Radioterapia stereotassica ablativa versus lobectomia per carcinoma polmonare non-a-piccole cellule in stadio I, operabile


Lo standard di cura per il tumore del polmone non-a-piccole cellule ( NSCLC ) operabile, in stadio I, è la lobectomia con dissezione linfonodale mediastinica o rimozione dei linfonodi mediastinici anomali.

La radioterapia stereotassica ablativa ( SABR ) per il tumore NSCLC in fase I inoperabile ha mostrato risultati promettenti, ma due studi indipendenti, randomizzati, di fase 3, con radioterapia stereotassica ablativa in pazienti con carcinoma del polmone non-a-piccole cellule operabile in stadio I ( STARS e ROSEL ) sono stati interrotti precocemente a causa della lentezza nell’arruolamento.

Un nuovo studio ha valutato la sopravvivenza complessiva per radioterapia stereotassica ablativa, rispetto alla chirurgia, raggruppando i dati degli studi STARS e ROSEL.

I pazienti eleggibili negli studi STARS e ROSEL erano quelli con tumore NSCLC operabile T1-2a ( inferiore a 4 cm ), N0M0.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a radioterapia stereotassica ablativa o a lobectomia con dissezione linfonodale mediastinica o asportazione.

È stata effettuata una analisi globale nella popolazione intention-to-treat utilizzando la sopravvivenza globale come endpoint primario.

58 pazienti sono stati arruolati in modo casuale e assegnati ( 31 a SABR e 27 alla chirurgia ).

Il follow-up è stato di 40.2 mesi per il gruppo SABR e di 35.4 mesi per il gruppo chirurgia.

6 pazienti nel gruppo chirurgia sono morti versus 1 paziente nel gruppo radioterapia stereotassica ablativa.

La sopravvivenza globale stimata a 3 anni è stata del 95% nel gruppo radioterapia stereotassica ablativa contro il 79% nel gruppo chirurgico ( hazard ratio, HR=0.14, log-rank P=0.037 ).

La sopravvivenza libera da recidive a 3 anni è stata dell'86% nel gruppo radioterapia stereotassica ablativa e dell’80% nel gruppo chirurgico ( HR=0.69, log-rank P=0.54 ).

Nel gruppo intervento chirurgico, un paziente ha presentato recidiva linfonodale regionale e due hanno avuto metastasi a distanza; nel gruppo radioterapia stereotassica ablativa, 1 paziente è andato incontro a recidiva locale, 4 hanno presentato recidiva linfonodale regionale, e 1 metastasi a distanza.

3 ( 10% ) pazienti nel gruppo radioterapia stereotassica ablativa hanno manifestato eventi avversi di grado 3 correlati al trattamento ( 3 [ 10% ] dolore della parete toracica, 2 [ 6% ] dispnea o tosse, e 1 [ 3% ] fatica e frattura di una costola ).

Nessun paziente che sottoposto a radioterapia stereotassica ablativa ha avuto eventi avversi di grado 4 o decesso correlato al trattamento.

Nel gruppo chirurgico, 1 paziente ( 4% ) è morto a causa di complicanze chirurgiche e 12 ( 44% ) pazienti hanno presentato eventi avversi di grado 3-4 correlati al trattamento.

Gli eventi avversi di grado 3 che si sono verificati in più di un paziente nel gruppo chirurgico sono stati: dispnea ( n=4; 15% ), dolore toracico ( n=4; 15% ) e infezioni polmonari ( n=2; 7% ).

La radioterapia stereotassica ablativa potrebbe rappresentare una opzione per il trattamento del carcinoma polmonare non-a-piccole cellule in fase I operabile.
A causa delle piccole dimensioni del campione del paziente e del breve follow-up, sono necessari ulteriori studi randomizzati che confrontino la radioterapia stereotassica ablativa con la chirurgia nei pazienti operabili. ( Xagena2015 )

Chang JY et al, Lancet 2016;16:630-637

Onco2015 Pneumo2015 Chiru2015



Indietro

Altri articoli

Uno studio prospettico di fase 1/2 a braccio singolo ha mostrato che Nelfinavir mesilato ( Viracept ) somministrato in modo...


Nel corso dello studio PACIFIC di fase 3 in corso, Durvalumab ( Imfinzi ) ha migliorato gli endpoint primari di...


Nel carcinoma polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ) allo stadio iniziale, la mortalità post-trattamento può influenzare l'efficacia comparativa della chirurgia...


Quattro cicli di Etoposide più Cisplatino e radioterapia toracica iperfrazionata accelerata rappresentano la terapia standard per il carcinoma del polmone...


Mancano terapie di mantenimento efficaci dopo la chemioradioterapia per il carcinoma polmonare. È stato condotto uno studio per valutare se...


L’endpoint considerato gold standard negli studi clinici di chemioterapia e radioterapia per il tumore al polmone è la sopravvivenza generale.Benché...


In uno studio prospettico finanziato dal National Cancer Institute ( NCI ) e condotto dal American College of Radiology Imaging...


Molti studi randomizzati e controllati hanno valutato l’effetto della chemioterapia adiuvante nel carcinoma polmonare non-a-piccole cellule operabili e recentemente sono...