Efficacia preliminare di Rilvegostomig, un anticorpo bispecifico mirato a PD-1 e TIGIT, nel carcinoma polmonare non-a-piccole cellule avanzato / metastatico precedentemente trattato con inibitori del checkpoint: studio ARTEMIDE-01


PD-1 e TIGIT sono due recettori che sono coinvolti nell'immunosoppressione delle cellule T correlate al cancro.
Rilvegostomig è un IgG1 bispecifico umanizzato mirato a PD-1 e TIGIT. Ha dimostrato un'attività incoraggiante rispetto alle combinazioni anti-PD-1 e anti-PD-1/-TIGIT in modelli murini.

Sono stati riportati i dati dell’incremento della dose ( Parte A ) e di una coorte di espansione ( Parte B ) dello studio ARTEMIDE-01.

ARTEMIDE-01 è uno studio multicentrico in aperto che ha arruolato pazienti con cancro al polmone non-a-piccole cellule ( NSCLC ) in fase avanzata che avevano avuto un precedente trattamento con inibitori del checkpoint e un punteggio di proporzione del tumore ( TPS ) PD-L1 maggiore o uguale a 1%.
La Parte A ha valutato dosi di 70-1500 mg per via endovenosa di Rilvegostomig Q3W ( ogni 3 settimane ); la Parte B ha valutato la dose raccomandata per la fase 2 ( RP2D ).

Gli endpoint primari includevano sicurezza, tollerabilità, tossicità dose-limitante ( DLT ) ed efficacia preliminare. Gli endpoint secondari comprendevano: farmacocinetica e progressione della malattia, definiti come occupazione percentuale dei recettori di PD-1 e di TIGIT.

Al 5 dicembre 2022, sono stati arruolati 80 pazienti ( Parte A, n=48; Parte B, n=32 ). I pazienti erano per il 62,5% maschi, età mediana 63,5 anni; il 72,5% aveva un adenocarcinoma, il 23,8% un carcinoma a cellule squamose; il 96,3% aveva una malattia metastatica; e il 22,5% aveva metastasi cerebrali. I pazienti avevano una mediana di 2 regimi precedenti.

La durata media della terapia è stata di 11 settimane. Rilvegostomig è risultato ben tollerato senza tossicità dose-limitante.

In totale, il 46,3% dei pazienti ha manifestato eventi avversi correlati al trattamento ( TRAE ), tutti di grado 1-3; i più comuni erano: prurito, rash e aumento della lipasi ( 6,3% ciascuno ).
Gli eventi TRAE gravi si sono verificati in 3 pazienti ( 3,8% ): disturbo del sistema immunitario, epatite acuta e affaticamento ( n=1 ciascuno ).

L’esposizione sistemica a Rilvegostomig è aumentata in modo quasi proporzionale alla dose. Dosi maggiori o uguali a 210 mg hanno raggiunto circa il 90% di occupazione dei recettori di PD-1 e di TIGIT nelle cellule T periferiche.

La dose RP2D è stata determinata in 750 mg una volta ogni 3 settimane in base alla sicurezza, all'efficacia preliminare, alla farmacocinetica / progressione della malattia, e all'analisi modale predittiva dell'occupazione recettoriale intratumorale.

Dei 76 pazienti valutabili, 3 hanno avuto una risposta parziale e 30 hanno presentato una malattia stabile. Il tempo alla risposta è stato di 1,9-4,0 mesi e la durata della risposta è stata di 2,1-6,4 mesi.

In conclusione, in questa analisi provvisoria, Rilvegostomig ha mostrato un profilo di sicurezza accettabile e un'attività antitumorale preliminare nei pazienti con tumore polmonare non-a piccole cellule avanzato / metastatico precedentemente trattati con terapia standard comprendente inibitori del checkpoint. ( Xagena2023 )

Fonte: American Society of Clinical Oncology ( ASCO ) Meeting, 2023

Pneumo2023 Onco2023 Farma2023



Indietro

Altri articoli

La sicurezza e l'efficacia di Nivolumab 3 mg/kg come agente singolo per il trattamento del tumore al polmone non-a-piccole cellule...


La sicurezza e l'efficacia di Nivolumab ( Opdivo ) 3 mg/kg come agente singolo per il trattamento del tumore del...


Lo studio ADRIATIC ha dimostrato che il trattamento di consolidamento con Durvalumab ( Imfinzi ) dopo chemioradioterapia concomitante ha migliorato...



Sunvozertinib è un inibitore orale, irreversibile e selettivo della tirosina chinasi che presenta un profilo di sicurezza favorevole e un'attività...



Il beneficio di Camrelizumab neoadiuvante più chemioterapia per il tumore al polmone non-a-piccole cellule ( NSCLC ) resecabile in stadio...


La sovraespressione delle mutazioni della proteina c-Met e del recettore del fattore di crescita epidermico ( EGFR ) può coesistere...



Tra i pazienti con tumore polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ) resecabile allo stadio iniziale, un approccio perioperatorio che include...