Telisotuzumab vedotin in combinazione con Erlotinib nei pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule che esprime la proteina c-Met


La sovraespressione delle mutazioni della proteina c-Met e del recettore del fattore di crescita epidermico ( EGFR ) può coesistere nel tumore al polmone non-a-piccole cellule ( NSCLC ), fornendo una forte motivazione per il doppio targeting.

Telisotuzumab vedotin ( Teliso-V ), un coniugato anticorpo-farmaco, primo-in-classe, mirato a c-Met, ha mostrato un profilo di sicurezza tollerabile e attività antitumorale in monoterapia.

Sono stati riportati i risultati di uno studio di fase Ib che ha valutato Teliso-V più Erlotinib ( Tarceva ), un inibitore della tirosin-chinasi ( TKI ) di EGFR, in pazienti con tumore polmonare non-a piccole cellule c-Met-positivo.

Questo studio ha valutato Teliso-V ( 2.7 mg/kg una volta ogni 21 giorni ) più Erlotinib ( 150 mg una volta al giorno ) nei pazienti adulti di età maggiore o uguale a 18 anni con tumore al polmone non a piccole cellule c-Met+.
L'arruolamento successivo richiedeva la presenza di una mutazione attivante EGFR ( EGFR-M+ ) e la progressione con un precedente inibitore tirosin-chinasico di EGFR.

Gli endpoint includevano sicurezza, farmacocinetica, tasso di risposta obiettiva ( ORR ) e sopravvivenza libera da progressione ( PFS ).
La popolazione valutabile per l'efficacia era composta da pazienti c-Met+ ( istologia confermata, punteggio H superiore o uguale a 150 ) che avevano almeno una scansione postbasale; i pazienti con c-Met+ con punteggi H superiori o uguali a 225 sono stati classificati come c-Met alti.

A gennaio 2020, sono stati arruolati 42 pazienti ( n=36 valutabili in termini di efficacia ).

Le neuropatie sono stati gli eventi avversi di qualsiasi grado più comuni segnalati, con 24 pazienti su 42 ( 57% ) che hanno manifestato almeno un evento.

Il profilo farmacocinetico di Teliso-V più Erlotinib è stato simile a Teliso-V in monoterapia.

La sopravvivenza mediana libera da progressione per tutti i pazienti valutabili per l'efficacia è stata di 5.9 mesi.

Il tasso di risposta globale per i pazienti con EGFR-M+ ( n=28 ) è stata del 32.1%. Dei pazienti con EGFR-M+, quelli che erano c-Met alti ( n=15 ) avevano un tasso ORR del 52.6%.

La sopravvivenza mediana senza progressione è stata di 6.8 mesi per i soggetti non-T790M+ e per coloro il cui stato T790M era sconosciuto, contro 3.7 mesi per T790M+.

Teliso-V più Erlotinib ha mostrato un'attività antitumorale incoraggiante e una tossicità accettabile nei pazienti pretrattati con inibitori tirosin-chinasici di EGFR con cancro al polmone non-a-piccole cellule EGFR-M+, c-Met+. ( Xagena2023 )

Camidge DR et al, J Clin Oncol 2023; 41: 1105-1115

Pneumo2023 Onco2023 Farma2023



Indietro

Altri articoli

Sunvozertinib è un inibitore orale, irreversibile e selettivo della tirosina chinasi che presenta un profilo di sicurezza favorevole e un'attività...


Il beneficio di Camrelizumab neoadiuvante più chemioterapia per il tumore al polmone non-a-piccole cellule ( NSCLC ) resecabile in stadio...



Tra i pazienti con tumore polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ) resecabile allo stadio iniziale, un approccio perioperatorio che include...



Lazertinib è un potente inibitore della tirosina chinasi di EGFR, di terza generazione, che penetra nel sistema nervoso centrale. Lo...


Il tumore polmonare a piccole cellule ( SCLC ) è un tumore maligno aggressivo con trattamenti limitati. Il ligando Delta-like...



L'aggiunta di Benmelstobart ad Anlotinib ed Etoposide più Carboplatino ( EC ) ha migliorato significativamente la sopravvivenza libera da progressione...