Benmelstobart in prima linea più Anlotinib e chemioterapia migliora la sopravvivenza rispetto al placebo nel carcinoma polmonare a piccole cellule in stadio esteso


L'aggiunta di Benmelstobart ad Anlotinib ed Etoposide più Carboplatino ( EC ) ha migliorato significativamente la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) e la sopravvivenza globale ( OS ) rispetto al placebo più Etoposide e Carboplatino quando utilizzata nel trattamento di prima linea dei pazienti con carcinoma polmonare a piccole cellule in stadio esteso ( ES-SCLC ), secondo i dati dello studio di fase 3 ETER701.

I dati, presentati alla Conferenza mondiale sul tumore al polmone WCLC, hanno mostrato che nella popolazione ITT ( Intent-to-Treat ), il regime a base di Benmelstobart ( n = 246 ) ha prodotto una sopravvivenza mediana libera da progressione di 6,93 ( IC 95%, 6,18-8,25 ) mesi rispetto a 4,21 mesi ( IC 95%, 4,17-4,24 ) con placebo più Etoposide più Carboplatino ( n = 247 ), che si traduce in una riduzione del 68% del rischio di progressione della malattia e morte ( hazard ratio, HR, 0,32; IC 95%, 0,26-0,41; P minore di 0.0001 ).
I tassi di sopravvivenza libera da progressione a 6 mesi nei bracci Benmelstobart e placebo sono stati rispettivamente del 59,11% e del 16,55%; i tassi di sopravvivenza PFS a 12 mesi sono stati rispettivamente del 27,91% e del 2,29%.

In questa popolazione la combinazione di Benmelstobart ha inoltre ridotto il rischio di morte del 39% rispetto al placebo più Etoposide più Carboplatino.
La sopravvivenza globale ( OS ) mediana è stata di 19,32 mesi ( IC 95%, 14,23 - non-valutabile ) con Benmelstobart vs 11,89 mesi ( IC al 95%, 10,74-13,37 ) con placebo ( HR, 0,61; IC 95%, 0,46-0,79; P = 0,0002 ).
I tassi di sopravvivenza globale a 12 mesi sono stati rispettivamente del 64,12% contro 49,00%, e i tassi di sopravvivenza OS a 24 mesi erano rispettivamente del 41,83% contro 24,24%.

Lo studio di fase 3, multicentrico, controllato con placebo, randomizzato, ha incluso pazienti con il tumore al polmone a piccole cellule in stadio esteso, patologicamente confermato, di età compresa tra 18 e 75 anni e che non avevano precedentemente ricevuto un trattamento sistemico. Dovevano avere una malattia misurabile secondo i criteri RECIST v1.1, un performance status ECOG compreso tra 0 e 1 e una funzione d'organo accettabile.
Erano ammessi pazienti con metastasi cerebrali asintomatiche o trattate e stabili.

I partecipanti allo studio ( n = 738 ) sono stati assegnati in modo casuale in un rapporto 1:1:1 a ricevere un trattamento di induzione, composto da quattro cicli di 21 giorni, di Benmelstobart alla dose di 1.200 mg al giorno 1 più Anlotinib alla dose di 12 mg nei giorni da 1 a 14, ed Etoposide più Carboplatino seguito da trattamento di mantenimento con Benmelstobart e Anlotinib; placebo più Anlotinib alla dose di 12 mg nei giorni da 1 a 14 più Etoposide più Carboplatino seguito da placebo di mantenimento più Anlotinib; o placebo più placebo più Etoposide più Carboplatino seguito da placebo nel contesto di mantenimento.

I fattori chiave di stratificazione includevano il performance status ( 0 vs 1 ), la presenza di metastasi cerebrali ( sì vs no ) e la presenza di metastasi epatiche ( sì vs no ).

La sopravvivenza globale e la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) secondo i criteri RECIST v1.1 sono serviti come endpoint primari dello studio.
Nello studio è stato utilizzato un test a sequenza fissa per i confronti tra i gruppi di trattamento.
Gli endpoint secondari includevano la sopravvivenza libera da progressione valutata dallo sperimentatore in base ai criteri RECIST v1.1 e iRECIST, il tasso di risposta obiettiva ( ORR ), il tasso di controllo della malattia ( DCR ), la durata della risposta ( DoR ), il tasso di sopravvivenza libera da progressione a 6 e 12 mesi, tasso di sopravvivenza globale a 18 mesi, qualità di vita e sicurezza / tollerabilità.

L’età media dei pazienti che hanno ricevuto il regime di Benmelstobart era di 62 anni ( intervallo 36-75 ) rispetto a 63 anni ( intervallo 30-75 ) nel braccio placebo.
La maggior parte dei pazienti era di sesso maschile ( 85% vs 83,8% ), aveva un performance status ECOG pari a 1 ( 80,9% vs 80,6% ), era ex fumatore ( 62,6% vs 64% ), aveva una malattia in stadio esteso ( 99,6% vs 97,2% ) e malattia in stadio IV ( 87,8% vs 91,1% ).
Nel braccio Benmelstobart, il 10,2% dei pazienti aveva metastasi cerebrali, il 32,1% aveva metastasi al fegato e il 28% aveva metastasi ossee; nel braccio placebo, questi tassi erano rispettivamente del 10,5%, 32% e 27,9%.

In tutti i sottogruppi analizzati, la sopravvivenza senza progressione e la sopravvivenza globale sono stati a favore di Benmelstobart più Anlotinib ed Etoposide più Carboplatino rispetto a placebo ed Etoposide più Carboplatino.

Ulteriori dati hanno mostrato che Benmelstobart più Anlotinib ed Etoposide più Carboplatino hanno prodotto un tasso di risposta globale dell'81,30% ( IC 95%, 75,86%-85,97% ) rispetto al 66,80% ( IC 95%, 60,55%-72,64% ) con placebo più Etoposide più Carboplatino ( P = 0,0001 ).
Il tasso di controllo della malattia nel braccio Benmelstobart è stato del 90,65% ( IC 95%, 86,30%-93,98% ) contro 87,04% ( IC 95%, 82,21%-90,97% ) nel braccio placebo ( P = 0,2003 ).
La durata mediana di risposta con il regime di Benmelstobart è stato di 5,75 mesi ( IC 95%, 5,52-7,20 ) rispetto a 3,09 mesi ( IC 95%, 2,89-4,11 ) con placebo / Etoposide più Carboplatino ( HR, 0,31; IC 95%, 0,24-0,41; P minore di 0.0001 ).

Dei 738 pazienti sottoposti a randomizzazione, 246 sono stati assegnati al braccio Benmelstobart, 245 sono stati assegnati al braccio Anlotinib più Etoposide più Carboplatino e 247 sono stati assegnati al braccio placebo / Etoposide più Carboplatino; 246, 244 e 246 pazienti, rispettivamente, hanno ricevuto almeno 1 dose del trattamento assegnato e quindi costituivano la popolazione di sicurezza dello studio.

Nel braccio Benmelstobart, 29 hanno interrotto il trattamento di induzione a causa di ritiro del consenso ( n = 10 ), progressione della malattia ( n = 5 ), tossicità ( n = 5 ), morte ( n = 3 ), deviazione dal protocollo ( n = 1 ), perdita al follow-up ( n = 1 ) o per altri motivi ( n = 4 ).
Un totale di 217 pazienti hanno completato il trattamento di induzione, ma 3 si sono ritirati.
Un totale di 214 pazienti hanno ricevuto la terapia di mantenimento; 160 di questi pazienti hanno interrotto il trattamento a causa di progressione ( n = 133 ), effetti avversi ( EA; n = 12 ), ritiro del consenso ( n = 9 ), morte ( n = 5 ) o altri motivi ( n = 1 ).

Al momento del cut-off dei dati del 14 maggio 2022, 54 pazienti nel braccio Benmelstobart stavano ancora ricevendo il trattamento contro 9 pazienti nel braccio placebo.
Inoltre, il 47,6% e il 74,8% dei pazienti, rispettivamente, hanno ricevuto una terapia successiva, mentre il 13% e il 21,5% dei pazienti, rispettivamente, hanno ricevuto una successiva immunoterapia.

Gli eventi avversi di qualsiasi grado correlati al trattamento ( TRAE ) sono stati riscontrati da tutti i pazienti valutabili per la sicurezza che hanno ricevuto il regime di Benmelstobart ( n = 246 ) rispetto al 99,6% dei pazienti valutabili per la sicurezza che hanno ricevuto placebo / Etoposide più Carboplatino ( n = 246 ); gli eventi TRAE di grado 3 o superiore sono stati riscontrati rispettivamente nel 93,1% e nell'87,0% dei pazienti.
Nel braccio Benmelstobart, gli eventi TRAE di qualsiasi grado hanno comportato una riduzione della dose o un’interruzione del trattamento nel 50,4% dei pazienti, qualsiasi interruzione nell’8,5% e morte nel 4,5%; nel braccio placebo, questi tassi erano rispettivamente del 23,2%, 2,8% e 1,6%. Gli eventi avversi immuno-correlati ( irAE ) di qualsiasi grado sono stati segnalati nel 42,7% di coloro che hanno ricevuto la combinazione di Benmelstobart rispetto al 19,1% di quelli trattati con placebo / Etoposide più Carboplatino ); gli eventi avversi immuno-correlati di grado 3 o superiore sono stati riscontrati rispettivamente nel 16,7% e nel 6,9% dei pazienti.
Nel braccio Benmelstobart, gli eventi irAE hanno portato alla riduzione della dose, all’interruzione o al decesso rispettivamente nel 6,5%, 8,1% e 2,0% dei pazienti; questi tassi erano rispettivamente del 2,0%, 1,6% e 0,4% nel braccio placebo.
Sono stati osservati eventi avversi gravi ( SAE ) nel 54,9% di coloro che hanno ricevuto il regime di Benmelstobart rispetto al 41,1% di quelli trattati con placebo più Etoposide più Carboplatino.

Gli eventi TRAE di qualsiasi grado più comuni riscontrati dal 10% o più dei pazienti rispettivamente nei bracci Benmelstobart e placebo includevano diminuzione della conta dei neutrofili ( 91,1% vs 90,7% ), diminuzione della conta piastrinica ( 89% vs 81,7% ), diminuzione dei globuli bianchi ( 90,7% versus 91,5% ), aumento dell'alanina aminotransferasi ( 27,6% vs 29,7% ), aumento dell'aspartato aminotransferasi ( 26,8% vs 24,4% ), perdita di peso ( 18,3% vs 6,9% ), aumento dei livelli di ormone tiroideo ( 13,4% vs 3,3 % ), positività per sangue occulto ( 11,8% vs 6,9% ), diminuzione della conta dei linfociti ( 11,8% vs 9,8% ), aumento della bilirubina totale ( 11,8% vs 6,9% ) e aumento della gamma-GT ( 11% vs 11,4% ). ( Xagena2023 )

Fonte: World Conference on Lung Cancer ( WCLC ) 2023

Pneumo2023 Onco2023 Farma2023



Indietro

Altri articoli

L'anoressia si verifica nel 30-80% dei pazienti con tumori maligni avanzati, e può peggiorare con la chemioterapia. È stata valutata...


Il beneficio di Camrelizumab neoadiuvante più chemioterapia per il tumore al polmone non-a-piccole cellule ( NSCLC ) resecabile in stadio...


La sovraespressione delle mutazioni della proteina c-Met e del recettore del fattore di crescita epidermico ( EGFR ) può coesistere...



Tra i pazienti con tumore polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ) resecabile allo stadio iniziale, un approccio perioperatorio che include...



Lazertinib è un potente inibitore della tirosina chinasi di EGFR, di terza generazione, che penetra nel sistema nervoso centrale. Lo...


Il tumore polmonare a piccole cellule ( SCLC ) è un tumore maligno aggressivo con trattamenti limitati. Il ligando Delta-like...


Tra i pazienti con carcinoma al polmone non-a-piccole cellule ( NSCLC ) resecabile in stadio iniziale, un approccio perioperatorio che...