Mutazioni attivanti del gene per il recettore EGF alla base della risposta al Gefitinib , un farmaco per il trattamento del carcinoma polmonare a cellule non-piccole


La maggior parte dei pazienti con carcinoma polmonare a non-piccole cellule non rispondono al Gefitinib ( Iressa ) , un inibitore della tirosin-chinasi, che ha come bersaglio il recettore del fattore di crescita epidermico ( EGFR, Epidermal Growth Factor Receptor ).

Comunque, circa il 10% dei pazienti ha presenato una rapida e, spesso, drammatica risposta clinica dopo trattamento con Gefitinib.

Il meccanismo molecolare che sta alla base della sensibilità al Gefitinib non è noto.

Sono state ricercate le mutazioni nel gene codificante per EGFR nei tumori primari dei pazienti con carcinoma polmonare a non-piccole cellule che hanno risposto al Gefitinib, in quelli che non hanno risposto ed in quelli che non sono stati trattati con Gefitinib.

Mutazioni somatiche sono state identificate, a livello del dominio della tirosin-chinasi del gene EGFR, in 8 di 9 pazienti con carcinoma polmonare responder al Gefitinib.
Queste mutazioni non sono state riscontrate in nessuno dei 7 pazienti , in cui non si è osservata alcuna risposta al farmaco ( p = 0.001 ).

Le mutazioni erano piccole delezioni in-frame o sostituzioni di un aminoacido, raggruppate intorno al sito di legame per l’ATP del dominio della tirosin-chinasi.

Mutazioni simili sono state identificate in 2 di 25 pazienti con carcinoma polmonare primario a non-piccole cellule , che non sono stati sottoposti a trattamento con Gefitinib.

Tutte le mutazioni erano eterozigote e mutazioni identiche sono state riscontrate in più pazienti, indicando un guadagno aggiuntivo di funzione.

In vitro, i mutanti EGFR hanno mostrato un’aumentata attività della tirosin-chinasi in risposta al fattore di crescita epidermico ( EGF ) ed un’elevata sensibilità all’inibizione del Gefitinib.

Secondo i Ricercatori un sottogruppo di pazienti con carcinoma polmonare a non-piccole cellule presenta mutazioni specifiche nel gene dell’EGFR, che sono in correlazione con la risposta cli nica al Gefitinib, inibitore della tirosin-chinasi.

La ricerca di tali mutazioni nei carcinomi polmonari, potrebbe permettere di identificare i pazienti sensibili al trattamento con Gefitinib.( Xagena2004 )

Lynch TJ et al, N Engl J Med 2004; 350 : 2129-2139



Onco2004 Farma2004


Indietro

Altri articoli


La scoperta delle mutazioni di EGFR nel tessuto tumorale è l'approccio standard per stabilire se un paziente trarrà beneficio dal...


La tirosin-chinasi del recettore del fattore di crescita dell’epidermide ( EGFR ) è un obiettivo importante per il carcinoma polmonare...


Il bloccante irreversibile della famiglia ErbB Afatinib ( Giotrif ) e l’inibitore reversibile della tirosin-chinasi di EGFR Gefitinib ( Iressa...


Sono necessari nuovi farmaci a bersaglio molecolare per i pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule in progressione durante trattamento con...


Icotinib, un inibitore tirosin chinasico orale di EGFR, ha mostrato attività antitumorale e un profilo di tossicità favorevole in studi...



Pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule portatori di mutazioni nel gene del recettore del fattore di crescita dell’epidermide ( EGFR...


Studi clinici precedenti, non-controllati, hanno suggerito che il trattamento di prima linea con Gefitinib ( Iressa ) può essere efficace...


L’impiego di Erlotinib ( Tarceva ) dopo fallimento di Gefitinib ( Iressa ) nei pazienti con tumore polmonare non a...