenia ( 9, 4%, vs 0 ) e affaticamento ( 6, 3%, vs 1, inferiore a 1% ).

Tossicità cardiopolmonare di grado 3-4 tardivo è stata segnalata in 26 pazienti ( 11% ) nel gruppo radioterapia postoperatoria vs 12 ( 5% ) nel gruppo di controllo. 2 pazienti sono deceduti per polmonite, in parte correlata alla radioterapia e all'infezione, e un paziente è deceduto a causa della tossicità della chemioterapia ( sepsi ) considerata correlata al trattamento, tutti nel gruppo radioterapia postoperatoria.

Lung ART ha valutato la radioterapia postoperatoria conforme 3D dopo la resezione completa nei pazienti che erano stati stadiati utilizzando 18F-FDG PET-CT e che avevano ricevuto chemioterapia neoadiuvante o adiuvante.
La sopravvivenza libera da malattia a 3 anni è stata più alta del previsto in entrambi i gruppi, ma la radioterapia postoperatoria non è stata associata a un aumento della sopravvivenza libera da malattia rispetto a nessuna radioterapia postoperatoria.
La radioterapia postoperatoria conforme non può essere raccomandata come standard di cura nei pazienti con cancro al polmone non-a-piccole cellule in stadio IIIAN2. ( Xagena2022 )

Le Pechoux C et al, Lancet Oncology 2022; 23: 104-114

Pneumo2022 Onco2022 Med2022



Indietro

Altri articoli

Uno studio di fase 1 ha trovato che il trattamento combinato con un farmaco sperimentale anti-TIGIT più un inibitore di...


Nello studio LUX-Lung 7, il bloccante irreversibile della famiglia ErbB, Afatinib ( Giotrif ), ha migliorato notevolmente la sopravvivenza libera...


Befotertinib ( Surmana ) è un nuovo inibitore orale selettivo di terza generazione della tirosina-chinasi del recettore del fattore di...



L’Agenzia Europea per i medicinali ( EMA ) e l’Agenzia Italiana del Farmaco ( AIFA ) hanno informato gli operatori...


Il beneficio di Camrelizumab più chemioterapia nel setting neoadiuvante per il tumore polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ) resecabile in...


Libtayo, il cui principio attivo è Cemiplimab, è un medicinale antitumorale usato negli adulti per trattare: - un tipo di...


La Food and Drug Administration ( FDA ) ha concesso l'approvazione accelerata a Krazati ( Adagrasib ), un inibitore della...