Sunvozertinib per i pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule localmente avanzato o metastatico pretrattato con Platino e mutazione da inserzione dell'esone 20 di EGFR - Studio di fase 2 WU-KONG6


Sunvozertinib è un inibitore orale, irreversibile e selettivo della tirosina chinasi che presenta un profilo di sicurezza favorevole e un'attività antitumorale incoraggiante, come dimostrato negli studi di fase 1 condotti su pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ) pesantemente pretrattato con mutazione da inserzione dell'esone 20 di EGFR ( esone20ins ).
L'obiettivo di uno studio è stato quello di valutare l'efficacia antitumorale di Sunvozertinib nei pazienti con cancro al polmone non-a-piccole cellule localmente avanzato o metastatico pretrattato con Platino con inserzione dell'esone 20 di EGFR.

WU-KONG6 è uno studio di fase 2 multicentrico, a gruppo singolo, in aperto, sulla monoterapia con Sunvozertinib, condotto in 37 centri medici in Cina.
Lo studio ha arruolato pazienti adulti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule, confermato patologicamente o citologicamente, localmente avanzato o metastatico, il cui tessuto tumorale presentava una mutazione di EGFR con inserzione dell' esone 20.
Tutti i pazienti avevano ricevuto in precedenza almeno una linea di terapia sistemica, di cui almeno una linea contenente chemioterapia a base di Platino.

L'endpoint primario era il tasso di risposta obiettiva ( ORR ), valutato dal Comitato di revisione indipendente. L'ORR è stato definito come la percentuale di pazienti che hanno ottenuto una risposta completa o parziale, confermata da due valutazioni separate con un intervallo di tempo di almeno 4 settimane, fino a progressione della malattia o all'inizio di una nuova terapia antitumorale.

I pazienti arruolati hanno ricevuto Sunvozertinib 300 mg una volta al giorno fino a soddisfare i criteri di interruzione previsti dal protocollo. I pazienti che hanno ricevuto almeno una dose di trattamento ed erano valutabili per l'analisi di efficacia sono stati inclusi nell'analisi primaria e tutti i pazienti che hanno ricevuto almeno una dose di trattamento sono stati inclusi nell'analisi di sicurezza.

Tra il 2021 e il 2022 sono stati arruolati 104 pazienti. Al momento del cut-off dei dati ( 17 ottobre 2022 ), l'ultimo paziente arruolato era stato seguito per circa 6 mesi.

Tra i 97 pazienti valutabili per l'analisi di efficacia, 59 ( 61% ) pazienti hanno ottenuto una risposta tumorale, con un ORR confermato del 61% ( IC 95% 50–71 ). Tutte le risposte tumorali erano risposte parziali.
Le risposte tumorali sono state osservate indipendentemente da età, sesso, storia di fumo, sottotipi di esoni 20 di EGFR, metastasi cerebrali al basale, precedenti linee di terapia e storia di oncoimmunoterapia.

In totale, si sono verificati 19 decessi in un periodo di follow-up mediano di 7,6 mesi ( IQR 6,1–9,4 ).

Sunvozertinib è risultato ben tollerato alla dose di 300 mg una volta al giorno.
Gli eventi avversi più comuni di grado 3 o superiore correlati al trattamento sono stati: aumento della creatina fosfochinasi nel sangue ( 18 [ 17% ] su 104 ), diarrea ( 8 [ 8% ] ) e anemia ( 6 [ 6% ] ).
Gli eventi avversi gravi correlati al trattamento più comuni sono stati: malattia polmonare interstiziale ( 5 [ 5% ] su 104 ), anemia ( 3 [ 3% ] ), vomito ( 2 [ 2% ] ), nausea ( 2 [ 2% ] ) e polmonite ( 2 [ 2% ] ).

In questo studio di fase 2, Sunvozertinib ha dimostrato efficacia antitumorale nei pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule pretrattato con chemioterapia a base di Platino con inserzione dell'esone 20 di EGFR, con un profilo di sicurezza gestibile. ( Xagena2024 )

Wang M, et al. Lancet Respir Med 2024;12(3):217-224

Pneumo2024 Onco2024 Farma2024



Indietro

Altri articoli

La sicurezza e l'efficacia di Nivolumab 3 mg/kg come agente singolo per il trattamento del tumore al polmone non-a-piccole cellule...


La sicurezza e l'efficacia di Nivolumab ( Opdivo ) 3 mg/kg come agente singolo per il trattamento del tumore del...


Lo studio ADRIATIC ha dimostrato che il trattamento di consolidamento con Durvalumab ( Imfinzi ) dopo chemioradioterapia concomitante ha migliorato...




Il beneficio di Camrelizumab neoadiuvante più chemioterapia per il tumore al polmone non-a-piccole cellule ( NSCLC ) resecabile in stadio...


La sovraespressione delle mutazioni della proteina c-Met e del recettore del fattore di crescita epidermico ( EGFR ) può coesistere...



Tra i pazienti con tumore polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ) resecabile allo stadio iniziale, un approccio perioperatorio che include...